Deposit
LUGANO
19.02.20 - 07:020
Aggiornamento : 12:27

Tensioni in casa Swica: quella donna può permettersi di tutto

Il recente articolo di Tio/ 20 Minuti ha sollevato un polverone. Diverse le nuove testimonianze. Tutte contro la responsabile vendita

LUGANO – Altro che tutto a posto. Altro che nessuna situazione particolare. Le parole di Silvia Schnidrig, portavoce dell’assicurazione Swica, rilasciate a Tio/ 20 Minuti in occasione di un recente articolo, hanno avuto l'effetto di un boomerang. Il servizio riportava di importanti malumori, tra licenziamenti e partenze, nelle sedi ticinesi a causa della responsabile vendita, basata a Lugano e operativa anche a Bellinzona. Schnidrig, dalla sede centrale di Winterthur, ha negato tutto. Dopo la pubblicazione dell’articolo, la nostra redazione è stata inondata di testimonianze che, al contrario, rafforzavano la teoria del clima torrido in casa Swica.   

Un clima pesantissimo – «Mio marito è scappato, dopo poco più di un anno che la persona in questione è stata nominata responsabile vendita», racconta una signora. Aggiungendo: «Confermo tutto quanto scritto nell'articolo». Un altro ex dipendente si sfoga. «Ho vissuto io stesso la situazione descritta. Ritengo che si tratti solo della punta dell’iceberg. La persona in questione non ha solamente messo in pesanti difficoltà tutti i suoi collaboratori e colleghi, ha altrettanto e spesso messo in difficoltà la clientela di Swica con metodi discutibili». 

Da tempo si attendeva che qualcuno parlasse – «Ho lavorato sotto le grinfie di questa persona per un paio d’anni, ho ricordi tremendi», aggiunge un’altra ex dipendente. «Finalmente si muove qualcosa anche sui media», esulta una persona che ha lasciato il suo posto nel corso dell’ultimo anno. «Era ora che il caso venisse a galla», sostiene un altro ex collaboratore dell’assicurazione malattia.

Dal paradiso all’inferno – Arriva un’altra testimonianza. «Lavorare per Swica inizialmente era come essere in paradiso. Poi, dal momento in cui la signora in questione (già attiva in precedenza nell’assicurazione) è stata nominata responsabile vendita, tutto si è trasformato in un inferno. Almeno venti persone hanno dovuto abbandonare Swica. C’è chi è andato in burnout, chi in malattia. La signora può permettersi veramente tutto, visto che viene coperta dai piani alti. Fortunatamente io sono riuscito ad andarmene». 

Quei contratti a tempo determinato – I casi di mobbing, pressioni, minacce legati a questo personaggio sarebbero innumerevoli. La donna, da qualche anno, non farebbe altro che assumere nuovo personale con dei contratti a tempo determinato. In questo modo, il povero dipendente, una volta spremuto fisicamente e mentalmente, viene semplicemente accompagnato alla porta senza che la situazione arrivi in direzione generale come un licenziamento. È per questo che alla portavoce di Swica non risultano particolari fluttuazioni del personale? 

Questionari poco realistici – Non è finita. Ai colloqui annuali la signora in questione, per quanto concerne il questionario inerente la valutazione del superiore, obbligherebbe il collaboratore stesso a compilare il tutto assieme a lei. Con risultati evidentemente e ovviamente falsati.

Immobilismo inspiegabile – Stando a più fonti, il direttore regionale e la responsabile delle risorse umane, nonché assistente dello stesso direttore, farebbero da spettatori. E, nonostante la situazione sia stata fatta notare più volte anche a loro, non tenterebbero minimamente di redarguire la responsabile vendita. Perché? 

Segnalazioni gravi ai sindacati – Tio/ 20 Minuti ha contattato il sindacato OCST. Il consulente sindacale che ci risponde è al corrente di quanto sta accadendo all’interno del colosso assicurativo. «Abbiamo ricevuto delle segnalazioni gravi – sostiene –. Al momento non possiamo dire di più. Ma possiamo confermarvi che la situazione è sotto la nostra lente». 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE/SVIZZERA
16 min
Svizzeri (e soprattutto i ticinesi) favorevoli alla geolocalizzazione
Lo dice un sondaggio: la violazione della sfera privata nella lotta al coronavirus è ben vista se limitata nel tempo
FOTO
CEVIO
34 min
Il monito ai vacanzieri: «Vuoi finire in ospedale?»
Si tratta di un'iniziativa del granconsigliere Fiorenzo Dadò: «Manca un intervento incisivo e perentorio delle autorità»
CANTONE
2 ore
Coronavirus, 219 decessi e 2'714 contagi
Nelle ultime 24 ore si registrano 8 nuove vittime e un aumento di 55 casi positivi
CANTONE
2 ore
Shopping, lavoro e... aperitivi: ora passa tutto dallo smartphone
Un sondaggio intende comprendere l'impatto della tecnologia sulla nostra vita durante l'emergenza Covid-19
CANTONE
3 ore
Vaccino per il coronavirus, la Svizzera accelera (se serio)
Introduzione prioritaria per un prodotto approvato da un'agenzia di alta qualità.
CANTONE/SVIZZERA
5 ore
Covid-19, in Ticino "solo" 150 multe
Siamo il cantone più colpito, e la popolazione riga dritto. A livello federale oltre 2000 sanzioni
CANTONE
5 ore
Dopo il Covid-19, saremo tutti più poveri?
L’economista Sergio Rossi: «Diversi imprenditori non riescono più a pagare i propri fornitori. È un effetto a catena»
CANTONE
6 ore
Famiglie in difficoltà: «L'assegno non arriva»
Il grido d'aiuto di alcune famiglie bisognose. Lo Ias: non risultano ritardi. Dove sta l'inghippo?
MENDRISIO
16 ore
«Gli anziani? Mai così soli»
L'esperienza di un'assistente di cura: «All'inizio trattata da appestata. Ora si fidano di nuovo»
CANTONE
18 ore
Non è consigliato, ma gli over 65 potranno fare la spesa
Il Governo elimina l'esplicito divieto. E riserva per gli anziani la fascia oraria mattutina fino alle 10.00 nei negozi.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile