Immobili
Veicoli
Ti Press (archivio)
CALANCA (GR)
05.02.20 - 11:390

«Serve cuore» per il Parco naturale regionale Val Calanca

Il direttore Henrik Bang sta lavorando da un mese al progetto. È entusiasta della sua missione, ma gli impegni non mancano

CALANCA - Il Parco Val Calanca (GR) si è messo in marcia. A un mese dalla sua entrata in carica il direttore Henrik Bang si felicita della partecipazione locale al lavoro attuale di messa in rete dell'offerta. Presto il sito sarà online, i primi eventi sono previsti in maggio.

Le scadenze sembrano ancora lontane in una valle che si muove ancora al ritmo della natura, per quanto non priva di realtà industriali: non lontano dallo storico Pretorio di Arvigo, sede del Parco, la Cava Polti dà lavoro a una trentina di dipendenti nell'estrazione e tradizionale lavorazione dello gneiss della Calanca, altra componente di questo progetto. Eppure non manca molto al 2023, anno in cui si prevede di concludere la fase d'istituzione del Parco naturale regionale, il primo al sud delle Alpi.

L'agenda del nuovo direttore, incontrato venerdì dall'agenzia Keystone-ATS, è fitta di appuntamenti: contatti con le strutture ricettive (dai B&B agli agriturismi fino agli operatori turistici della vicina Bellinzona), con i colleghi grigionesi della "Biosfera Val Müstair" o del Parc Ela (nell'Albula) e degli altri membri della Rete dei parchi svizzeri; ma anche incontri con gli artigiani locali, gli organizzatori di eventi e tutte quelle persone che vorranno partecipare al progetto. «Saranno loro il cuore pulsante del Parco Val Calanca», annota Bang, sottolineando l'entusiasmo, elemento fondamentale per il progetto.

Ma prima di tutto si tratta di completare la squadra, con la ricerca di uno o più persone per le questioni naturalistiche (come la gestione dei biotopi) e quella agricola: dalle antiche mulattiere, ai muri a secco dei terrazzamenti. Poi si tratterà di trovare un responsabile della comunicazione, che dovrà veicolare le peculiarità della regione, il carattere primitivo e selvaggio di un territorio che si estende su oltre 120 chilometri quadrati fino a Mesocco (Val Mesolcina). Il team sarà affiancato da Sascha Pizzetti, ingegnere forestale, e Birgit Reutz, docente della Scuola universitaria di scienze applicate di Zurigo (ZHAW), ideatori del progetto per la candidatura ora a disposizione come consulenti.

Il nuovo direttore si mostra entusiasta della sua missione, ma soprattutto del calore, dal senso di comunità calanchino. «Forse - ammette Bang facendo un paragone con il Parc Adula bocciato nel 2016 - è perché il nostro progetto non comprende una zona centrale. Il Parco è così visto, oggi come al momento della candidatura da parte dei Comuni promotori di Rossa, Calanca e Buseno, come una grande opportunità».

Tra un paio di settimane si conta di attivare il sito internet, che si vorrebbe «dinamico e coinvolgente», con una serie di eventi dedicati alla popolazione. Qualche data è già stata fissata come il 23 maggio, Giornata dei mulini, che da cinque anni si organizza a Braggio dove si coltivava segale, orzo e fave. Per l'occasione si pensa a attività per grandi e piccoli.

"Natura, cultura, sviluppo e cuore" - Bang tiene a precisare che il Parco non porterà a nuovi divieti «per nessuno»: per gli escursionisti, per la raccolta di funghi e per i cacciatori. E insiste sui benefici economici su tutta la regione. "«ogliamo accompagnare le iniziative di pregio, promuovere le filiere naturali della Calanca, dal sasso al legno, con benefici per la popolazione locale, valorizzando gli aspetti culturali e storici di queste attività, la genuinità della tradizione: tutto questo in un discorso di protezione e rispetto per la natura».

Il direttore passa dunque in rassegna i tratti distintivi della regione, dai cinque villaggi iscritti nell'Inventario federale degli insediamenti svizzeri da proteggere (Rossa, Augio, Bodio/Cauco, Landarenca e Braggio), alle varie riserve naturali con i prati secchi: tutti tasselli disseminati qua e là che si vogliono ora unire in un mosaico che abbia una sua coerenza e che sia vettore di benessere. «Ai potenziali visitatori del Parco - incalza il direttore del Parco Val Calanca - devono bastare pochi clic per scoprire la qualità che vogliamo offrire, sapere quando si svolgono le visite organizzate al Parco, quali attività praticare, quali sentieri sono adatti alle mountain bike, a quali conferenze ed eventi partecipare, in quali agriturismi o capanne pernottare e cosa offre di meglio la cucina tipica, ... ».

In questo senso il sito serve a creare l'ossatura del Parco, sostenuto in questa fase con un contributo annuale di 630mila franchi (la metà dalla Confederazione, il 35% dal Cantone e il resto da Comuni e partner privati): una base con informazioni in due lingue (tedesco e italiano), per essere subito operativi.

Il segreto per rispettare la tabella di marcia? Bang risponde prendendo in mano un prospetto con il caratteristico laghetto di Calvaresc a forma di cuore, sul sentiero alpino che da San Bernardino conduce a Santa Maria in Calanca: «Ci vuole passione».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
AIROLO
11 ore
Sorpasso nel tunnel del San Gottardo, automobilista condannato
Un cittadino degli Emirati Arabi è stato sanzionato per la manovra compiuta lo scorso 24 novembre
LUGANO
12 ore
Davide Enderlin a processo
L'ex consigliere comunale luganese è stato rinviato a giudizio e dovrà rispondere di illeciti per oltre 3 milioni
ARBEDO-CASTIONE
13 ore
Il Motel Castione affonda schiacciato dall'Iva
Negli scorsi giorni la società ha depositato i bilanci, oggi lo stop intimato dal Cantone
CANTONE
14 ore
Ecco i prossimi radar, molti nel Luganese
La lista dei controlli della velocità annunciati per la settimana dal 24 al 30 gennaio
CANTONE
15 ore
Mancata riscossione dell'IVA: «Non devono essere i conducenti a risarcirla»
L'invio di un complemento di fattura dopo circa cinque anni ha fatto storcere il naso a molti.
FOTO
LUGANO
18 ore
«Ringrazio tutto il personale sanitario»
Il presidente della Confederazione ha parlato con i medici e gli infermieri in prima linea nella lotta al Covid-19.
CANTONE
19 ore
«Bene gli applausi agli infermieri, ma diamogli anche 6'000 franchi»
L'MPS ha presentato una serie di emendamenti al Preventivo 2022 focalizzati su sanità, dumping e disoccupazione
LOCARNO
20 ore
Kursaal firma con un nuovo gestore. «Ma noi siamo ancora interessati»
Il Gruppo ACE, che attualmente gestisce la casa da gioco, non nasconde il proprio stupore: «Non sapevamo nulla»
CANTONE
21 ore
In lieve aumento i ricoveri (+5) e tre nuove vittime
I nuovi positivi al Covid registrati nelle ultime 24 ore sono 1421.
CANTONE
1 gior
«Io prete che ho detto di no a quella donna»
Don Pierangelo Regazzi, ex arciprete di Bellinzona, vuota il sacco: «Il celibato obbligatorio non ha più senso».
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile