Immobili
Veicoli
Creare uno stagno per bonificare l'ambiente
Tio/20M/Giordano
Lo stagno di Mezzana in costruzione
MEZZANA
03.03.20 - 22:280

Creare uno stagno per bonificare l'ambiente

Ai piedi della collina, sotto il Centro professionale del verde, è stata ripristinata una zona naturalistica.

Un'iniziativa pensata per gli studenti, ma anche quale contributo simbolico e concreto contro il cambiamento climatico.

MEZZANA - È una piccola rivoluzione, perché circoscritto è lo spazio del progetto. Ma l’idea di creare uno stagno naturalistico ai piedi della collina di Mezzana nasce da una profonda mutazione d’approccio verso l’ambiente. A monte di tutto sorge il Centro professionale del verde (Cpv), il motore di questa rinaturazione finanziata dal Cantone (con la Logistica e la Sezione forestale) e sostenuta da WWF Svizzera Italiana, Alleanza Territorio e Biodiversità e da Tio/20minuti. È il primo di quattro interventi concreti che hanno l’ambizione di mostrare cosa si può fare per ridare voce e forza alla natura. Su una strada, quella per contrastare i cambiamenti climatici, ancora lunga e, per gran parte, inesplorata…

A spasso tra i cantieri aperti - Più corta è invece la mulattiera sterrata che conduce al torrente Mara. Per raggiungerla si passa attraverso i vigneti della scuola, una ricca “banca” della biodiversità che conserva i diversi vitigni autoctoni, quindi si svolta davanti a quello che diventerà presto l’apiario didattico e scendendo dopo alcune centinaia di metri si arriva allo stagno quasi ultimato. Verrebbe da dire gli stagni, perché due sono gli invasi. «Il progetto è suddiviso in tre parti - spiega Mauro Poli, vicedirettore del Cpv - c’è il bacino di ritenzione dove confluiscono le acque chiare del comparto nuovo della scuola. Più in basso c’è la zona umida e poco sopra lo stagno didattico che attende di essere piantumato con specie indigene a chilometro zero. Il sentiero termina su un terrazzo, pensato in particolare per le scuole, da dove gli studenti potranno in tutta sicurezza osservare l’ambiente naturale».

I lavori non ristagnano - Al contrario, sottolinea Nicola Petrini, il docente membro di direzione del Cpv e responsabile del progetto: «Il clima non proprio tipico dell’inverno ci sta favorendo. A marzo, ultimati i lavori, procederemo con i nostri studenti alla piantumazione del verde. Dopodiché nei primi anni questo ambiente, che prima era assai degradato, dovrà essere protetto dall’’invasione delle specie neofite». Una palmetta, che fa capolino sull’altra sponda del riale, indica “ubi sunt leones”. La minaccia: «In realtà - spiegano i due docenti - preoccupano di più altre specie come il poligono del Giappone e più in generale la leggerezza di chi libera nell’ambiente pesci rossi e tartarughe d’acqua».

Come imprigionare la CO2 - Lo stagno di Mezzana, senza esagerare, nasce da un nuovo, più moderno approccio verso l’ambiente. Impensabile solo fino a pochi decenni addietro, quando semmai la natura andava corretta, imbrigliata nelle geometrie dell’uomo, neutralizzata. Oggi si impone un altro linguaggio che passa anche dalla valorizzazione delle tecniche del passato. Pietra e legno sono i materiali prediletti. L’utilizzo di legname per imbrigliare la scarpata, spiegano i due docenti, ha anche un impatto positivo sul bilancio delle emissioni di CO2. Gli alberi consumano anidride carbonica durante la loro vita e la trattengono nel loro legno una volta tagliati. 

Un'aula affacciata sul verde - Ma da soli i materiali non fanno scuola. Da qui l’importanza della didattica, che a Mezzana si fonda su un’offerta sempre più articolata. Gli ultimi progetti vanno ad arricchire questa palestra verde. «Certo perché lo stagno è una componente naturale - rileva Petrini - ma anche di studio. Quindi un progetto aperto ai nostri studenti per tutto ciò che riguarda la rinaturazione delle sponde e anche la vegetazione naturale. In particolare i giardinieri hanno spesso a che fare nel privato con questi biotopi». Per i più piccoli, invece, lo stagno di Mezzana promette di diventare un luogo per la scoperta di piante e animali acquatici. Un seme da cui far germinare una più moderna sensibilità. 

L’Alleanza che salva la biodiversità
La biodiversità come bene da proteggere e valorizzare con progetti concreti. È nata soprattutto con questo scopo l’Alleanza Territorio e Biodiversità che, a distanza di 6 anni dai primi vagiti, raggruppa oggi diverse organizzazioni: il WWF Svizzera e Svizzera Italiana, primo motore dell’associazione, ma anche ProSpecieRara, STAN, Capriasca Ambiente, Cittadini per il territorio… e molti altri. Per un totale di sedici sigle.  L’Alleanza è oggi propositiva su più fronti, anche se un progetto pilota importante è quello della “Biodiversità in città”. Nel concreto si tratta di una serie di iniziative in ambito urbano che spaziano tra “orto a scuola”, “balconi di farfalle”, “rinaturiamo gli spazi verdi”. Una decina di attività attuate all’inizio a Lugano, ma con l’intenzione di coinvolgere anche altri comuni. Il sito dell’Alleanza evidenzia inoltre, suddivisi tra Sopra e Sottoceneri, ambienti e specie che fanno la ricchezza del Ticino. Una ricchezza fragile e da proteggere.

 

 

Tio/20M/Giordano
Guarda le 3 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
tazmaniac 1 anno fa su tio
bello! Una nuova casa per le zanzare tigri, se ne sentiva proprio il bisogno, visto come vengono tenute sotto controllo qui da noi...
Lore62 1 anno fa su tio
@tazmaniac Guarda che se nello stagno ci sono pesci o rane o ancora meglio le libellule che sono MOlTO VORACI delle larve, le zanzare non ESISTONO...
tazmaniac 1 anno fa su tio
@Lore62 1. appunto SE. 2. notoriamente gli stagni sono terreni paludosi, prova a vedere quanta acqua hanno bisogno le zanzare tigri per riprodursi e, vedrai che arriverai anche tu alla conclusione che da quelle parti, si creerà un "ottimo" biotopo di insetti non nostrani ma che di fatto ormai lo sono diventati...
miba 1 anno fa su tio
Poi arriveranno anche le zanzare nostrane e le zanzare tigre con il coronavirus... :):):)
sedelin 1 anno fa su tio
bravi, complimenti! é giunto il momento di far capire a tutti che la terra va rispettata perché senza le sue risorse l'uomo (e gli animali) non hanno possibilità di vivere.
TOP NEWS Ticino
CANTONE
3 ore
Pronzini: «Questa candidatura è una provocazione»
L'MPS chiederà il rinvio della nomina del CdM ad hoc prevista lunedì in Parlamento
CANTONE
7 ore
Caos ferroviario a causa di un guasto
Sulla rete ferroviaria ticinese treni soppressi o in ritardo. La perturbazione è terminata
AGNO
7 ore
La Fiera di San Provino salta (di nuovo)
Per il terzo anno consecutivo il tradizionale evento di Agno, previsto a marzo, non si terrà.
FOTO
CANTONE
12 ore
La moglie faceva il palo, lui contrabbandava prosciutti
Il Tribunale amministrativo federale ha fornito nuovi dettagli sul modo di agire di un contrabbandiere fermato nel 2017.
CANTONE
14 ore
Meno positivi, ma quattro i decessi
I nuovi positivi sono poco più di mille. Cala anche il numero dei ricoveri, ma non nelle terapie intensive.
CANTONE / SVIZZERA
15 ore
Il Tavolino Magico torna a pieno regime
Dopo un 2020 complicato, l'anno scorso l'associazione ha salvato e distribuito 5'182 tonnellate di cibo in Svizzera.
CANTONE
15 ore
«Si controlli l'effettivo pluralismo dei media»
Una mozione dei comunisti chiede al Cantone di monitorare annualmente TV, radio e le testate giornalistiche ticinesi.
CANTONE
16 ore
Stipendio dimezzato: «Siamo sommersi dai debiti»
Basta un licenziamento, e una famiglia può finire al limite dell'auto-fallimento. Il caso di una coppia del Luganese
LOCARNO
17 ore
«Il test rapido ci stava regalando una falsa certezza»
Sempre più dubbi su come si va a caccia del Covid. Il caso di una coppia negativa al primo esame, positiva col PCR.
CANTONE
1 gior
Delitto di Muralto, si va in appello
Lo scorso 1. ottobre l'imputato era stato condannato a diciotto anni di carcere
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile