Tio-20minuti/D.Giordano
MERIDE
26.02.20 - 06:160
Aggiornamento : 07:13

Voglio andare alla Posta a pagare con i fossili, ma non si può

Le agenzie postali si stanno infilando ovunque. Anche alla RSI. Quella di Comano, però, non è stata la prima follia

MERIDE – E ora anche la RSI si trasforma in un’agenzia postale. La notizia comunicata di recente dal Gigante Giallo ha fatto storcere il naso ad alcuni abitanti di Comano. Ma aprire un’agenzia in una radiotelevisione non è l’operazione più folle fatta in questi anni dalla Posta. Dal 2012, infatti, c’è addirittura il museo dei fossili di Meride a svolgere questa funzione. «Può sembrare strano – spiega Francesca Vivian Salatino, impiegata allo sportello –. Eppure la cosa funziona e piace alla clientela».   

Conti da fare quadrare – La Posta, dagli inizi del 2000, è confrontata con un costante calo dei volumi: -65% per le lettere, -45% per i pacchi e -40% per il traffico dei pagamenti. Dal 1999 il Gigante Giallo opera come un’azienda privata, senza sostegni pubblici. I conti devono quadrare. Se un ufficio non rende più, bisogna trovare una soluzione alternativa.

Sicurezza al primo posto – «Il fatto che la gente venga da noi per le operazioni postali – evidenzia Salatino – ci porta anche visitatori in più per il museo. È un dato di fatto. Per ragioni di sicurezza non si possono prelevare cifre troppo elevate e i pagamenti possono essere fatti solo con la Postcard (e non con i fossili, come abbiamo ironicamente tentato di fare)».

Una reazione emotiva – Tutto bene dunque? No, come dimostrano alcune voci raccolte nel video di Tio/ 20 Minuti. Ogni volta che un ufficio postale tradizionale chiude, c’è un’insurrezione. Si teme una perdita di posti di lavoro. E non solo. «La Posta è un elemento della nostra identità svizzera – ammette Scossa –. Capiamo la reazione emotiva della gente».

Quello che dicono i sondaggi – In realtà, guardando ai sondaggi sulle oltre 1000 trasformazioni verificatesi finora in Svizzera, la popolazione sembrerebbe apprezzare la formula della “filiale in partenariato”. «In particolare per gli orari di apertura – dice Scossa –, spesso significativamente più estesi rispetto a quelli di una filiale tradizionale, nonché per la possibilità di sbrigare le operazioni postali mentre si fa capo ai servizi offerti dal partner, ad esempio un negozio».

Il progetto – È un concetto chiaro quello del Gigante Giallo. «Entro fine 2020 si vuole un aumento dei punti di accesso a livello svizzero da 4200 (dato del 2016) a 4600».

Non tutti gli uffici postali diventeranno agenzie – La strategia prevede anche la trasformazione di filiali tradizionali in filiali in partenariato. «Dei 110 uffici postali tradizionali presenti in Ticino – conclude Scossa –, 48 sono dal 2017 oggetto di verifica. Di questi, 22 sono stati nel frattempo trasformati in altre forme di esercizio. Nello specifico 17 in filiali in partenariato e 5 attraverso l’implementazione del servizio a domicilio».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Thor61 3 mesi fa su tio
Se LaPosta abbassasse i prezzi a costi normali il lavoro aumenterebbe esponenzialmente in pochi giorni, invece la fame o meglio l'ingordigia di denaro li porta a far finta di nulla come se certi costi siano giusti, se non addirittura bassi!!!
Tato50 3 mesi fa su tio
Ma scusate "signori della Posta". Pochi giorni fa ho visto un servizio al Quotidiano dove veniva detto e mostrato che milioni di pacchi venivano smistati tanto da mandare quasi in tilt il centro di Cadenazzo. Qualcuno vi è o ci fa?
Thor61 3 mesi fa su tio
@Tato50 Ciao Tato50!! Ci fanno, ci fanno!!! Oltre a spillarci denaro ci prendono anche per il cxxlo!!! ;o))))
Tato50 3 mesi fa su tio
@Thor61 È quello che ho pensato anch'io . Qualcosa non quadra e leggendo certe cose meglio far scorta di lubrificante;o)))
TI.CH 3 mesi fa su tio
Vogliono risparmiare per fare più utili? Comincino da dimezzare lo stipendio ai loro manager e a capi invece di licenziare personale e prendere dei precariati: e magari licenziare con la scusa della ristrutturazione certi loro dipendenti strapagati, se taluni possono lavorare per meno soldi non vedo perché i loro boss debbano ricevere di più, buon stipendio e buone condizioni sociali si strapagare no.
Equalizer 3 mesi fa su tio
Ma se continuano a dire che non hanno mai smistato così tanti pacchi come negli ultimi anni, e se dicono che il traffico locale è troppo poco, beh provino a chiedersi quale altro paese al mondo ti chiede 41.00 franchi per mandare un pacco priority da 119cm di lunghezza e 6 chili di peso da Locarno a Lugano, probabilmente facendo capo ad un NCC sarebbe costato meno ed arrivato in giornata.
Hardy 3 mesi fa su tio
L'esperienza che ho avuto io con questo nuovo sistema è negativa. Da me hanno spostato lo sportello nel negozio di paese. Arrivo una prima volta per fare dei pagamenti e mi dicono che il responsabile (il gerente del negozio) era assente per tutta la settimana ma di non preoccuparmi perché le poste dei paesi limitrofi erano tutte aperte: cara grazia che sono automunito, ma se avessi difficoltà di spostamento come la mettiamo? Arrivo una seconda volta col responsabile finalmente presente: ho aspettato 10 minuti ora che lui ha finito di servire i clienti del negozio e poi altra attesa interminabile visto che quello si destreggiava a fatica con le ricevute postali (e addirittura ha fatto partire un pagamento su cui mancava un dato ma lui non se n'è accorto). Mi spiace ma tanto è bastato per farmi andare in un normale ufficio postale come ho sempre fatto, a farmi servire da impiegati qualificati. Così proprio non va.
vulpus 3 mesi fa su tio
Che la posta continui a fare la posta con il servizio universale che sono stati chiamati a svolgere. E se anche andasse in perdita, cosa cambia? Abbiamo altri servizi universali che stanno in piedi a furia di finanziamenti diretti ed occulti!
Thor61 3 mesi fa su tio
@vulpus Le fallimentari FFS tanto per citare il buco più nero di qualunque sistema di trasporto pubblico, tant'è che usa parte del fondo delle auto per finanziarsi, grazie al CF. Pensa che poi fanno i "Manager" con denaro pubblico, giocando a fare i "Privati", un VERO privato usa i SUOI soldi, non quelli dei cittadini! Saluti ;o))))
francox 3 mesi fa su tio
I conti devono quadrare, con gli azionisti contenti e con stipendi manageriali da paura. Quindi paghiamo noi.
Mattiatr 3 mesi fa su tio
@francox La Posta è un ente autonomo di diritto pubblico la cui forma giuridica è quella di società anonima di diritto speciale ai sensi della Legge sull’organizzazione della Posta. L’azienda è strutturata come una holding. L’attività operativa è gestita da tre società affiliate riunite sotto La Posta Svizzera SA: Posta CH SA si occupa dell’attività postale, PostFinance SA si occupa di quella bancaria, mentre AutoPostale Svizzera SA è responsabile dei trasporti di persone. L’unico azionista e proprietario della holding è la Confederazione. In seno all’Amministrazione federale, i compiti connessi con la proprietà sono svolti dal segretariato generale del Dipartimento federale dell’ambiente, dei trasporti, dell’energia e delle comunicazioni (DATEC) in collaborazione con l’Amministrazione federale delle finanze (AFF).¶ Preso dal sito internet della posta. Quindi immagino che gli azionisti bast^^rdi da far contenti siamo ancora noi ;-(
francox 3 mesi fa su tio
@Mattiatr E come diceva Dalla, sarà tre volte natale e festa tutto l'anno...
belaolga 3 mesi fa su tio
Bla..bla..bla...bla...e altri licenziamenti farà....pora Svizzera in man a mafia e imprenditori aprofittatori...fra un po ritorniamo al pony express
Thor61 3 mesi fa su tio
@belaolga E pensa che i furbi sono il CF in toto, che sono i soci maggioritari di TUTTE le ex regie federali, come si suol dire, cornuti e mazziati!è!!!
Tarok 3 mesi fa su tio
ma dove piace alla clientela? tutti sistemi per spingere ad usare e-banking e chiudere filiali
KilBill65 3 mesi fa su tio
Ha ragione la signora….. Ci vuole una mentalita' preistorica o un cervello fossile a mettere un ufficio nella rsi, come pure nei bar o negozi. Dove e' finita discrezione per il cliente…..Ma e' vero che piu' andiamo avanti e peggio diventa, solo per far risparmiare alla posta qualche milioncino…...
Evry 3 mesi fa su tio
La Posta ha toccato il FONDO, grazie ai Zucchini !!!
Mattiatr 3 mesi fa su tio
@Evry Già per ché noi Ticinesi non saremmo in grado di mantenerci un servizio postale ;-)
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
MASSAGNO
1 ora
I cari anziani? Li si incontra tra i fiori per combattere il Covid
Così ha pensato la casa Girasole, che ha creato anche un apposito gazebo per chi volesse restare al coperto
LUGANO
4 ore
Sacerdote indagato, Lazzeri: «Appena ho saputo ho denunciato»
Il presbitero 50enne è in arresto con l'accusa di atti sessuali con persone incapaci di discernimento
BELLINZONA
4 ore
«Uno spettacolo desolante»
La sezione di Bellinzona della Lega critica le riposte ricevute dal Municipio: «Non ammetterà mai le sue colpe».
CANTONE
9 ore
Due nuovi casi di contagio in Ticino
Rimane invariato il numero dei decessi: non se ne registrano da una settimana.
CANTONE
11 ore
Coronavirus: ospedali confrontati a perdite milionarie
L'EOC lamenta ammanchi per 60-70 milioni di franchi. Moncucco: «Speriamo di trovare un buon accordo col Cantone».
LUGANO
23 ore
«Il trasferimento degli uffici a Cornaredo è una condanna a morte»
Gli esercenti del centro ritornano a discutere sul nuovo quartiere, in tempi di Covid
FOTO
CANTONE
1 gior
"Verso l'ospedale senza fumo", anche a Bellinzona
Nella "Giornata mondiale senza tabacco", l’Ospedale Regionale Bellinzona e Valli offre un contributo concreto
FOTO E SONDAGGIO
LUGANO
1 gior
Biciclette alla conquista delle corsie bus
A Lugano è in corso la posa della nuova segnaletica per le due ruote
FOTO
BELLINZONA
1 gior
Il mercato di Bellinzona ha messo la mascherina
Oggi ne sono state distribuite agli avventori che non ne erano provvisti: si tratta di una misura prevista dalla Città
CONFINE
1 gior
«L'Italia non è un lazzaretto»
Lo dice il ministro degli esteri Di Maio. Dal 3 giugno si potrà entrare nel paese senza quarantena
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile