Immobili
Veicoli
Foto Tio-20Minuti/Deposit
MINUSIO
11.02.20 - 19:000
Aggiornamento : 12.02.20 - 06:05

Ecco Mister Lavoro: ha cambiato 11 professioni

Giocare d’anticipo e sapere prevedere gli eventi. Sono le parole d’ordine di Moreno Porfido, 54 anni e padre di 4 figli. La sua carriera “da capogiro"

MINUSIO – La ricetta contro la disoccupazione? Giocare d’anticipo. Chiedetelo a Moreno Porfido, 54enne di Minusio, padre di 4 figli. E chiamatelo pure Mister Lavoro. Sì, perché quest’uomo nel corso della sua vita ha cambiato ben 11 professioni. «E per professioni si intende proprio professioni, non posti di lavoro – precisa –. L’ho fatto sempre giocando d’anticipo, spinto dalla curiosità».

L’apprendistato e via in Svizzera interna – Storia particolare, quella di Porfido. Dopo le scuole medie, a Gordola, un anno fermo, praticamente in sala d’attesa. «Sono sempre stato un asino a scuola», ironizza. Poi l’apprendistato triennale di verniciatore di carrozzeria. Con tanto di attestato federale di capacità. «Al termine, mi sono messo in testa di andare in Svizzera interna. Sapevo che lì si guadagnava di più. E allora mi sono trasferito a Windisch, nel Canton Argovia, per un anno. Ho fatto il manutentore di macchine di cotone. E ho pure perfezionato il tedesco».

Un piede in banca – Moreno Porfido è un ragazzo mai domo. Ha voglia di spaccare il mondo. Un giorno, un suo amico gli dice che a Zurigo, in banca, cercano un fattorino. Lui si presenta e si fa assumere. «Passa un altro anno e prendo coraggio. Chiedo al direttore se mi fa lavorare in un altro reparto. Eccomi dunque nel back office, a fare “la spunta” delle conferme e il tesoriere. Avevo il vizio di sbirciare negli altri uffici. Anche nella Trading Room. Qualche tempo più tardi sono passato a quel settore».

L’organizzazione di viaggi – Ha solo 24 anni, Moreno. Ed è già alla sua quinta professione. «Il mio segreto stava nel capire i miei limiti. Ho sempre fatto solo quello che ero capace di fare». A un certo punto, però, la “morosa” spinge Moreno a rientrare in Ticino. Si apre una parentesi in una società finanziaria. Poi una nuova avventura in un’agenzia viaggi. «Come consulente viaggi e come organizzatore di soggiorni linguistici all'estero».   

Un uomo intuitivo – Prima dei 30 anni, Mister Lavoro torna in banca, a Lugano. Diventa funzionario con il grado di procuratore. «Come responsabile del mercato dei cambi e della tesoreria». Nove anni. E un nuovo cambio. In un’altra banca, dove Moreno sarà responsabile finanziario. «Ci sono restato a lungo. Fino alle mie dimissioni. Sono sempre stato intuitivo. Tutte le aziende per cui ho lavorato, dopo la mia partenza o hanno chiuso o hanno subito rivoluzioni. Accadde anche per quella banca, poco dopo il mio addio».

Grazie a Nip & Tuck – La realtà è che Moreno ha già in testa qualcosa d’altro. «Un giorno mi guardo una puntata del telefilm Nip & Tuck. E mi rendo conto che esiste la figura del personal coach. Che cavolo è? Mi informo e scopro una nuova professione. Inizio così una formazione a Lugano».

Nel posto giusto al momento giusto – Oggi Moreno è personal coach, formatore per adulti e consulente al collocamento «Le persone che incontro restano incredule di fronte alla mia storia. Io gliela racconto per spiegare loro quanto sono stato fortunato e come oggi il mercato del lavoro sia diventato più complicato. A me è andata sempre bene, ho sempre avuto un sesto senso che mi ha permesso di anticipare gli eventi. E poi una grandissima motivazione. Ero sempre nel posto giusto al momento giusto».

Paradossi dell’era moderna – Ma un’Odissea come quella di Moreno Porfido potrebbe essere ripetuta da un giovane di oggi? «È estremamente difficile. Adesso si punta tanto sulla formazione, prima si guardava molto la pratica, quello che sapevi fare. Ora devi uscire dalla Bocconi per fare quello che ho fatto io in banca. Da una parte la gente è più formata, ed è un bene. Dall’altra, tutto questo è logorante e crea stress. È un po’ paradossale».

Il sogno ancora da realizzare – Mister Lavoro ora è un uomo felice. Eppure, ha ancora un sogno nel cassetto. «Sin da ragazzino sognavo di fare il fotoreporter. Sono appassionato di fotografia analogica. Non è detto che dopo la pensione ci arrivi. E a quel punto raggiungerei la mia dodicesima professione».  

Foto tio/20Minuti
Ingrandisci l'immagine
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
4cerchi 1 anno fa su tio
Bravo. Io resto dell idea che una volta il lavoro lo facevi per passione, perché ti piaceva. In pratica cambiare lavoro così vuole dire che non hai trovato ancora quello che ti piace veramente. Poi in fin dei conti sono stufo di legger articoli su come ingegnarsi per schivare la disoccupazione... Se tu ami la tua terra, mai la abbandonerà. Pensa te che 1 anno fa eran capaci anche di dirti di andare in Cina A studiare... E qui non vado avanti... In poche parole quando si è alle prese con qualche disgrazia la Svizzera viene ancora buona né. Filosofia allo stato puro. La realtà è ben diversa e non mettete in testa che è tutto facile regalando false illusioni. Il circo.
comp61 1 anno fa su tio
finisce tutto qui: " Ora devi uscire dalla Bocconi per fare quello che ho fatto io in banca". Complimenti comunque!
Bandito976 1 anno fa su tio
Oggi se ne trovi uno e ci resti fino alla pensione è come fare 6 al lotto
jena 1 anno fa su tio
@Bandito976 si, in TI ne avrebbe cambiato 1,1...
Tarok 1 anno fa su tio
@Bandito976 visto il curriculum, lo metterei direttore del CERN
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
4 ore
La legge sull'apertura dei negozi resta in vigore
Non è però prevista una commissione consultiva. Lo ha deciso il Tribunale federale
CANTONE
6 ore
Salgono i contagi, ma calano i ricoveri
Si registra anche una ulteriore vittima del virus, per un totale di 1'090 da inizio pandemia.
CANTONE
10 ore
Pochi decessi, ma «il numero dei contagi resta rilevante»
L'Ufficio del medico cantonale sulla situazione pandemica: «Molto dipenderà dalla variante circolante in futuro»
CONFINE
22 ore
Frontalieri italiani, l'accordo avanza
La commissione economia e tributi del Nazionale promuove la riforma fiscale (quasi) all'unanimità
CANTONE
1 gior
La marcia di chiusura dei Centri vaccinali: «Affrettatevi ad iscrivervi»
Il rallentamento delle richieste ha portato le autorità a ridimensionare progressivamente il dispositivo
CANTONE
1 gior
Identikit dell'astensionista ticinese
Chi è, che lavoro fa, cosa ha votato e perché non vuole votare più. Lo studio dell'Università di Losanna
BELLINZONA
1 gior
La capitale è ancora più grande
A fine 2021 sotto l'ombra dei Castelli abitavano 44'530 persone, ovvero 474 in più rispetto a un anno prima.
CANTONE
1 gior
Altri due decessi in Ticino, dieci nuove quarantene nelle scuole
Negli ospedali si contano quattro Covid-pazienti in meno, per un totale di 173.
CHIASSO
1 gior
«Insultata e minacciata solo per aver svolto il mio lavoro»
Finita più volte al centro di un polverone mediatico, la dottoressa Mariangela De Cesare ha voluto “vuotare il sacco”.
FOCUS
1 gior
I detenuti che non vogliono uscire
Il reinserimento sociale è un problema, per chi è dietro le sbarre. Tanto che molti preferiscono rimanerci
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile