TiPress - foto d'archivio
CANTONE / SVIZZERA
30.01.20 - 10:300

Partono le sirene, ma non serve allarmarsi

Mercoledì 5 febbraio tra le 13.30 e le 15.00 prova generale d'allarme in tutta la Svizzera. Arriverà anche un messaggio da Alertswiss

di Redazione

BELLINZONA / BERNA - Le allerte oggi arrivano come notifiche sullo smartphone. Ma la Confederazione vuole essere sicura che tutta la popolazione venga avvisata in caso di necessità. Per questo le sirene restano l'elemento centrale, soprattutto di notte, quando restano l'elemento migliore per svegliare la gente. Per testarne il funzionamento, mercoledì 5 febbraio 2020 avrà quindi luogo in tutta la Svizzera la prova annuale delle sirene.

5'000 in tutta la Svizzera - In Svizzera ci sono circa 5000 sirene fisse per dare l'allarme generale alla popolazione in caso di pericolo. Di queste, circa 600 sono sirene combinate che permettono anche di dare l'allarme acqua. L'Ufficio federale della protezione della popolazione (UFPP) assicura, in collaborazione con i Cantoni, i comuni e i gestori degli impianti d'accumulazione, che le sirene siano sempre al passo con i progressi tecnologici e pronte ad essere messe in funzione.

Sirene e Alertswiss - Il 5 febbraio 2020 verrà verificato in tutta la Svizzera il funzionamento delle sirene. Verranno testate sia le sirene utilizzate per dare l'allarme generale, sia quelle per l'allarme acqua. La popolazione non deve adottare misure particolari. Alle ore 13:30, le sirene emetteranno il segnale di «allarme generale», un suono modulato e regolare della durata di un minuto. Se necessario, la prova potrà essere ripetuta entro le ore 14:00. Parallelamente all'allarme generale diffuso tramite le sirene, i Cantoni diffonderanno un messaggio d'allarme test anche tramite i canali Alertswiss. Tra le 14:15 e le 15:00, nelle zone a valle degli impianti d’accumulazione verrà emesso il segnale di «allarme acqua»: dodici suoni continui e gravi in sequenze di 20 secondi a intervalli di 10 secondi.

E in caso di allarme effettivo? - Se il segnale "allarme generale" suona in un momento diverso da quello previsto per la prova delle sirene, significa che la popolazione potrebbe trovarsi in pericolo. In questo caso i cittadini minacciati devono ascoltare la radio o informarsi tramite i canali Alertswiss, seguire le istruzioni diramate dalle autorità e informare i vicini. L'"allarme acqua" segnala un pericolo imminente per la zona a valle di un impianto d'accumulazione. In questo caso la popolazione è esortata ad abbandonare immediatamente la zona minacciata. La popolazione delle zone a rischio viene informata preventivamente con dei promemoria sull’allarme acqua e soprattutto sulle possibili vie di fuga locali. Maggiori informazioni e regole di comportamento si trovano nel sito dell'UFPP, nel sito Alertswiss e alle pagine Teletext 680 e 681 dei canali SRG-SSR.

Dare l'allarme - Insieme ai Cantoni e ad altri partner, l’UFPP ha introdotto un sistema di comando a distanza delle sirene, denominato Polyalert. A questo sono collegate tutte le sirene fisse. Negli ultimi anni, Polyalert è stato sviluppato in un sistema centrale per la diffusione dell'allarme e delle informazioni sugli eventi. L'app Alertswiss e il sito web Alertswiss, le emittenti radio della SSR e gli account delle organizzazioni di utenti sono direttamente collegati con Polyalert. In questo modo le autorità possono redigere, registrare e pubblicare le comunicazioni contemporaneamente su più canali.

Di regola, dopo il segnale d'allarme delle sirene, le prime reti delle emittenti radiofoniche SSR (SRF, RTS, RSI) trasmettono un comunicato. Con Alertswiss si amplia la gamma di strumenti nel campo della comunicazione sugli eventi: dopo un evento è infatti possibile diffondere ulteriori informazioni sui medesimi canali e, grazie ai vari livelli di comunicato (allarme, allerta o informazione), si può informare in modo rapido e mirato anche su eventi di minore entità, come ad esempio in caso di inquinamento dell'acqua potabile in un comune, senza attivare contemporaneamente le sirene.

L'app Alertswiss è disponibile gratuitamente per i sistemi Android e iOS e può essere scaricata dal Google Play Store e dall'App Store di Apple.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
AIROLO
20 min
«Pronti a sciare da fine novembre»
La stagione bianca che verrà vista da Mauro Pini, direttore degli impianti di Airolo-Pesciüm
CHIASSO
1 ora
Delitto di via Valdani, padre e figlio rinviati a giudizio
Dovranno rispondere di assassinio, subordinatamente omicidio intenzionale, e aggressione.
CANTONE
1 ora
«C'è preoccupazione per la durata della seconda ondata»
Da Bellinzona il DSS fa il punto della situazione e spiega gli adattamenti decisi per il prossimo futuro.
BELLINZONA
3 ore
«La polizia interferisce in modo sproporzionato e antidemocratico»
L’accusa arriva da ForumAlternativo, che pubblica su YouTube quanto accaduto martedì mattina
CANTONE / SVIZZERA
5 ore
Contagi e frontalieri: «È ora di limitare gli spostamenti?»
Piero Marchesi interroga le Camere federali sulla situazione ticinese
CANOBBIO
6 ore
Quattro classi in quarantena: «Ci vogliono misure urgenti»
I genitori degli allievi che frequentano le Medie di Canobbio sono preoccupati. E scrivono al Governo ticinese
CANTONE
7 ore
Secondo giorno sopra i 300 contagi, 5 nuove vittime
Sono 6'910 le persone risultate positive al test PCR da inizio pandemia. 361 i decessi
CANTONE
8 ore
A ridosso delle vacanze... altre tre classi in quarantena
La misura è stata adottata per allievi di tre diversi istituti scolastici ticinesi
LUGANO
8 ore
Appena iniziata, e già finita
Le nuove misure per contenere la pandemia prese dal Consiglio federale hanno bloccato Artecasa 2020 dopo poche ore.
CANTONE
10 ore
Il caso della corsa ai sussidi per imparare l'italiano
Il Cantone spende più del doppio del preventivato e blocca l'erogazione degli aiuti agli stranieri
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile