Tipress
COMANO
02.03.20 - 12:400
Aggiornamento : 19:48

Quindici minuti per recuperare il materiale in ufficio e lavorare da casa

Avviata la “quarantena preventiva” in casa Rsi. Ecco le misure decise dalla direzione.

Chi ha soggiornato/pernottato dopo il 21 febbraio in una regione italiana a rischio dovrà lavorare da oggi al 15 marzo da casa, in regime di home office. Esclusi dalle misure quanti si sono recati oltreconfine per gite di poche ore o per far spesa.

COMANO - Affrettarsi. Da oggi i dipendenti della Rsi lavoreranno in regime di coronavirus. Dopo l’annuncio di sabato, la direzione dell’ente radiotelevisivo ha emanato un documento interno con le misure preventive decise per evitare la diffusione del virus in azienda.

Scatta l’home office - La circolare è indirizzata in particolare a quanti rientrano dal periodo delle vacanze. «Se dopo venerdì 21 febbraio hai soggiornato/pernottato in una regione italiana a rischio (Lombardia, Piemonte, Veneto) o ti sei recato in uno dei Paesi a rischio (Cina, Corea del Sud, Singapore e Iran) contatta immediatamente l’Ufficio sanità e sicurezza Rsi. Seguendo le direttive aziendali annunciate dovrai lavorare da oggi sino al prossimo 15 marzo da casa, in regime home office»

Toccata e fuga - Per i dipendenti che rientrano nel profilo a rischio l’azienda indica come recuperare il materiale per il lavoro da fuori. La parola d’ordine è affrettarsi. «Puoi andare in ufficio a recuperare il tuo computer portatile e tutti gli strumenti e documenti necessari per poter lavorare da casa. Ti chiediamo di farlo velocemente, per non superare i 15 minuti indicati come tempo necessario per un eventuale contagio».

Basta una notte all’estero - La direzione Rsi aggiunge una nota “importante”: «La quarantena viene richiesta quando si è stati in vacanza o si è soggiornato per almeno una notte nell’ultima settimana (da sabato 22 febbraio) nelle zone considerate a rischio». 

Non vale la spesa a Ponte - La quarantena non si applica per quanti sono stati per poche ore oltreconfine. «Tutti coloro che sono stati in Italia nelle zone di confine per alcune ore o in giornata (gite, negozi, pranzi o cene), se in buona salute, possono rientrare normalmente in azienda». Per situazioni particolari, come essere stati ad un concerto, l’azienda invita i dipendenti a contattare l’Ufficio sanità e sicurezza Rsi. 

A tutela del servizio pubblico - «È una misura precauzionale atta anche a garantire la messa in onda» osserva Rolando Lepori. «Dovesse scoppiare un'epidemia di coronavirus alla Rsi - continua il segretario del Sindacato svizzero dei massmedia - potrebbe esserci un blocco del servizio pubblico. Ed è ciò che si vuole scongiurare con questa misura che potrebbe sembrare esagerata. Ma che si giustifica». 

L'impatto - Difficile, per il momento, quantificare l'impatto del provvedimento: «Il numero esatto non lo conosco. Oltre ai dipendenti Rsi, sarà toccato anche il personale ingaggiato tramite le agenzie di collocamento. Ma chi ha contratti a giornata potrebbe semplicemente vedersi slittare la chiamata. Nel complesso i collaboratori toccati dovrebbero essere una cinquantina» conclude Lepori. La quarantena con "home office" non si potrà ovviamente applicare a tutti i profili...

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
sedelin 11 mesi fa su tio
perché chiamano "quarantena" un periodo di 2 settimane? la quarantena é un periodo di quaranta giorni. qui si mettono in quattordicena.
MIM 11 mesi fa su tio
Ma il telelavoro dall'estero, non è proibito?
Nikos Rachoutis 11 mesi fa su fb
Stanno dicendo hai bambini nel asilo di non baciarsi non salutare non toccare , va bene il terrorismo a noi adulti... i bambini che colpa hanno a vivere nel terrore?
Pietro Martini 11 mesi fa su fb
La parte davvero esagerata spno i 15 minuti per recuperare il materiale... sì, è stato detto che questo è il tempo minimo per il contagio, ma a stretto contatto fra due persone. Una persona che lavora alla sua scrivania non contagia nessuno! Il rischio in ufficio è rappresentato solo dai momenti di contatto coi colleghi... Detto questo, home office se possibile è una soluzione con tanti vantaggi (anche se non per tutti i lavori va bene). Si risparmia tempo e si evita traffico. Forse questa epidemia farà aumentare la percentuale di gente che potrà farlo in futuro nel nostro Cantone...
Dario Torriani 11 mesi fa su fb
Nell'industria a volte in questi casi assegnano ferie forzate o recupero ore e non danno lo stipendio
Bello Lugosy 11 mesi fa su fb
Maria Cattaneo 11 mesi fa su fb
..dimenticavo .. non salutare .. dando la mano!!!
Maria Cattaneo 11 mesi fa su fb
2 metri max 15 minuti .. disinfettante? E lavaggio mani .. fazzoletto nel cestino chiuso con coperchio..
Maria Cattaneo 11 mesi fa su fb
Distanza 2 metri?
migheleto 11 mesi fa su tio
Ma avete prove concrete che non fanno niente tutto il giorno o ragliate tanto per ragliare?
fakocer 11 mesi fa su tio
@migheleto Io le prove concrete le ho essendo nel cospicuo gruppo dello scalino basso utile e indispensabile ma che costituisce l'alibi dell'esistenza della piramide gerarchica, la cui cuspide dilapida il maggior costo del resto dell'azienda. E questo lo si vede senza occhiali per esempio rilevando i tempi al bar (non il Monte, ma il bar interno). E l'è ul men da la cavagna.
Matteo Der Onkel 11 mesi fa su fb
Luca Trudel Ferrari ti tocca stare a casa con tua moglie 😂
Galium 11 mesi fa su tio
Non dimentichiamo che nei prossimi decenni si parlerà molto di home office, perché questa, secondo i futurologi, sarà una tendenza sempre più diffusa. Pertanto la scelta della RSI, seppure dettata dalla paura del contagio, è pienamente condivisibile, al di là dei soliti commenti polemici.
Lucadue 11 mesi fa su tio
Per la RSI é semplice far svolgere il lavoro da casa, i suoi impiegati sul posto di lavoro non fanno un tubo e quel tubo possono farlo anche da casa. Per un'impresa di costruzioni la faccenda é più complicata.
Hardy 11 mesi fa su tio
Insomma: misure preventive con l'introduzione di "Home office" e non va bene perché ci sarebbe gente "pagata per non fare nulla". In assenza di misure e avvertimenti Canetta sarebbe passato per "incosciente", "irresponsabile", "colui che mette in serio pericolo diritti e salute dei lavoratori" o nel peggiore dei casi "sterminatore di vite e famiglie innocenti". Insomma, non va mai bene nulla. E da quel che leggo chi sarà lasciato a casa dovrà comunque produrre, mica andare in vacanza ai Caraibi....
fakocer 11 mesi fa su tio
"Home office". Suona very professional, continuità della dedizione all'azienda, indiscussa credibilità, detto da Marshall Mc Luhan : Outsourcing at home spot. Ma Mc Luhan non avrebbe trovato l'alibi per il "Sailing boat office at lake" golfo di Agno con Natel a valigetta un pomeriggio feriale...
LAMIA 11 mesi fa su tio
Ecco la conferma : frontalieri e basta
volabas 11 mesi fa su tio
Nella vicina e disastrata penisola, timbravano in mutande...qui neanche bisogno di fare quello
Tato50 11 mesi fa su tio
Non fatemi più vedere la Principessa Sissi, perché vi denuncio per istigazione al suicidio-;))
Gloria Bergamo 11 mesi fa su fb
Per favore... 😏😏
GIGETTO 11 mesi fa su tio
Li lasciano pure a casa a "grattarsi" sti lazzaroni nullafacenti......
Luana Jelmolini 11 mesi fa su fb
Perché al bennet non gira il coronavirus?
Cla Gia 11 mesi fa su fb
Grande canetta🤮
Elisa Maggio 11 mesi fa su fb
A chi non piacerebbe lavorare da casa? Bravi! Comunque stipendiati. Non ci vedo assolutamente niente di male. Anzi! Come misura temporanea direi ottima
Simone Bernaschina 11 mesi fa su fb
E si paga pure il canone tv...
Cesare Saldarini 11 mesi fa su fb
Simone Bernaschina cosa c’entra?
miba 11 mesi fa su tio
Se prima facevano già poco ora non fanno più niente del tutto......
Verbania 11 mesi fa su tio
@miba “I ladri pensano che gli altri rubino”, dice un’espressione.
albertolupo 11 mesi fa su tio
@Verbania ma di sicuro lo fanno con cognizione di causa… ;-)
lecchino 11 mesi fa su tio
Dovesse scoppiare un'epidemia di Coronavirus alla Rsi potrebbe esserci un blocco del servizio pubblico. Ed è ciò che si vuole scongiurare con questa misura che potrebbe sembrare esagerata. Ma che si giustifica. Stiamo parlando del milanese Cane Peo?
Klemens Frakk-asso von Däniken 11 mesi fa su fb
Nunzia Conte Iorio 11 mesi fa su fb
Povera TSI non fate mai un programma decente
Manuela Decarli 11 mesi fa su fb
sarebbe più corretto dire, non fanno programmi di mio gradimento , a te cosa piace?
Mauro Luisoni 11 mesi fa su fb
Forse il livello è troppo alto rispetto ad altre emittenti....
Nunzia Conte Iorio 11 mesi fa su fb
Manuela Decarli cosa ti fa pensare che non mi sia gradito ?paghiamo tutti.ok
Nunzia Conte Iorio 11 mesi fa su fb
Mauro Luisoni coda c'entra
Nunzia Conte Iorio 11 mesi fa su fb
Manuela Decarli liberta di pensiero c'è ancora!!!!
Kevin Fiumara 11 mesi fa su fb
Ridicoli caproni
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
BELLINZONA
8 ore
«Non abbiamo potuto dirgli addio»
L'ultimo saluto è un diritto garantito (in teoria) anche in tempi di Covid. Ma allo Iosi qualcosa è andato storto
LUGANO
10 ore
«Abbiamo bisogno di quest'opera»
Dopo l'annunciato referendum dell'Mps, Roberto Badaracco interviene in difesa del nuovo stadio di Cornaredo
FOTO
CANTONE
11 ore
Neve fin nel Sottoceneri e forti disagi a nord
Un furgone è andato a sbattere sul'A2, all'altezza di Faido.
CONFINE
12 ore
Positivo alla variante inglese, da St. Moritz a Como in treno e taxi
L'uomo, un cameriere 30enne, è stato denunciato.
AIROLO
13 ore
San Gottardo chiuso... per neve
La galleria è stata chiusa poco dopo le 14.00 a causa del maltempo. Forti disagi al traffico.
CANTONE
14 ore
Governo e Cellula sanitaria insieme per prevedere l'evoluzione della pandemia
Si è discusso dello scambio continuo di informazioni sulla situazione epidemiologica.
CANTONE
18 ore
Diciotto pazienti in meno all'ospedale
Nelle ultime 24 ore 4 persone sono state ricoverate, mentre 20 sono state dimesse.
CANTONE / SVIZZERA
19 ore
Ecco le sfide 2021 per i consumatori
Al centro della “battaglia” ci saranno il Nutri-Score sugli imballaggi e le azioni collettive
BELLINZONA
22 ore
«Mi ha "distrutto" la spalla e non mi vuole risarcire»
Lo sfogo del 29enne che il 10 febbraio 2016 venne aggredito da un calciatore a carnevale: «Sono in un limbo».
CANTONE
22 ore
Loro sono tra i pochi a fare affari
Chi se lo sarebbe aspettato un anno fa a quest'ora? Col Covid "vanno di moda" le fabbriche di mascherine.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile