TiPress - foto d'archivio
BELLINZONA
01.03.20 - 13:160

Nei parcheggi per un controllo: «Mi sono sentito discriminato»

Stavano ballando e chiacchierando nel sabato del Rabadan, quando gli agenti gli hanno chiesto di seguirli.

La perquisizione è avvenuta nell'autosilo. Il comandante della Comunale: «Era tutto previsto e organizzato».

BELLINZONA - Il Rabadan è finito. Gli altri carnevali sono stati annullati a causa del coronavirus. Ma c’è chi un sassolino dalla scarpa ancora vorrebbe toglierselo. È Luca*, un ticinese che nel sabato sera del carnevale bellinzonese si trovava in centro con degli amici per festeggiare e passare una serata spensierata. Fino a quando sono stati avvicinati da alcuni agenti per una perquisizione.

«Erano due securini e due poliziotti. Ci hanno puntati senza un valido motivo e ci hanno detto che dovevamo seguirli, per un controllo. Mi sono sentito discriminato e parecchio a disagio. Ci guardavano tutti».

I tre ragazzi sono stati accompagnati nell’autosilo Piazza del Sole, dove è avvenuta la perquisizione. «C’erano i cani, altri securini e agenti di polizia - continua il racconto -. Ci hanno perquisiti, ma non ci era concesso porre domande. Continuavano a ripetere che si trattava solo di una perquisizione di polizia. Che però non ha avuto alcun esito, perché noi non avevamo niente. Non mi è mai capitata una cosa del genere».

Il comandante della polizia comunale di Bellinzona Ivano Beltraminelli difende l’operato dei suoi agenti. «Si tratta di controlli di polizia per questione di stupefacenti - spiega -. Non necessariamente la perquisizione si conclude con la scoperta di droghe, ma se hanno un dubbio gli agenti possono procedere al controllo. Sicuramente avranno notato qualche particolare in quella situazione».

Il comandante intende pure ridimensionare il «disagio» che i tre giovani dicono di aver provato: «Non sono stati perquisiti davanti a tutti. Sono stati portati nel piano dell’autosilo a disposizione della polizia. Era un tutto previsto e organizzato. Non era presente nessun’altro, solo la polizia e la sicurezza del carnevale».

Beltraminelli sostiene di «non avere ricevuto nessuna lamentela» da parte di chi è stato sottoposto a controlli durante le sei sere di Rabadan. E conclude: «Non puntiamo le persone “a caso”. Se poi non vengono trovati stupefacenti, tutto finisce lì. Il disagio a volte capita, fa parte della vita e del carnevale. Ma ribadisco che si trattava di una situazione riservata. Nulla che fosse al di fuori del normale».

*nome noto alla redazione

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE / CONFINE
12 ore
Natale (forse) blindato? Coppie transfrontaliere in protesta
Lanciata una petizione indirizzata direttamente all'ufficio del premier italiano Giuseppe Conte
LOCARNO
17 ore
Visite ai pazienti Covid: ecco cosa cambia
Incontri in camera, di 15 minuti, uno alla volta, ogni due giorni. È vietato portare loro cibo o bevande
CANTONE
19 ore
Altri 246 casi nelle ultime 24 ore
Sette le persone che hanno perso la vita ieri a causa del Covid-19. C'è una nuova classe in quarantena
CANTONE / VATICANO
1 gior
Fondi vaticani, le "carte di Lugano" per chiarire lo scandalo
I documenti potrebbero portare a una svolta nelle indagini sul caso del "palazzo di Londra".
FOTO
MENDRISIO
1 gior
Qui solitudine e isolamento degli anziani si combattono da 30 anni
Il Servizio Anziani Soli, istituito a Mendrisio nel 1990, è tuttora un unicum a livello ticinese.
CANTONE
1 gior
Radar accesi su quattro distretti
La prossima settimana i controlli mobili colpiranno Bellinzona, Locarno, Lugano e Mendrisio.
CANTONE
1 gior
2'300 firme per avere «più corse nelle tratte affollate»
Covid-19 e trasporto pubblico: il SISA ha consegnato oggi alle autorità le firme raccolte con una petizione online.
CANTONE
1 gior
Cantieri e misure anti-Covid: «Scenario desolante»
Il sindacato Unia ha presentato un'analisi dettagliata del fenomeno, analizzando la situazione su 132 cantieri.
FOTO E VIDEO
LUGANO
1 gior
Liceo evacuato per un principio d'incendio
Ad aver preso fuoco sarebbe un albero di Natale. Le fiamme sono state rapidamente domate dai pompieri.
VIDEO
CANTONE
1 gior
«Cosa ci aspetta ora?»
Giorgio Merlani in un video prospetta tre scenari per l'evoluzione della pandemia nel nostro cantone.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile