Immobili
Veicoli
Calma piatta a Lattecaldo: ma tutti tifano Rita
Tio/20Min/DG/Sandra Galli
+1
BREGGIA
04.02.20 - 06:040
Aggiornamento : 05.02.21 - 10:01

Calma piatta a Lattecaldo: ma tutti tifano Rita

La Pavone, origini piemontesi e passaporto svizzero, torna a Sanremo dopo 48 anni. Video tra la gente del suo eremo, con gli auguri del figlio...

Al Festival la cantante presenterà il brano "Niente (Resilienza 74)", scritto proprio da Giorgio Merk: «In bocca al lupo, mamma». L'esperto Jacky Marti: «Una donna giovane dentro».

LATTECALDO (BREGGIA) – Tra le mura di quella casa rossa, a Lattecaldo, frazioncina del Comune di Breggia, sta probabilmente vivendo emozioni indescrivibili. La “svizzera” Rita Pavone torna al Festival di Sanremo a ben 48 anni dalla sua ultima apparizione sul palco dell’Ariston. Nella serata di oggi, martedì, sentiremo finalmente “Niente (Resilienza 74)”, il brano che il figlio, Giorgio Merk, ha confezionato per l’artista di origini piemontesi.

Via dai riflettori – E c’è una certa attesa anche tra i ticinesi che vivono o passano da Lattecaldo. «Sono curioso – ammette un signore che abita nei paraggi –. In ogni caso, forza Rita, è una di noi». Residente in Svizzera dal lontano 1968, anno del matrimonio con Teddy Reno, la Pavone scelse proprio la località del Mendrisiotto per vivere una vita più serena, lontana dai riflettori che l’Italia le proponeva di continuo.

Una quiete da rispettare – «Lattecaldo è il suo eremo – sottolinea Maurizio Mombelli, segretario comunale di Breggia –. Ha scelto questo posto per stare tranquilla e noi la lasciamo in pace. Abbiamo pochissimi contatti con lei. Ogni tanto è venuta in Municipio per questioni normali, come fanno altri cittadini. E basta. La sua famiglia non ha mai chiesto niente di particolare. E noi la rispettiamo. Certo che se vincesse Sanremo, qualcosa per lei magari organizzeremmo, ovvio».

Scelta legittima – «Rita ha fatto una scelta più che legittima – sostiene Jacky Marti, papà di Rete 3 e di Estival Jazz –. Da quando aveva 16 anni la fermavano per strada. Provate a immaginarvi tutta una vita così. È un essere umano. Aveva bisogno di normalità. Io l’ho sempre capita. La gente deve giudicarla per la sua musica. Non per la sua vita privata».

Legata alla Valle di Muggio – Marti adora la personalità di Rita Pavone. Ed elogia il coraggio di tornare all’Ariston. «Rita avrà anche 74 anni, ma è giovane dentro. Raramente ho visto una donna con tanto entusiasmo. Non se la tira, è simpatica, è spontanea. È tanto legata alla Valle di Muggio. Ha il passaporto svizzero da una vita, è giusto che i ticinesi facciano il tifo per lei».

L’emozione del figlio – Accanto al ristorante di Lattecaldo, a poche decine di metri dalla casa della Pavone, incontriamo Giorgio Merk, l’autore del brano in gara a Sanremo. Subito si mostra molto gentile. «Sento un po’ il peso di essere l’autore della canzone. Mia madre, invece, ha vissuto i giorni della vigilia con tranquillità. È contenta di tornare a Sanremo dopo tutti questi anni ed è contenta di farlo con un pezzo scritto da me. Sono fiducioso. In bocca al lupo, mamma». 

Le voci dei fan

Roberto Balestrieri, 56 anni
«Non so se Rita vincerà Sanremo. Non penso. Però sono sicuro che non farà una figuraccia. Anzi. Ha fatto bene a lanciarsi. È una donna grintosa. Brava».

Alessandra Formenti, 40 anni
«A me piacciono molto le canzoni del passato di Rita Pavone. So che quella che sentiremo a Sanremo l’ha scritta suo figlio. Sono davvero curiosa».

Marco Capodieci, 42 anni
«Mi viene in mente la sua canzone del martello. È un po’ come se Rita tornasse a “picchiare di nuovo”, a farsi sentire nella musica italiana. Ce n’era bisogno».

Tio/20Min/DG
Guarda tutte le 5 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
vulpus 1 anno fa su tio
Una grande forza di carattere per questa cantante che da tanti anni ha successo, rifuggendo le anomalie odierne di certi artisti. Dopo oltre quarant'anni ritornare a Sanremo, con tanta classe e umiltà le fa onore. Auguri .
dinci 1 anno fa su tio
La mia gioventù insieme a Gianni Morandi, Edoardo Vianello e così via.
gaucho64 1 anno fa su tio
Forza Rita ?? Hai una bella e brava famiglia che sicuramente ti sostiene.
Stranita 1 anno fa su tio
Un grosso in bocca al lupo a Rita. È un orgoglio per Lattecaldo , per il Ticino e pure per la Svizzera.
Dioneus 1 anno fa su tio
Speriamo la coprano di fischi
dudo 1 anno fa su tio
@Dioneus perché così acido?
Stranita 1 anno fa su tio
@Dioneus Solo il fatto che sia presente è già un successo!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
2 ore
Pochi decessi, ma «il numero dei contagi resta rilevante»
L'Ufficio del medico cantonale sulla situazione pandemica: «Molto dipenderà dalla variante circolante in futuro»
CONFINE
14 ore
Frontalieri italiani, l'accordo avanza
La commissione economia e tributi del Nazionale promuove la riforma fiscale (quasi) all'unanimità
CANTONE
17 ore
La marcia di chiusura dei Centri vaccinali: «Affrettatevi ad iscrivervi»
Il rallentamento delle richieste ha portato le autorità a ridimensionare progressivamente il dispositivo
CANTONE
20 ore
Identikit dell'astensionista ticinese
Chi è, che lavoro fa, cosa ha votato e perché non vuole votare più. Lo studio dell'Università di Losanna
BELLINZONA
20 ore
La capitale è ancora più grande
A fine 2021 sotto l'ombra dei Castelli abitavano 44'530 persone, ovvero 474 in più rispetto a un anno prima.
CANTONE
22 ore
Altri due decessi in Ticino, dieci nuove quarantene nelle scuole
Negli ospedali si contano quattro Covid-pazienti in meno, per un totale di 173.
CHIASSO
1 gior
«Insultata e minacciata solo per aver svolto il mio lavoro»
Finita più volte al centro di un polverone mediatico, la dottoressa Mariangela De Cesare ha voluto “vuotare il sacco”.
FOCUS
1 gior
I detenuti che non vogliono uscire
Il reinserimento sociale è un problema, per chi è dietro le sbarre. Tanto che molti preferiscono rimanerci
LUGANO
1 gior
«Non era il pianto di mia figlia»
Una 90enne luganese vittima dei "falsi poliziotti". Racconta come ha morso la foglia
VIDEO
CAMPIONE D'ITALIA
1 gior
Entriamo nel nuovo Casinò di Campione
Tutti all'opera per far rivivere la casa da gioco a due passi da Lugano. La parola d'ordine è "sicurezza"
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile