tipress
CANTONE
04.03.20 - 08:200
Aggiornamento : 18:22

L'introduzione del 5G preoccupa buona parte degli abitanti della Svizzera italiana

A sostenerlo è un sondaggio condotto sul tema delle telecomunicazioni

Le posizioni appaiono molto nette. I timori riguardano prima di tutto i rischi per la salute, ma anche l'impatto ambientale

LUGANO - L'annuale indagine di soddisfazione condotta dal comparatore online bonus.ch sul tema delle telecomunicazioni mostra che oltre il 75% degli Svizzeri italiani che si sono dichiarati sfavorevoli all'introduzione della tecnologia 5G ha addotto come motivazione timori per la propria salute. Lo studio, condotto presso oltre 2100 persone, fa rilevare posizioni molto nette in particolare tra i giovani e nella categoria delle donne.

La maggioranza è contraria alla nuova tecnologia - La questione dell'introduzione della tecnologia 5G divide la popolazione svizzera; ma, stando alle cifre, ad essere contraria all'installazione delle nuove antenne è comunque una maggioranza: il 44.2% di chi ha partecipato al sondaggio dichiara di «essere totalmente contrario/a» o «piuttosto contrario/a». Soltanto il 34.8% si mostra favorevole, mentre il 21% non ha opinioni. Se si considerano esclusivamente i partecipanti che hanno preso una decisione definitiva in merito, si rileva una maggioranza di "contrari" del 56%, mentre ad essere favorevole è il 44% del campione.

Rischi per la salute, ma non solo - Quasi il 60% del campione giustifica la propria opposizione all'installazione del 5G con la presenza di rischi per la salute del consumatore. Con il 28%, l'impatto ambientale è la seconda ragione evocata dagli utenti contrari, mentre i rischi legati alla cyber-sicurezza e alla protezione dei dati si attestano a una percentuale del 6.8%.

Il progresso tecnologico - Chi sostiene la tecnologia 5G sottolinea al 61.5% i progressi tecnologici ad essa collegati (oggetti connessi, automazione, ecc.); seguono, con il 29.2%, i vantaggi e benefici nell'uso personale (ad esempio un migliore segnale internet per l'uso privato) e la riduzione del consumo energetico, con il 7.7%.

Donne maggiormente contrarie - In tema di 5G, uomini e donne non sono sulla stessa lunghezza d'onda. A dichiararsi "totalmente" o "piuttosto" favorevole è appena più del 20% delle utenti che hanno partecipato al sondaggio, mentre per gli utenti di sesso maschile la percentuale supera il 45%. Se si sottraggono dal calcolo i partecipanti che non si sono voluti esprimere in merito, le cifre arrivano ad estremi ancora più netti: quasi il 75% delle donne è contrario al 5G, mentre il 56.1% degli uomini accoglie favorevolmente questa tecnologia.

Non solo ticinesi - Gli svizzeri di lingua francese sono di gran lunga i più riluttanti per quanto riguarda l'arrivo di antenne 5G in Svizzera. Il 47% di loro ha espresso un parere sfavorevole, mentre solo il 30.2% si dichiara a favore. La tendenza si inverte dall'altra parte del Röstigraben, con il 49.3% di Svizzeri tedeschi favorevoli al 5G e solo il 37.1% di contrari. Nella Svizzera italiana le opinioni sono estremamente divise, con il 37.7% di favorevoli e il 36% di contrari. Se si considerano esclusivamente gli utenti che hanno effettivamente preso posizione, le differenze sono ancora più marcate: il 60.9% degli Svizzeri di lingua francese si oppone al 5G, mentre il 57% degli Svizzeri tedeschi è favorevole.

I giovani dicono sì - I partecipanti al sondaggio di età inferiore ai 30 anni sono la fascia d'età di gran lunga più favorevole al 5G. Si tratta in effetti dell'unica fascia d'età che è in maggioranza favorevole. Il 47.9% del campione in questa fascia d'età si dichiara o "totalmente favorevole" o "piuttosto favorevole", mentre le opinioni sfavorevoli raggiungono il 39.6%. Le altre fasce d'età sono per la maggior parte "totalmente" o "piuttosto" contrarie, con percentuali oscillanti tra il 40.1% e il 46.7%. Sottraendo i partecipanti che non hanno espresso opinioni, la proporzione di giovani favorevoli all'installazione del 5G in Svizzera sale al 54.8%. I meno convinti sono i partecipanti tra i 50 e i 59 anni, con il 59.2% di valutazioni contrarie.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Nazgul 1 anno fa su tio
Ahhahha "buona parte degli abitanti della Svizzera italiana": 2'100 interrogati, 44,2% sfavorevoli, vale a dire circa 928 persone, che corrispondono grossomodo allo 0,25% della popolazione della Svizezra italiana. Buona parte xD
Pepperos 1 anno fa su tio
Si an Zingg Tranquillo Per fortuna che Google la pensa diversamente. Copertura di satellitare e a 360* geostationary Chiamasi the progress
fakocer 1 anno fa su tio
@Pepperos Anche Cernobyl fu associato al progresso. Per l'estinzione della contaminazione occorreranno 25mila anni. Niet problema. l'attuale generazione si è già sterilizzata testicoli e prostata con i telefonini in tasca e le antenne sui tetti. Ohne mühe ziel erreicht diceva l'Adolfo. ma gli è andata storta. Con la tecnica di quinta generazione al traguardo si arriverà più velecemente.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
RIAZZINO
10 ore
Il Vanilla si ferma dopo appena due mesi
La discoteca più grande della Svizzera abbassa di nuovo la serranda. La causa è sempre la stessa
LUGANO
14 ore
«Sempre più solo, così il prete cede al sesso»
Torna d'attualità il celibato obbligatorio tra i sacerdoti cattolici. Il teologo Alberto Bondolfi lo abolirebbe.
CANTONE
15 ore
Con la mascherina già dalla quarta elementare
Il Consiglio di Stato ha comunicato ai Comuni di voler introdurre la misura a partire da lunedì.
CANTONE
17 ore
Test ripetuti nelle scuole? «I laboratori sarebbero in difficoltà»
Ecco il parere ticinese sulle misure anti-coronavirus che il Consiglio federale ha messo in consultazione
LUGANO
18 ore
Ex Macello, di nuovo interrogata Karin Valenzano Rossi
La municipale ha risposto oggi alle domande dell'avvocato degli autogestiti Costantino Castelli.
CANTONE
22 ore
Le quarantene di classe salgono ancora: ce ne sono altre 12
Anche il Ticino deve fare i conti con la quinta ondata. Mai così tanti casi giornalieri dal 6 gennaio scorso a oggi.
CANTONE
23 ore
Scatta Prevena 2021: ecco come prevenire furti e borseggi
I consigli della polizia per le festività. Prevista la presenza accresciuta di agenti su tutto il territorio
LUGANO
1 gior
L'Orto a scuola, perché solo con loro il futuro sarà più green
Alle scuole elementari di Besso ha preso avvio un innovativo progetto di "Permacultura".
FOCUS
1 gior
Che fine ha fatto l'AIDS?
Esiste da 40 anni. Un vaccino ancora non c'è. Perché? Intervista a Enos Bernasconi, viceprimario Malattie infettive ORL
LOCARNO
1 gior
«Ecco l'idea che libererà le valli dai campeggiatori selvaggi»
L'app "parknsleep.eu" vince il premio per l'innovazione del turismo svizzero. E sbarca anche in Ticino.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile