Immobili
Veicoli
Depositphotos (ArturVerkhovetskiy)
Sono stati resi noti i risultati pubblicati nel rapporto "Pratiche didattiche nella scuola dell’obbligo".
CANTONE
20.01.20 - 09:050
Aggiornamento : 09:31

"Pratiche didattiche nella scuola dell’obbligo", resi noti i risultati

L’intelligenza, o meglio la sua definizione, è un tema che non fa l’unanimità

BELLINZONA - Il Dipartimento dell'educazione, della cultura e dello sport (DECS) - tramite la Divisione della Scuola (DS) – ha reso noti i risultati pubblicati nel rapporto "Pratiche didattiche nella scuola dell’obbligo", realizzato dal Centro innovazione e ricerca sui sistemi educativi (CIRSE) della SUPSI.

La ricerca ha coinvolto 1300 insegnanti e quasi 6000 allievi ticinesi. Fra i capitoli più innovativi e interessanti c'è la correlazione fra prassi didattica e la concezione sulla capacità d’apprendimento: l’intelligenza, o meglio la sua definizione, è un tema che non fa l’unanimità.

La didattica scolastica, secondo i docenti dell’obbligo, deve in particolare coltivare la relazione con l’allievo. Al contempo le attività di “sviluppo professionale”, la collaborazione tra docenti e il “co-teaching”, ovvero il co-insegnamento, sono invece poco praticate nella quotidianità scolastica rispetto all’importanza che viene riconosciuta loro dai docenti stessi. Quest’ultimi ritengono infatti meno interessante l’insegnamento considerato tradizionale, come la “dettatura di definizioni”, l’assegnazione dei compiti a casa e la lettura ad alta voce.

Complessivamente lo studio CIRSE presenta non pochi elementi che possono essere considerati punti di forza dell’insegnamento obbligatorio in Ticino; primo fra tutti, la relazione empatica che il docente privilegia nei rapporti con gli alunni. In generale i docenti ribadiscono fermamente la loro dedizione nello svolgere la professione. Al contempo la ricerca ha evidenziato alcune fragilità da non sottovalutare: lo scarso utilizzo della valutazione come feedback costante capace di motivare l’allievo, la mancata consapevolezza sulla necessità di differenziare la didattica in base ai bisogni degli alunni o anche la scarsa propensione a collaborare coi colleghi. Non viene meno, nei docenti, la consapevolezza che un progetto didattico adeguato è costruito grazie alla collaborazione di tutti gli attori, ma al contempo gli stessi non ignorano i limiti che ostacolano la piena realizzazione dei presupposti sinergici e partecipativi.

Un capitolo senz’altro interessante, perché mai così ben evidenziato, è l’influenza del concetto d’intelligenza propria dei sulle loro pratiche didattiche. Sono due, stando alla ricerca, le visioni teoriche fatte proprie dai docenti. C’è chi la considera una funzione evolutiva e si attiva, di conseguenza, per stimolare l’apprendimento mettendo al centro della propria azione la costruzione del sapere. Per contro c’è chi invece vede l’intelligenza come attività innata e immutabile preferendo quindi, data la premessa, un insegnamento frontale dove non è richiesta una particolare partecipazione dell’alunno. Entrando nel merito dei tre livelli scolastici obbligatori, si constata che nella scuola dell’infanzia vi è una sostanziale coerenza tra ciò che si ritiene importante fare e ciò che in effetti si fa. La cura della relazione con gli allievi perché influente sul rendimento dei medesimi, il sostegno in caso d’insuccesso e lo stimolo costante all’impegno sono qui le pratiche didattiche effettive, ritenute molto importanti. Alla scuola elementare invece emerge che le attività meno utilizzate, nonostante siano considerate d’importanza strategica per una didattica adeguata, si riferiscono quasi tutte alla collaborazione fra docenti come il monitoraggio delle lezioni e ‘co-teaching’.

Parzialmente divergente, infine, la percezione della prassi rilevata alla scuola media dove la valutazione degli alunni non collima con quella dei docenti, o meglio i primi sostengono di non cogliere quanto i secondi affermano di praticare. Per esempio, secondo gli allievi i docenti organizzano meno di quanto dicano il lavoro in piccoli gruppi, utilizzano meno nuove tecnologie di quanto credano, mettono in atto tecniche di differenziazione meno sovente rispetto alle intenzioni dichiarate le risposte di allievi e docenti invece collimano per quanto concerne l’attenzione degli insegnanti nel dare consegne chiare prima di un compito o nella verifica della comprensione degli argomenti tramite domande.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
BELLINZONA
1 ora
Dorme al gelo, lo aiutano e tenta la fuga
Un giovane, al freddo, in un sacco a pelo. È quanto osservato questa mattina di fronte a un negozio in via Henri Guisan
CANTONE/ITALIA
2 ore
Ancora uno sciopero, Tilo fermi domenica in Italia
Disagi per chi viaggerà tra il Ticino e l'Italia domenica. Circoleranno solo gli Eurocity
CANTONE
6 ore
«Don Tamagni si sente come se il mondo gli fosse crollato addosso»
La solitudine del prete in carcere per avere rubato 800.000 franchi. Nonostante tutto, riceve visite e sostegno.
AGNO
15 ore
L'operaio schiacciato da un macchinario è deceduto
Si tratta di un 51enne svizzero domiciliato nel canton Zurigo.
LUGANO
19 ore
Frontaliere, ma «vive in Marocco»
Nuovi dettagli sul caso del presunto prestanome della 'ndrangheta con un piede in Ticino
LUGANO
20 ore
Lugano, dopo anni in calo, diventa più grande
Nel corso del 2021 la popolazione è aumentata di 95 unità.
CANTONE
21 ore
«La cassa nera mi è stata ordinata»
Al Tribunale militare parlano l’ex comandante Antonini e l’ex capo dello stato maggiore delle guardie di confine
RIVERA
22 ore
Un altro weekend di tamponi
Riapre domenica il centro della Protezione civile di Rivera. Ecco dove farsi testare il 28 e 29 gennaio
CANTONE
1 gior
Don Tamagni, proposti sei mesi da scontare, altri 27 sospesi
Tra appropriazione indebita e truffa, il parroco ha estorto oltre 900mila franchi.
CANTONE
1 gior
«L’atto d’accusa è un pasticcio»
Chiesto (e negato) il rinvio del processo nei confronti dell’ex comandante delle guardie di confine Antonini.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile