GLAMILLA
Jim Moser, sul bolide di papà Silvio
LUGANO
10.03.20 - 06:080

«Mi impegno contro le auto. Se mi sentisse mio padre...»

Jim Moser, figlio del celebre pilota si racconta: «Non amo le auto da corsa, ho intrapreso un'altra strada»

L'imprenditore non ha scelto i motori, che domava il padre Silvio, ma è in prima fila sul mercato delle biciclette elettriche.

di Redazione
Manuele Moghini

LUGANO - Silvio Moser, il primo pilota ticinese a correre in Formula 1, morto prematuramente dopo un incidente nella “1000 km” di Monza nel 1974, viene ricordato dal figlio Jim. Dal padre non ha ereditato l’interesse per il mondo dell’automobilismo e delle corse, ed è invece uno dei precursori del trasporto green ed elettrico in Ticino.

Suo padre era un pilota molto amato. Che ricordi ne ha?
«Era uno sportivo famosissimo all’epoca. Nonostante questo era molto alla mano, parlava con tutti e giocava a carte al bar, era un uomo di paese. Da piccolo lo vedevo molto poco a causa delle sue trasferte lavorative ed è mancato quando avevo solo 7 anni. È stato un grande trauma. In un certo senso l’ho conosciuto solo dopo, nei decenni successivi: amici, ammiratori e collaboratori mi hanno raccontato aneddoti a non finire».

È riuscito a trasmetterle la passione per le automobili?
«I motori non mi hanno mai appassionato. Ricordo che da piccolo mio padre mi fece sedere dentro un’auto da corsa per vedere se mi piaceva, mi misi a piangere a dirotto. Credo che un po’ si risentì, anche perché il suo amico e pilota Clay Regazzoni fece lo stesso con suo figlio, che invece ne fu contentissimo. Poi certo, l’incidente di mio padre non ha favorito un buon rapporto con le automobili».

Ha quindi intrapreso una strada del tutto diversa.
«Sono un ingegnere elettrotecnico, ho studiato al Politecnico di Zurigo. Mi considero un programmatore e un inventore: ho creato i primi prototipi di biciclette elettriche in Ticino, già più di dieci anni fa, quando si trattava di un mercato di nicchia. Da qualche anno, però, non ho più lo studio d'ingegneria e ho cambiato mestiere».

Oggi di cosa si occupa?
«Possiedo tre negozi di biciclette elettriche, a Lugano, Camorino e Mendrisio. Abbiamo iniziato molto precocemente e ci siamo imposti sul mercato, con l’obiettivo di offrire sempre il miglior prodotto al cliente. Il nostro scopo è allontanare la popolazione dall’utilizzo dell’auto, almeno per i piccoli spostamenti: la bici consuma meno ed è spesso più veloce. Se mi sentisse mio padre, gli prenderebbe un colpo!».

I suoi, di figli, che passioni hanno?
«Uno dei miei ragazzi ha seguito le mie orme, studia elettrotecnica a Zurigo. Gli altri sono ancora giovani, è presto per sapere quale strada decideranno di percorrere. Sono dell’idea che ognuno debba essere libero di seguire le proprie passioni, senza forzature».

Nessun automobilista in erba?
«Caso vuole che proprio a mio figlio Silvio piacciano molto le automobili. Ama guidare, è molto bravo, e soprattutto ama la velocità. Quando siamo insieme lascio sempre a lui il volante, e lo devo costringere a rispettare i limiti!».

Sebbene gli interessi siano stati diversi, tiene comunque viva la memoria di suo padre.
«Sì, nel 2014 abbiamo esibito alcune delle sue vetture agli spazi espositivi Lexus a Grancia. Sto inoltre preparando un'esposizione permanente per l’anno prossimo a Lugano, avremo tre automobili completamente risanate. Sarà un grande omaggio alla sua carriera».

 

«È un lusso ma posso fare l'imprenditore senza telefonino»
«Sono un bastian contrario, non amo seguire le masse», afferma Jim Moser, ormai uno dei pochi uomini in carriera rimasti a vivere senza telefonino. «Quando ero giovane e studiavo informatica mi capitava già di lavorare al computer mentre mi trovavo in viaggio, quello che oggi fanno tutti l’ho vissuto trent’anni fa. Quando si sono diffusi i telefonini ho avuto una sorta di rigetto, li usavo già da anni e mi ero reso conto che l’eccesso di tecnologia finisce per alienarci dalla realtà». Oggi, Jim riesce a gestire la sua attività e non sente la mancanza di un collegamento mobile: «È decisamente un lusso, essendo il capo di me stesso me lo posso permettere, non è così per tutti. Sicuramente la concentrazione ne beneficia, perché vengo interrotto molto raramente. Ho solamente un tablet, che uso sporadicamente per connettermi e guardare le email: le gestisco come se fossero lettere, leggendole una volta al giorno».

GLAMILLA
Guarda le 3 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
BOSCO GURIN
7 ore
«Rabbia per l'ingiustizia subita...» da Frapolli
Fumata nera dopo gli incontri: niente sconti a maestri e bambini da parte del gestore degli impianti
CANTONE
9 ore
«Aumento delle indennità al Gran Consiglio? No, grazie»
Presentata un'iniziativa parlamentare che chiede lo stralcio dell'automatismo degli aumenti
CANTONE
10 ore
Radar, ecco dove
Come ogni venerdì la Polizia comunica le località in cui potrebbero esserci controlli della velocità.
CANTONE
11 ore
Eoc, terza dose ai dipendenti over 50
L'Ente ospedaliero apre il richiamo vaccinale per i collaboratori a contatto con i pazienti
FOTO
BIOGGIO
12 ore
Sbaglia strada per colpa del navigatore e “sprofonda” in un terreno agricolo
È un'autocisterna la protagonista dell'episodio che si è verificato negli scorsi giorni a Bioggio. Sul posto i pompieri
LUGANO
14 ore
«Questo non è un vaccino flop»
Perché siamo di nuovo nei guai a causa del Covid? Cosa è stato sbagliato? Il booster ha senso?
CANTONE 
16 ore
Psico-flop universitario per «un errore dell'orientamento scolastico»
Otto deputati puntano il dito contro il DECS: «Come è possibile non essersi accorti per due anni del cambiamento?»
VIRA GAMBAROGNO
17 ore
Otto chili di eroina nell'auto
Controlli antidroga nel Gambarogno: arrestato un giovane albanese
CANTONE
17 ore
In Ticino due decessi legati al Covid-19
Negli ospedali sono ora ricoverati 66 pazienti Covid (+10 rispetto a ieri). Segnalate altre cinque quarantene di classe
LUGANO
19 ore
Incidente, riaperta la Vedeggio-Cassarate
Notevoli i disagi al traffico
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile