Tipress
CANTONE
09.01.20 - 09:210
Aggiornamento : 09:48

«I salari calano dal 2008 e il Governo non dà spiegazioni»

Il Gruppo Mps-Pop-Indipendenti sollecita l’analisi sulla situazione delle retribuzioni promessa oltre un anno fa dal Consiglio di Stato

di Redazione
SPI

BELLINZONA - «Anche il 2019 si è chiuso senza sapere cosa ha causato il calo dei salari in diversi rami economici dal 2008 in Ticino». A sollevare la questione è un’interrogazione del Gruppo Mps-Pop-Indipendenti che parla di «fenomeno unico in Svizzera». Una particolarità che affligge in particolare alcuni settori dove «le retribuzioni sono del 30%, 40% e quasi il 50% inferiori ai salari medi nazionali». 

Secondo i deputati Arigoni, Lepori e Pronzini, le ragioni potrebbero essere molteplici:  «Dall’aumento dei posti di lavoro a basse qualifiche, all’assunzione di personale più giovane e con remunerazioni inferiori, al dumping e allo sfruttamento della manodopera, ma palesemente al Consiglio di Stato non interessa fare chiarezza». L’interrogazione si riferisce in particolare ad un rapporto del Consiglio di Stato sulla mozione del 28 maggio 2018 presentata da Matteo Pronzini “Salari in calo in Ticino e differenza con le retribuzioni a livello nazionale: necessario uno studio subito”, in cui il Governo prometteva “un’analisi descrittiva della situazione del nostro Cantone dettagliata a livello di distribuzione dei salari e di struttura, secondo varie caratteristiche” sulla base della Rilevazione della struttura dei salari 2016. «A oltre un anno di distanza - scrivono i tre granconsiglieri - naturalmente dell’analisi nemmeno l’ombra. Da quattro anni si chiede al governo uno studio che possa rispondere a una domanda di fondamentale importanza anche per le scelte di sviluppo economico del cantone».

Oltre a lamentare l’assenza di un’analisi sulle cause del calo, i tre deputati chiedono anche quali studi sul tema realizzati da diverse istituzioni (tra cui l’Osservatorio del mercato del lavoro) sono stati resi pubblici: «Non serve continuare a vantare il numero di CNL adottati in Ticino o l’inasprimento delle misure di accompagnamento perché è evidente che questi provvedimenti non hanno evitato il calo dei salari. Non serve neppure ripetere come un disco rotto che “il tema dell’evoluzione dei salari figura tra le priorità del Consiglio di Stato”».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
4 ore
In Ticino 137 nuovi casi
I dati aggiornati dall'Ufficio del medico cantonale. Nessun decesso nelle ultime 24 ore
LUGANO
6 ore
«Senza mascherina, niente scuola per mio figlio»
Covid alle medie. Silvana Pagani è una mamma di Barbengo che si fa portavoce di un appello al DECS.
CANTONE 
7 ore
Meno parti prematuri nella bolla del lockdown
Le risposte della dottoressa Petra Donati-Genet ai molti dubbi che assillano le mamme
CUGNASCO
7 ore
Infarto in casa, salvato da due idraulici-eroi
È successo a Cugnasco. Un 73enne soccorso dalla Rega, ma provvidenziale l'intervento di due "eroi per caso"
BELLINZONA
7 ore
In Ticino si studia la cura per il Covid
Novanta pazienti avranno la possibilità di assumere un farmaco ormonale che viene usato contro il tumore alla prostata.
BLENIO
16 ore
Agricoltore perde la vita dopo una caduta
L'uomo è deceduto sul posto a causa delle gravi ferite riportate
CASTEL SAN PIETRO
18 ore
Tre contagi in una casa per anziani
L’Ufficio del medico cantonale è in contatto con la direzione per seguire l’evoluzione della situazione
MINUSIO
18 ore
Quarantena per una classe delle medie di Minusio
Per gli altri studenti dell'istituto l'attività prosegue normalmente
FOTO E VIDEO
QUARTINO
18 ore
Centauro a terra, disagi tra Contone e Quartino
Il motociclista ha riportato ferite di media gravità.
CANTONE
19 ore
Gli ospedali chiedono l'aiuto della Protezione Civile
Dei militi sono già operativi presso la clinica Moncucco, il San Giovanni di Bellinzona e La Carità di Locarno.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile