Ti-press (Igor Grbesic)
«È il disagio che sta crescendo, non solo a Lugano».
+5
LUGANO
21.01.20 - 06:000
Aggiornamento : 09:17

«Ci sentiamo frustrati e impotenti»

Il disagio dilaga: Michele Bertini, capo dicastero sicurezza, commenta la fiaccolata per Matteo Cantoreggi. L’organizzatrice Sara Beretta Piccoli: «Si può fare di più»

LUGANO – Ore 20 di un lunedì di gennaio. Fa freddo davanti alla chiesa di Santa Teresa, a Viganello. Diverse decine di persone sono pronte a intraprendere la fiaccolata in memoria di Matteo Cantoreggi, il giovane ucciso il 17 dicembre dopo una lite presso la pensione La Santa. Un silenzio surreale accompagna i presenti verso la meta. Il luogo in cui Matteo, 35 anni, ha vissuto le ultime ore della sua vita. «Nella nostra Città – sostiene Sara Beretta Piccoli, consigliera comunale e organizzatrice della fiaccolata – la convivenza tra fasce sociali sta ponendo più di una riflessione. Le differenze si stanno acutizzando».

L’etichetta di Bronx – Matteo, pur essendo un bravo ragazzo, aveva problemi di alcol. Lo sapevano tutti. Lo ha ammesso anche il papà, Pietro, in una recente intervista rilasciata a tio/ 20minuti. Intanto tra i residenti c’è chi, all’unisono, dichiara che “Viganello non è il Bronx”. Un coro riportato dal settimanale “Il Caffè”. «Eppure – riprende Beretta Piccoli – si sa che Viganello ha sempre avuto la connotazione di luogo in cui vivevano le famiglie meno agiate e alcune tra le persone più problematiche».

Il luogo non conta – «Il problema – ribatte Michele Bertini, vicesindaco di Lugano e capo del Dicastero sicurezza – non va confinato a Viganello. Certe cose qualche tempo fa le potevamo dire anche per Via Industria a Pregassona, o per Molino Nuovo. Così come le potremmo dire adesso per la zona della Gerra, dove c’è una panchina che è diventata punto di ritrovo per persone con problemi d’alcol. Il luogo non è importante. È il disagio che sta crescendo, e non solo a Lugano».

Un sentimento di impotenza – Il senso della fiaccolata di ieri sera era proprio quello di porre l’accento su questo aspetto. «Lugano globalmente resta una Città sicura dal punto di vista della criminalità – assicura Bertini – non possiamo negare che ci sono delle difficoltà legate a persone con problemi di dipendenza. Per le forze dell’ordine è frustrante come un intervento concreto non porti a un miglioramento del fenomeno. E questo perché la questione è nettamente più complessa di quanto si pensi. Ubriacarsi su una panchina non è reato. Ci si sente impotenti di fronte ad alcune situazioni».

Miglioramenti urgenti – Situazioni che non riguardano dunque solo il Dicastero diretto da Bertini e che non vanno limitate a Lugano. «In Ticino manca ad esempio un centro di detenzione giovanile – fa notare Beretta Piccoli – e forse si può fare di più a livello gestionale. Se ci sono tante persone con problemi, probabilmente, è il caso di non metterle tutte insieme nello stesso stabile. È giunta l’ora di non più sottovalutare questi aspetti».

Ti-Press (Igor Grbesic)
Guarda tutte le 8 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
BELLINZONA
3 ore
Il personal shopper si sposta on line e ti veste sui social
Reinventarsi in un mestiere tradizionale attraverso la tecnologia. Una sfida vinta durante la pandemia
LUGANO
7 ore
Scarcerato don Chiappini
Il giudice dei provvedimenti coercitivi non ha convalidato il fermo. Il sacerdote torna a piede libero
FOTO E VIDEO
MAROGGIA
9 ore
Enorme incendio al Mulino Maroggia, ci sono intossicati
Pompieri e Polizia sono sul posto, ma il loro intervento è reso difficile dalla "forza" del rogo.
CANTONE
9 ore
Messaggi di Ermani: «Non luogo a procedere»
Per il Procuratore generale sostituto la segnalazione di Pronzini non ha aggiunto nulla a quanto già di dominio pubblico
CANTONE
10 ore
Da Bedano a Balerna altri contagi in casa anziani
Piccolo focolaio in un reparto della Stella Maris. Cinque residenti isolati al quarto piano. Altri casi a Ca' Rezzonico
TAVERNE
11 ore
Incidente in A2, disagi
Tra Taverne e il monte Ceneri si segnala un sinistro in direzione nord
CANTONE
11 ore
Lockdown 2: cineasti ticinesi fatevi avanti
«Mai prima di questa primavera era stato realizzato un progetto a livello nazionale in così poco tempo»
FOTO
BELLINZONA
15 ore
Le rotonde di Camorino sono (infine) pronte
Dopo mesi di cantiere e qualche polemica, le nuove rotatorie sono entrate in servizio negli scorsi giorni.
CANTONE
16 ore
Altri 140 casi e 5 nuovi decessi in Ticino
Nelle ultime 24 ore 23 persone sono state ricoverate in ospedale, mentre 11 lo hanno lasciato.
CANTONE
19 ore
I ticinesi che portano le bollette alla Caritas
L'associazione benefica ha ricevuto oltre 700 richieste d'aiuto in più da marzo. Ecco chi sono i nuovi poveri del Covid
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile