Ti Press (archivio)
CONFINE / CROGLIO
10.01.20 - 14:000

Il fumo oltrepassa il confine e il Comune chiede i danni d'immagine

L'amministrazione di Cadegliano Viconago si è costituita parte civile in un processo per combustione illecita di rifiuti di cui è accusato un suo cittadino

VARESE - In un processo che vede imputato un cittadino accusato di aver bruciato alcuni rifiuti - mobilio, bancali e altri oggetti - contravvenendo al “Codice ambiente“, l’amministrazione comunale di Cadegliano Viconago ha chiesto (e ottenuto) la costituzione di parte civile per “danno di immagine“. E questo perché il fumo del falò illegale, acceso a poca distanza dal confine di Stato, è andato ad inquinare l'aria di Croglio. Una questione a metà fra il locale e l’internazionale, insomma.

L'episodio risale al 2018 ma la richiesta, come riferisce varesenews, è stata accolta ieri. Erano stati gli stessi malcantonesi, infatti, ad allertare la polizia ticinese. Che non aveva potuto fare nulla perché il falò era fuori dalla giurisdizione cantonale. La notizia era però giunta fino ai Carabinieri forestali che, intervenuti, hanno poi comunicato il reato alla Procura di Varese, da cui è partita l’azione penale.

Danno d'immagine - Una richiesta piuttosto insolita che, come detto, è stata accettata dal giudice sulla base di una sentenza di cinque anni fa dove è contemplato «che un ente possa agire per danno di immagine quando si verifica una diminuzione della considerazione patita dall’ente stesso». In altre parole, se verrà appurato che il cittadino è colpevole del reato contestato, allora sarà possibile da parte del tribunale la quantificazione del danno «di altro tipo» rispetto a quello ambientale.

«Non ce ne laviamo le mani» - «Ci siamo costituiti parte civile soprattutto per far vedere agli svizzeri che non ci laviamo le mani del nostro territorio. Se il fumo italiano va a finire in Svizzera, i nostri vicini alla fine hanno tutto il diritto di reclamare», ha spiegato al portale il sindaco di Cadegliano Viconago Arnaldo Tordi.

 

TOP NEWS Ticino
FOTO E VIDEO
LUGANO
58 min
Materiale e sterpaglie in fiamme a Cadro
L'incendio è divampato all'esterno di uno stabile adibito a magazzino.
CANTONE
3 ore
La "fabbrica" dei collaudi va fuorigiri
Il Governo garantisce il rispetto dei piani di protezione, ma i collaboratori parlano di ritmi quasi pre-pandemici
MENDRISIO
4 ore
Càvea Festival, gli organizzatori gettano di nuovo la spugna
Per il secondo anno consecutivo le cave di Arzo rimarranno senza musica. L'attesa terza edizione non ci sarà.
BELLINZONA
9 ore
Ecco come sarà il nuovo Pretorio
Il Consiglio di Stato chiede al Parlamento un credito di 43 milioni e 420mila franchi per ristrutturazione e ampliamento
FOTO
BREGGIA
9 ore
Gli alberi se ne vanno per poi tornare
Nell'ambito della valorizzazione della piazza di Cabbio è iniziato lo spostamento di tigli e platani
CANTONE
10 ore
L'autostrada A2 si prepara per il semisvincolo
Al via i lavori per il risanamento globale del tratto compreso tra gli svincoli di Bellinzona Nord e Bellinzona Sud
FOTO E VIDEO
BRISSAGO
11 ore
Come ti salvo l'Isolino dalle neofite invasive
Le specie alloctone avevano colonizzato l'Isola dei conigli, ma un intervento mirato le ha estirpate.
CANTONE
11 ore
Covid: 44 positivi e 7 ricoveri
Il tasso di riproduzione Rt è dell'1,09. Sono 156 su 100mila le persone positive negli ultimi 14 giorni
BEDANO
14 ore
Decide Google Maps, niente aiuti per il ragazzo
Sconti sull'abbonamento del bus per chi tra casa e scuola impiega più di 20 minuti a piedi. Beffa per alcuni.
CANTONE
15 ore
Sofferenza (e licenziamenti) dietro il sipario
Il lockdown culturale sembra senza fine. Le eccellenze artistiche in Ticino sono in affanno
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile