Immobili
Veicoli
FFS
BELLINZONA
03.03.20 - 11:530

«Il terzo binario migliorerà l'offerta di trasporto pubblico»

L'ATA prende posizione sulle migliorie previste per il progetto FFS da 170 milioni di franchi

Storni: «Si potrà finalmente realizzare la fermata in Piazza Indipendenza»

BELLINZONA - Il completamento del terzo binario tra Bellinzona e Giubiasco rappresenta un tassello fondamentale per aumentare sulla tratta in questione la capacità per i treni passeggeri regionali e per realizzare la fermata di Piazza Indipendenza. È quando ribadisce l’Associazione traffico e ambiente (ATA), che oggi prende posizione sul futuro del progetto da 170 milioni di franchi.

Un progetto delle FFS che negli scorsi mesi, lo ricordiamo, si è dovuto confrontare con oltre una ventina di opposizioni, scaturite dalle preoccupazioni per l’elettrosmog, il rumore e le vibrazioni causate dall’esercizio ferroviario. Ma di recente le FFS hanno sottoposto all’Ufficio federale dei trasporti alcune migliorie che dovrebbero permettere di rispettare i limiti ammessi per le radiazioni elettromagnetiche. Migliorie di cui l’ATA prende atto con soddisfazione, «perché il progetto potrà finalmente andare avanti» ci dice Bruno Storni, consigliere nazionale e presidente dell’associazione.

La S90... fino a Giubiasco - Ma l’ATA vuole chiarire - appunto - che l’investimento va a favore del traffico passeggeri. «Per le 260 tracce merci attraverso la galleria di base del San Gottardo, l’attuale strettoia a due binari ancora esistente tra Bellinzona e Giubiasco non rappresenta un problema - afferma Storni - ma limita il passaggio dei treni viaggiatori». Un problema di capacità che - dopo la messa in esercizio della galleria di base del Ceneri - costringerà la futura linea S90 (Mendrisio-Giubiasco via linea di “montagna”) a fare capolinea a Giubiasco. I passeggeri provenienti dalla Valle del Vedeggio diretti a Bellinzona dovranno quindi cambiare treno.

L’associazione ribadisce pertanto il suo sostegno «a quest’importante opera che porterà un notevole miglioramento dell’offerta di trasporti pubblici nell’agglomerato bellinzonese e nel cantone».

L'interpellanza dei Verdi - Di recente sulla questione era anche scattata un’interpellanza comunale firmata da Marco Noi e Ronnie David (Verdi). All’esecutivo bellinzonese si chiedevano lumi non soltanto sulla problematica delle radiazioni elettromagnetiche, ma anche sull’impatto del previsto cantiere. Si parla infatti di vibrazioni e rumori, come pure di inquinamento atmosferico e aumento di traffico provocato dagli automezzi edili.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Nmemo 2 anni fa su tio
La fermata in Piazza Indipendenza? Polvere negli occhi da vendere elettoralmente come "medaglia al merito". Per la circonvallazione la classe politica non si è ancora svegliata dal letargo.
cf. 2 anni fa su tio
Guarda che la linea tra Coppet e Ginevra è già oggi INTERAMENTE a tre binari. Guarda le foto satellitari se non ci credi.
Luro 2 anni fa su tio
@cf. Ho scritto errroneamente 3° bianario di sorpasso, è invece un "binario di sorpasso" (voie de dépassement fret Coppet- Genève) che serve ai merci, esattamente come si vuole fare a Bellinzona. E un dispositivo che permette di "posteggiare" brevemente i treni merci e lasciar passare i passeggeri. Vedi TV romanda https://www.rts.ch/info/suisse/11119985-la-nouvelle-voie-de-depassement-fret-coppet-founex-mise-en- service.html
tkch 2 anni fa su tio
Forse perchè la topologia ginevrina è leggermente diversa, per la stazione in centro (che abbiamo voluto tenere) ed alp transit che tra biasca e giubiasco percorrerà la linea vecchia. Forse... ma dico forse... perchè effettivamente il terzo binario si poteva fare a pianezzo.
Luro 2 anni fa su tio
A fine febbraio, alle porte di Ginevra nella CAMPAGNA presso Coppet, é stato inaugurato un 3° binario di sorpasso che servirà a gestire il denso traffico ferroviario proprio come si vuole fare da noi (rallentare i treni merci e permettere ai treni passeggeri di superarli). Domanda: perché da noi lo stesso bisogno si concretizza nel CENTRO della vecchia Bellinzona, con enormi lavori di traforo sotto il castello, colata di cemento dietro la piccola Piazza Indipendenza e altri disagi (inquinamento fonico, elettrosmog, vibrazioni sotto le mura del castello)? Abbiamo 30 anni di ritardo sulla mobilità pubblica, ma non per questo occorre affrettarsi a creare una pretestuosa e inutile fermata a soli 45 secondi dalla Stazione principale, inventandoci un fumoso concetto “tram-treno cittadino" sconosciuto nelle città dove si è pianificato un po' meglio ed esistono linee di tram e métro con le loro fermate.
Mattiatr 2 anni fa su tio
@Luro Andrà a finire che col tempo di frenata e ripartenza del treno, i tempi di percorrenza saranno molto simili a una corsa fra la piazza e la stazione. Pure io trovo che le troppe fermate siano banali e dispendiose. Così si limita chi arriva da lontano. Non so come saranno gestiti i treni dopo la galleria di base del Ceneri. So però che fermarsi ogni due minuti col treno porta più fastidi agli utenti che comodità. Però la maggioranza comanda sulla ragione. Meglio dar ascolto a qualche politico o agli studenti della Leventina che oltre al viaggio chilometrico dovranno pure subirsi le noie causate dai capricci di qualcuno?
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LOSONE
3 ore
Il "re del karaoke" insegna calcio e inglese ai ragazzini
Sfida estiva per lo showman Jimmy Smeraldi: «Abbino pallone e apprendimento della lingua. Ci divertiremo».
CANTONE
6 ore
Turisti spaventati dai lupi? «Il problema non esiste»
I lupi, contrariamente a quanto affermato da Germano Mattei, non influenzerebbero negativamente il turismo ticinese.
CANTONE
6 ore
Il vaiolo delle scimmie «non è il coronavirus»
Giorgio Merlani tranquillizza tutti sulla malattia: «Per contrarla ci vuole un contatto molto stretto e prolungato».
CANTONE
9 ore
Anche in ospedali, cliniche e case anziani si ritorna (quasi) alla normalità
L’andamento epidemiologico attuale permette di allentare ulteriormente le misure di protezione in atto.
POSCHIAVO (GR)
9 ore
L'amo tocca i fili della corrente: pescatore muore folgorato
La tragedia è avvenuta domenica mattina nel fiume Val Pednal, a Li Curt nel Comune di Poschiavo.
CANTONE/SVIZZERA
12 ore
Fa troppo caldo, anche per lavorare?
La colonnina di mercurio sta superando nuovi record già nel mese di maggio
CANTONE
12 ore
I contadini si scagliano contro il Governo: «A quando l'abbattimento?»
A causa del lupo «anche il turismo sta subendo ripercussioni», così Germano Mattei, fondatore di Montagna Viva.
LUGANO
14 ore
Cede il letto a due profughe e ora dorme sul divano
Patrick Flachsmann, 48enne informatico di Besso, vive in un due locali e mezzo. Ora gli spazi si sono ridotti.
FOTO
LOCARNO
1 gior
Lo street food ha conquistato Locarno
Tanto caldo e tanto movimento al Festival del cibo di strada.
FOTO E VIDEO
CANTONE
1 gior
Le cantine hanno svelato i loro tesori
Si è tenuto il primo dei due weekend di Cantine Aperte, quello focalizzato sul Sottoceneri.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile