Tipress
CANTONE
09.01.20 - 09:210
Aggiornamento : 09:48

«I salari calano dal 2008 e il Governo non dà spiegazioni»

Il Gruppo Mps-Pop-Indipendenti sollecita l’analisi sulla situazione delle retribuzioni promessa oltre un anno fa dal Consiglio di Stato

di Redazione
SPI

BELLINZONA - «Anche il 2019 si è chiuso senza sapere cosa ha causato il calo dei salari in diversi rami economici dal 2008 in Ticino». A sollevare la questione è un’interrogazione del Gruppo Mps-Pop-Indipendenti che parla di «fenomeno unico in Svizzera». Una particolarità che affligge in particolare alcuni settori dove «le retribuzioni sono del 30%, 40% e quasi il 50% inferiori ai salari medi nazionali». 

Secondo i deputati Arigoni, Lepori e Pronzini, le ragioni potrebbero essere molteplici:  «Dall’aumento dei posti di lavoro a basse qualifiche, all’assunzione di personale più giovane e con remunerazioni inferiori, al dumping e allo sfruttamento della manodopera, ma palesemente al Consiglio di Stato non interessa fare chiarezza». L’interrogazione si riferisce in particolare ad un rapporto del Consiglio di Stato sulla mozione del 28 maggio 2018 presentata da Matteo Pronzini “Salari in calo in Ticino e differenza con le retribuzioni a livello nazionale: necessario uno studio subito”, in cui il Governo prometteva “un’analisi descrittiva della situazione del nostro Cantone dettagliata a livello di distribuzione dei salari e di struttura, secondo varie caratteristiche” sulla base della Rilevazione della struttura dei salari 2016. «A oltre un anno di distanza - scrivono i tre granconsiglieri - naturalmente dell’analisi nemmeno l’ombra. Da quattro anni si chiede al governo uno studio che possa rispondere a una domanda di fondamentale importanza anche per le scelte di sviluppo economico del cantone».

Oltre a lamentare l’assenza di un’analisi sulle cause del calo, i tre deputati chiedono anche quali studi sul tema realizzati da diverse istituzioni (tra cui l’Osservatorio del mercato del lavoro) sono stati resi pubblici: «Non serve continuare a vantare il numero di CNL adottati in Ticino o l’inasprimento delle misure di accompagnamento perché è evidente che questi provvedimenti non hanno evitato il calo dei salari. Non serve neppure ripetere come un disco rotto che “il tema dell’evoluzione dei salari figura tra le priorità del Consiglio di Stato”».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
6 ore
Un primo agosto... col fischio
La provocazione del gruppo "Taspettofuori": una gara di fischi durante l'allocuzione di Karin Valenzano Rossi.
CANTONE
9 ore
Radar un po' in vacanza, un po' nel Luganese
L'elenco dei rilevamenti della velocità previsti dal 2 all'8 agosto
MENDRISIO
10 ore
Ferrovia Monte Generoso, esercizio sospeso
La causa sono i recenti forti temporali e l’allerta Meteo di livello 3 prevista per il fine settimana.
LUGANO
14 ore
La Città opta per i 30 all’ora nelle vie del centro
Uno studio di ingegneria esterno analizzerà la fattibilità della proposta
CANTONE
16 ore
Coronavirus: in Ticino 29 nuovi casi e 10 ricoverati in tutto
I pazienti Covid che necessitano di cure intensive scendono a 3.
FOTO
GIORNICO
19 ore
Auto contro il guard rail, incidente sull'A2
Nella notte il conducente di un veicolo con targhe tedesche ha perso la padronanza del suo mezzo.
CANTONE / SVIZZERA
19 ore
«È troppo presto per dire chi ha fatto meglio»
In Svizzera la seconda ondata è stata cinque volte più pesante della prima. In Ticino il rapporto è più bilanciato.
LUGANO
1 gior
Demolizione dell'ex Macello? Se ne parlava già a marzo
Nell'inchiesta sui fatti avvenuti a fine maggio spuntano alcune mail in cui si ipotizzava l'intervento
CANTONE
1 gior
«Sabato pomeriggio potrebbero essere violenti»
Avviso di maltempo per il weekend, preoccupa la situazione idrologica e sono in arrivo altri temporali.
FOTO
TENERO
1 gior
Sbaglia manovra e termina contro un muro, ferita una donna
L'incidente si è verificato nel posteggio di un supermercato.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile