TiPress - foto d'archivio
BELLINZONA
01.03.20 - 13:160

Nei parcheggi per un controllo: «Mi sono sentito discriminato»

Stavano ballando e chiacchierando nel sabato del Rabadan, quando gli agenti gli hanno chiesto di seguirli.

La perquisizione è avvenuta nell'autosilo. Il comandante della Comunale: «Era tutto previsto e organizzato».

BELLINZONA - Il Rabadan è finito. Gli altri carnevali sono stati annullati a causa del coronavirus. Ma c’è chi un sassolino dalla scarpa ancora vorrebbe toglierselo. È Luca*, un ticinese che nel sabato sera del carnevale bellinzonese si trovava in centro con degli amici per festeggiare e passare una serata spensierata. Fino a quando sono stati avvicinati da alcuni agenti per una perquisizione.

«Erano due securini e due poliziotti. Ci hanno puntati senza un valido motivo e ci hanno detto che dovevamo seguirli, per un controllo. Mi sono sentito discriminato e parecchio a disagio. Ci guardavano tutti».

I tre ragazzi sono stati accompagnati nell’autosilo Piazza del Sole, dove è avvenuta la perquisizione. «C’erano i cani, altri securini e agenti di polizia - continua il racconto -. Ci hanno perquisiti, ma non ci era concesso porre domande. Continuavano a ripetere che si trattava solo di una perquisizione di polizia. Che però non ha avuto alcun esito, perché noi non avevamo niente. Non mi è mai capitata una cosa del genere».

Il comandante della polizia comunale di Bellinzona Ivano Beltraminelli difende l’operato dei suoi agenti. «Si tratta di controlli di polizia per questione di stupefacenti - spiega -. Non necessariamente la perquisizione si conclude con la scoperta di droghe, ma se hanno un dubbio gli agenti possono procedere al controllo. Sicuramente avranno notato qualche particolare in quella situazione».

Il comandante intende pure ridimensionare il «disagio» che i tre giovani dicono di aver provato: «Non sono stati perquisiti davanti a tutti. Sono stati portati nel piano dell’autosilo a disposizione della polizia. Era un tutto previsto e organizzato. Non era presente nessun’altro, solo la polizia e la sicurezza del carnevale».

Beltraminelli sostiene di «non avere ricevuto nessuna lamentela» da parte di chi è stato sottoposto a controlli durante le sei sere di Rabadan. E conclude: «Non puntiamo le persone “a caso”. Se poi non vengono trovati stupefacenti, tutto finisce lì. Il disagio a volte capita, fa parte della vita e del carnevale. Ma ribadisco che si trattava di una situazione riservata. Nulla che fosse al di fuori del normale».

*nome noto alla redazione

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
1 ora
«Io non giocherò più al calcio, ma ti spacco la faccia»
Torna la violenza nel calcio regionale. Ma l'origine del male risale a tanti anni fa.
CANTONE
1 ora
Gli universitari ticinesi tornano in classe: «È come ricominciare da capo»
Dopo un anno di studio da casa, condito da noia e solitudine, tre studenti ci raccontano il loro ritorno in aula.
CANTONE
7 ore
Massimo Suter passa all'UDC
La conferma arriva da un post pubblicato sulla pagina Facebook della sezione ticinese del partito
CANTONE
12 ore
Gobbi è diventato più permissivo
Permessi di residenza agli stranieri, il Ticino ha detto meno "no". Un ammorbidimento «per adeguarci alle sentenze»
FOTO
MAGLIASO
12 ore
Tre nasua albini allo Zoo al Maglio
Sono figli di un esemplare albino confiscato e che ha trovato accoglienza in Ticino.
CANTONE
14 ore
Delitto di Muralto, chiesti diciannove anni e sei mesi
Secondo l’accusa nella notte del 9 aprile 2019 all’Hotel La Palma si consumò un assassinio
CANTONE / SVIZZERA
16 ore
Il Ticino perderà due deputati... nel 2051
Colpa del calo della popolazione. La previsione dei politologi
CANTONE
18 ore
«L’ha strangolata, non erano tipi da asfissia erotica»
Nel processo per il delitto di Muralto, la procuratrice ha ribadito che la versione dell’imputato è «una menzogna».
CANTONE
19 ore
Il delitto in hotel, poi tutta una serie di menzogne
Si è riaperto con la requisitoria il processo nei confronti del 32enne accusato di assassinio
CANTONE
20 ore
Controlli di polizia nella fascia di confine
Si tratta di una campagna congiunta che mira a rendere le strade più sicure. Avrà luogo domani.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile