Deposit
LUGANO
21.02.20 - 07:000
Aggiornamento : 08:29

Cresce il tasso di naturalizzazione tra i russi. In calo gli italiani

Nuovi dati rivelano da quali nazioni provengono coloro che chiedono maggiormente la nazionalità svizzera.

A sorpresa spuntano i russi. In calo italiani, austriaci e portoghesi. Perchè? Storie di italiani che di fronte alla possibilità di naturalizzarsi hanno fatto scelte diverse.

di Redazione
L.S./P.M./S.F.

LUGANO - Da quale nazione viene richiesto maggiormente il passaporto svizzero? La domanda fa parte di uno studio realizzato dall’Università di Ginevra e dalla Commissione federale della migrazione CFM, secondo il quale sono stati i cittadini russi domiciliati nel nostro Paese a richiedere maggiormente la nazionalità svizzera. Si parla di una percentuale del 10.3 per cento. Più bassa invece la percentuale di richieste da parte di italiani e austriaci. 

Secondo gli autori dello studio i tassi di naturalizzazione sono più elevati per quei gruppi di persone che non condividono né la lingua né la cultura con la Svizzera. Philippe Wanner, professore di demografia, ha così spiegato il fenomeno: «Innanzitutto viaggiare con un passaporto svizzero diventa molto più facile per coloro che non sono della comunità europea. In secondo luogo la naturalizzazione da parte di persone di culture diverse dalla nostra è uno strumento per una maggiore integrazione e un più facile accesso al mercato europeo del lavoro». 

Parole che non convincono per niente la consigliera nazionale dell’UDC, Barbara Steinemann: «È un aspetto problematico se gli stranieri, nel momento di chiedere la naturalizzazione, pensano soltanto al proprio tornaconto personale, anziché a una reale volontà d'integrazione». Di parere opposto invece Pascale Steiner della Federal Migration Commission. «Chi ha maggiori possibilità di entrare nel mercato del lavoro inevitabilmente paga più tasse», ha dichiarato Steiner facendo notare che esistono anche altri motivi per la richiesta naturalizzazione, come ad esempio la volontà di partecipare al voto e contribuire ai processi decisionali pubblici.

Francesco 56 anni, Mendrisio: «Sono integrato, ma resto italiano»

«Sono arrivato qui a metà degli anni 60, perché la ditta in cui lavorava mio padre nel Veneto aveva aperto una filiale in Ticino. Erano anni in cui si viveva una chiara resistenza verso gli immigrati italiani. Noi siamo sempre molto rimasti legati all'Italia, ma ci siamo integrati benissimo. Da giovane la scelta di non chiedere la cittadinanza era forse legata alla possibilità di evitare il servizio militare. In seguito, grazie alla liberalità della legislazione elvetica, non ho quasi mai sentito il mio essere straniero come una limitazione. Anzi, lo vivevo come garanzia di un'apertura mentale verso il mondo. Mi sono sempre sentito un «italiano all'estero», diciamo così. Una condizione che ho scoperto essere più frequente di quel che pensavo. Forse il sentimento della nazionalità è un elemento dell'identità. Si fatica a cambiare, quando lo senti così».
S.F.

 

Davide 32 anni, Bellinzona: «No, grazie. Sto benissimo così»

Classe 1988, nato nel canton Argovia, poi trasferitosi a 20 anni, con la famiglia in Ticino, a Bellinzona. Davide S., di professione idraulico, ha sempre mantenuto solo la cittadinanza italiana (è infatti originario del Salento). Perché? È lui stesso a spiegarlo. «Pur essendo molto legato e grato alla Svizzera, non ho mai visto grandi vantaggi nell’avere la doppia cittadinanza. Una volta mi sono informato. Ma la burocrazia era troppa. Mi sono dunque bloccato quasi subito». Davide, nonostante sia italiano, è profondamente integrato in Ticino. «Mi sento a casa. Non riuscirei a immaginare di andare a vivere in un’altra nazione. So benissimo anche il tedesco e il francese. Conosco geograficamente tutta la Svizzera, grazie alle mie esperienze lavorative. Non avrei difficoltà a sostenere un esame. Semplicemente sto bene così. E poi diciamo la verità: dopo 40 anni di Svizzera andare ogni 5 anni all’ufficio degli stranieri di Lugano per il rinnovo del permesso e farmi trattare male dal personale dell’ufficio stranieri mi faceva stare male».
P.M.

 


Keystone

Sebastiano 40 anni: «Il Ticino mi ha fatto sentire svizzero»

«Dopo una vita vissuta oltre Gottardo, mi sono trasferito in Ticino circa 20 anni fa per lavoro. Sono nato da genitori italiani e quando vivevo nella Svizzera tedesca, vuoi per motivi linguistici e culturali sentivo in me fortemente le mie radici italiane e mai avevo preso in considerazione di naturalizzarmi. Il contesto svizzero tedesco apertamente ostile nei confronti dell'Italia non aiutava di certo.  Da quando invece mi sono trasferito in Ticino è cambiato qualcosa. Qui si parla la mia lingua madre, e automaticamente è iniziato un processo di integrazione maggiore. Mi sono interessato alle questioni politiche e sociali di questo cantone e di riflesso dell’intera Svizzera. Pian piano ho sentito il bisogno di voler partecipare attivamente al diritto di voto. Insomma di dire la mia a livello politico e a contribuire, con il mio voto, alla crescita di una società più vicina possibile ai miei ideali di vita. E poi diciamo la verità: dopo oltre 40 anni in Svizzera, andare ogni 5 anni all'Ufficio degli stranieri di lugano per rinnovare il permesso C e farsi trattare male dal personale dell'ufficio mi sembrava davvero troppo».
S.F.

 

Galina Spirito, 39 anni, Zurigo: «Sono russa ma voglio votare in Svizzera»

Ho avviato la pratica per la naturalizzazione. Vivo in Svizzera da 17 anni: ormai posso dire che mi sento svizzera a tutti gli effetti, da qui la decisione di prendere il passaporto. In quanto russa  sono una cittadina di un paese terzo, quindi viaggiare con un passaporto russo è estremamente fastidioso. I viaggi improvvisati sono praticamente impossibile, bisogna sempre chiedere il visto. Dato che mio marito ha la doppia cittadinanza, fortunatamente ho potuto chiedere dopo tre anni in Svizzera il passaporto italiano. Una scelta che mi ha aiutato per quanto riguarda i viaggi. Ma ora non mi basta più. In questo momento reputo fondamentale che possa votare ed esprimere la mia opinione anche nel paese in cui effettivamente vivo. 
S.F.

 

A.M: «Diciamo che dopo 30 anni dovrebbe essere perlomeno gratis, visto che la Svizzera mi ha regalato 3 ernie al disco, 30 chili di stress, e fatto cadere i capelli, ed essere nato a Zugo trattato da orfano bianco, una nazione che fa altruismo ma ci ha trattati peggio di come Salvini vorrebbe trattare gli immigrati, oggi sono straniero in Italia e straniero in Svizzera».

E. D.P.:  «A me piacerebbe molto fare il passaporto svizzero, ho tutti i requisiti e mi sento decisamente molto più svizzera che italiana, ma la trafila è lunga e costosa. Ho provato a mandare una volta una email al mio comune per avere l’iter da seguire ma non mi hanno mai risposto».

F. P. N. «Io ho ricevuto la cittadinanza svizzera per me e miei primi due figli nel 2012... sono in Svizzera da ben 36 anni. L’ho fatto per una sicurezza futura dei miei bambini, sono nati e cresciuti e sinceramente con i tempi che corrono anche per la mia sicurezza. Il mio secondo figlio che ha 10 anni dice di voler fare il poliziotto e quindi grazie al cielo che è svizzero».

Fonte: Facebook

Keystone
Guarda le 2 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Nani Gaschi 1 mese fa su fb
I russi portano soldi in svizzera anche i balkani fanno girare leconomia perché non accettare? 😂😅
Pier Carlo Apolinari 1 mese fa su fb
Sono più uomini o più donne?
Aivy Matt 1 mese fa su fb
Ho vissuto in Svizzera italiana per 17 anni ho fatto le scuole dell'obbligo e lavorato ma sinceramente non mi è mai passato per la testa di fare il passaporto svizzero comunque ora vivo in Svezia
Mary Rojas 1 mese fa su fb
Da 16 anni ho il C , ho due passaporti , quindi per me va bene così.. mia figlia ha il passaporto Svizzero, quindi per noi va bene così
Calotta Polare 1 mese fa su tio
Interessante questo studio antropologico del "valore" delle varie culture basato su quanto cucchi la ragazza al bar.
Calotta Polare 1 mese fa su tio
@Calotta Polare post per fromrussiawith
albertolupo 1 mese fa su tio
Articolo che contiene qualche copia-incolla finito al posto sbagliato?
Bayron 1 mese fa su tio
Russi i più “pericolosi” in un futuro non lontano.
fromrussiawith<3 1 mese fa su tio
Mi ricordo di una ragazza di un certo paese che conobbi al bar, mi disse che il mio accento era “sexy”, mi chiese da che parte dell’Italia venivo, gli risposi che non provenivo dall’Italia ma bensì dal Ticino, “Ticino?” una regione della Svizzera precisai, il suo entusiasmo si spense e mi disse, “well, now, it kinda turns me off, can you just pretend to be Italian for once” Fui ben felice di avere un appartamento a Roma con terrazza che s’affacciava sul colosseo, dove potermi godere i gladiatori. Il fatto che pochi Svizzeri sanno, è che la cultura odierna Svizzera (se non fosse per il nostro passato eroico) è vista come una delle più patetiche, noiose, “servili”, opportuniste, ipocrite di questo mondo, probabilmente con Lussemburgo, Belgio… Mi ricordo che per valutare se una cultura di un paese aveva un valore si faceva (scherzando ma non troppo) la “prova dell’Italiano” se la cultura di un paese era “valida”, l’immigrato Italiano poneva con maggior frequenza la sua identità d’Italiano dopo quella del paese adottivo, come accade in US e Australia… l'identità ha ben poco a che fare con il benessre economico
albertolupo 1 mese fa su tio
@fromrussiawith<3 "...la cultura odierna svizzera (minuscolo, grazie) è vista come una delle più patetiche, noiose, … di questo mondo". Si potrebbe anche concordare, ma siamo sicuri che stiamo parlando della cultura? ...e poi scusa, tutto dipende da come riesci a rimorchiare al bar?!?
Daniele Mc 1 mese fa su fb
Forse perché non tutti hanno 2500 sacchi a cranio da dedicare ad una cosa così?
Angelo Michele Maiorano 1 mese fa su fb
Tant a sém tücc oregiatt
Marco Basili 1 mese fa su fb
La burocrazia era troppa? Ho fatto tutti i documenti, corso, ed esame in meno di 3 mesi.
fapio 1 mese fa su tio
la testimonianze di Davide termina con "E poi diciamo la verità: dopo 40 anni di Svizzera andare ogni 5 anni all’ufficio degli stranieri di Lugano per il rinnovo del permesso e farmi trattare male dal personale dell’ufficio stranieri mi faceva stare male" ed è firmata P.M. Poi Sebastiano termina dicendo: "E poi diciamo la verità: dopo oltre 40 anni in Svizzera, andare ogni 5 anni all'Ufficio degli stranieri di lugano per rinnovare il permesso C e farsi trattare male dal personale dell'ufficio mi sembrava davvero troppo». firmato S.F. Galina Spirito si firma con S.F. ???????????? ctrl-C ctrl-V ?????????????
albertolupo 1 mese fa su tio
@fapio Bene. Ci sono almeno due persone che hanno letto l'articolo.
4cerchi 1 mese fa su tio
La vergogna delle vergogne
Alessandro Ale Marra 1 mese fa su fb
il mondo é una scacchiera, e i russi e americani sono i giocatori, noi siamo pedine, nazioni e città, ps: noi italiani il passaporto a pagarlo non interessa, ma difendere chi ci ha dato lavoro é d'obbligo dopo chi ci ha dato i natali si intende, ma come si dice Dasvidania..chi ha soldi é giusto che compri case cose e persone, lo farei anche io, anzi se posso compro la vodka al melone oggi :-)
Fiore Marchesi 1 mese fa su fb
Sono ben accetti quelli che hanno soldi, i lavoratori non così tanto.
Lorenzo Lironi 1 mese fa su fb
Fiore Marchesi master in sofisticata ignoranza ?
Fiore Marchesi 1 mese fa su fb
Lorenzo Lironi tu scienza infusa?
Anders Carlström 1 mese fa su fb
Lugano è piena da sempre di russi, ne conosco parecchi, magari alcuni si faranno svizzeri per comodità o perchè i soldi non gli mancano, ma per molti di loro non si tratterebbe solo di mero opportunismo. Trovo comunquea che il loro modo di essere si sposa molto con la mentalità luganese..... insomma non sono quel tipo di sempliciotti che affermano di essere cittadini del mondo.
Alessandro Milani 1 mese fa su fb
Beh tanti russi vengono qui x lavare i soldi
Led Swan 1 mese fa su fb
Giuste le critiche della Steinemann. Il passaporto svizzero (e non solo) ha lo stesso valore del Monopoli. Gente con 2 o 3 nazionalità diverse è inconcepibile, avanti di questo passo lo metteranno all'asta su tutti.ch🤬
Alessandro Milani 1 mese fa su fb
Led Swan ci sarà già su wish
Alessandro Ale Marra 1 mese fa su fb
vero, la nazionalità dovrebbe essere una cosa seria, o succede come in quella caserma, o ai mondiali, che si tifa la nazione altrui
Paolo Mac 1 mese fa su fb
Led Swan mah....direi che non sia così facile ottenerlo....a meno che tu non sia magari uno sportivo che con i suoi risultati contribuisca a dare smalto alla bandiera😜
Alessandro Milani 1 mese fa su fb
Anche x quelli che giocano in nazionale poi fanno il gesto dell'acquila
Led Swan 1 mese fa su fb
Paolo Mac Qual'è la difficoltà? Gli esami? Ho assitito a colloqui di naturalizzazione dove il candidato vacillava già con la conoscenza linguistica e si è risolto con un preavviso favorevole a livello comunale per cui dubito che nel frattempo vi siano stati sostanziali cambiamenti. Per inciso, la famiglia in questione è poi stata naturalizzata e ora espone sul balcone, ad ogni manifestazione calcistica, la bandiera del suo paese d'origine, mica quella svizzera...
Miglior Amico 1 mese fa su fb
quanta ignoranza😢😢😢
negang 1 mese fa su tio
Ma e' ovvio, il passaporto Russo ha molte limitazioni di viaggio, con quello Svizzero vai dove vuoi in tutto il mondo.
Sarah Ninna 1 mese fa su fb
Beh, in effetti c è un aumento della presenza di russi in Ticino e quasi tutti sono benestanti, quindi ad un certo punto, mi sembra chiaro che se restano, preferiscono avere la cittadinanza. Tanti italiani con i C, forse hanno perso interesse, un po' per il costo, e visto che a 2 passi c è l Italia, e nel caso di complicazioni economiche, possono andare a vivere di là, continuando la vita di tutti i giorni quì.. pensiero di logica per la maggioranza. Io per es, sono italiana e la sto chiedendo, perché la Svizzera la sento casa mia e voglio poter votare. Ogni caso è a sé.
Michela Ceriani 1 mese fa su fb
Noi, come nucleo famigliare, al momento non la prenderemo, solo e semplicemente per i costi. Magari i figli, quando finiranno gli studi e inizieranno a lavorare. Peccato però, io nata e cresciuta qui , idem i figli. Siamo e saremo parte integrante di questa nazione... perché per noi è casa, eppure non abbastanza per averla di diritto, senza pagarla..
Paolo Mac 1 mese fa su fb
Michela Ceriani esatto😔 In più come condizione devi sentirti ed essere integrato..... cosa non facile se non puoi mai dire la tua e devi accettare qualsiasi decisione senza batter ciglio, previo sentirti dire che anche se sono passati 30 anni sei sempre un .....ospite!!!!!!
Sarah Ninna 1 mese fa su fb
Paolo Mac beh dipende.. io ho il C da 7 anni, ma essendo nata e cresciuta sul confine, la mia vita è sempre stata quì, le mie amicizie sono da almeno 15 anni unicamente quì, tanto che ora che la sto chiedendo, alcuni miei amici svizzeri, pensavano io l avessi già, dicendomi che era ora che io la chiedessi, perché sono già svizzera per loro. Ma non potevo prima. 😅
Andrei Rezzin 1 mese fa su fb
Michela Ceriani ma quanto costa ?, 🤔
Sarah Ninna 1 mese fa su fb
Andrei Rezzin sui 3k a persona, e non è detto che venga accolta.
Valentina Massaro 1 mese fa su fb
L'agevolata 900 CHF + tt i documenti che ti chiedono
Michela Ceriani 1 mese fa su fb
Andrei varia da comune a comune. C'è la tassa federale, che non dovrebbe variare, poi c'è la tassa Comunale, quella varia da comune a comune. Non so se sia vero ( capitò ad una mia amica tantissimi anni fa), ma quando il postino arriva con la carta d'identità/ passaporto, il tutto va pagato cash, se no, non consegnano i documenti.
Michela Ceriani 1 mese fa su fb
Paolo esatto, mi piacerebbe poter votare... conosco un sacco di svizzeri che possono faro e non lo fanno. Poi si lamentano di come vanno le cose :D
Gianni Buttarazzi 1 mese fa su fb
Ma certamente la realtà e quanti russi vengono in Europa con soldi rubati .. o acaso la Russia e così decente è normale che tutti chi lavorano possono fare soldi ... non esiste e gente con soldi sporchi questa gente non dovesse avere il diritto a niente ...
Christian Vanossi 1 mese fa su fb
Per i russi il chiaro motivo è la possibilità di viaggiare in tranquillità senza dover richiedere visti, mi sembra ovvio. E non dover uscire dal territorio (solitamente a Cipro) per mantenere il permesso...
Mario Guglielmoni 1 mese fa su fb
Christian Vanossi si poi c'e già chi parla di sporchi mafiosi, gli invidiosi.
Mario Guglielmoni 1 mese fa su fb
Ma se metà svizzera è slavasud e italiana. Disapprovo la disinformazione.
Sarah Ninna 1 mese fa su fb
Mario Guglielmoni non c è scritto che ci sono più naturalizzati russi. C è scritto, che le domande dei russi di naturalizzazione sono in aumento, e quelle degli italiani in diminuzione..
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
«Così il Covid-19 farà rinascere il turismo»
L'iniziativa di Elia Frapolli, ex direttore di Ticino Turismo: «Quello che sta accadendo può essere un'opportunità»
CANTONE / URI
3 ore
«Gli over 65 superano il Gottardo e fanno spese da noi»
Pur di aggirare il divieto alcuni sarebbero disposti a mettersi in macchina e percorrere molti chilometri
CANTONE
4 ore
«Puntiamo a riaprire i cantieri il 20 aprile»
Il direttore della SSIC: «Non sarà la normalità di prima, bisognerà cambiare modo di lavorare»
FOTO
LOSONE
4 ore
Anziano cade e si ferisce, interviene la Rega
L'uomo sarebbe scivolato e avrebbe preso un colpa alla testa
CANTONE
5 ore
Covid-19: io sto a casa, ma gli altri?
Alla vigilia di un weekend pasquale soleggiato non sarebbe stato il caso di insistere, inasprendo divieti e sanzioni?
URI / CANTONE
7 ore
Posto di blocco a Göschenen per Pasqua
Le polizie di Ticino e Uri uniscono le forze per impedire l'esodo verso il Sud delle Alpi.
CANTONE
7 ore
Le banche hanno aperto i rubinetti
Erogati crediti per 774 milioni solo in Ticino. L'Abt: «Misure importanti»
CANTONE / ZURIGO
10 ore
«Solo un divieto fermerà l'esodo pasquale verso il Ticino»
Per l'esperto tuttavia il proibizionismo può avere ripercussioni psicologiche: «Meglio una corretta informazione»
CANTONE
12 ore
Coronavirus, in Ticino 2'599 casi e 198 morti
Nelle ultime ventiquattro ore altre 53 persone sono risultate positive al Covid-19. Nove i nuovi decessi
BELLINZONA
12 ore
Tragedia sui binari, la vittima è un macchinista
Nuovi dettagli sull'incidente avvenuto questa notte a Bellinzona
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile