TiPress - foto d'archivio
LOCARNO
26.12.19 - 16:140
Aggiornamento : 16:34

Il Cantone non può “spegnere” le luci della pista

La posizione espressa da un servizio del Consiglio di Stato può servire a rendere attenta l’Autorità federale sulle implicazioni, ma la decisione spetta a Berna

LOCARNO - La posizione del Consiglio di Stato non ostacola la sostituzione delle luci della pista principale dell’aeroporto di Locarno. A precisarlo (dopo la risposta del Governo) è l’associazione locarnese e bellinzonese per l’aeroporto cantonale (Alba), auspicando che l’Autorità federale confermi la linea di sviluppo dell’aeroporto sopracenerino.

A inizio estate era stato annunciato che la procedura federale di approvazione del progetto di sostituzione delle vecchie luci della pista principale avrebbe ricevuto preavviso negativo dal Cantone. Per questo in settembre Fabio Käppeli aveva inoltrato un’interrogazione al Governo.

Il servizio tecnico, chiamato a formulare delle osservazioni, ha posto grande attenzione per gli aspetti naturalistici. Pareri opposti sono invece stati espressi dal Municipio di Locarno e dalle due direzioni civili e militari dell’aeroporto.

Il Consiglio di Stato ha precisato che la competenza decisionale per autorizzare la sostituzione delle luci della pista principale è esclusivamente dell’Autorità federale, a cui compete la ponderazione finale dei vari elementi. Il preavviso negativo di un suo servizio, quindi, serve unicamente a «rendere attenta l’Autorità federale sulla necessità di salvaguardare l’avifauna migratrice delle Bolle».

La competenza decisionale, pertanto, rimane solo ed esclusivamente federale. E l’associazione Alba si augura che la decisione di Berna sia conseguente alla linea seguita sino ad ora dal Consiglio federale che «ha definito a più riprese la valenza nazionale dell’aeroporto di Locarno, specie per la formazione di piloti civili e militari».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Bayron 1 anno fa su tio
Gente!!! Firmate i referendum che ci pensa il popolo a farlo chiudere!
ugobos 1 anno fa su tio
@Bayron sembra che alla gente piaccia l aeroporto di lugano viste le idee strane che hanno trovato i verdi per tirar su firme
Equalizer 1 anno fa su tio
A quando il partito "Scpacaginöcc" in Ticino ce n'è una quantità di 'ste persone per le quali l'unico interesse nella vita è ostacolare il prossimo. Possono riunirsi sotto un'unica bandiera, così sappiamo che faccia hanno, e alle prossime votazioni vediamo di scartarle di netto.
ugobos 1 anno fa su tio
@Equalizer esatto quelli andrebbero licenziati immediatamente. ho avuto a che fare con quei fenomeni ma fanno proprio schifo. e che paghe che prendono per rompere le palle. quindi meglio darli a chi lavora all aeroporto di lugano. ma magadino ok ma ce troppa poca gente. al massimo potrebbero pensare a un locarno malpensa per chi vuole decollare da li. io preferisco zurigo
streciadalbüter 1 anno fa su tio
L`aeroporto di Magadino è il vero aeroporto ticinese.Allungando la pista possono atterrare anche i Jumbo.
dino 1 anno fa su tio
@streciadalbüter Esatto , non Agno ma magadino deve essere l’aeroporto del cantone!
dino 1 anno fa su tio
@streciadalbüter Aggiungo inoltre che magadino non sarebbe l’unico aeroporto al mondo a convivere in armonia con la natura e a tutelare la fauna locale. Il solito discorso di leggi e leggine ticinesi!
centauro 1 anno fa su tio
@streciadalbüter Sono del tutto d'accordo pure io vista la sua centralità anche se poi ci saranno quelli che reclameranno per la scomodità di raggiungere il luganese. Però i Jumbo lasciamoli operare su Malpensa e simili che in Ticino non ce n'è bisogno.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
40 min
C'è troppo smog: velocità ridotta in tutto il Sottoceneri
Gli 80 km/h entreranno in vigore alle 13.30 e riguarderanno l'A2 fra Rivera e Chiasso e l'A394 fra Mendrisio e Stabio.
BELLINZONA
1 ora
Violenta rissa a Giubiasco, fermati sei giovani
Un 21enne è stato ferito in modo grave alla testa con un oggetto contundente. Ferite più leggere per altre tre persone.
CANTONE
1 ora
Covid: 52 positivi, ma nessuna vittima
Nelle ultime ventiquattro ore sono state ricoverate 5 persone. Quattro, invece, sono state dimesse
CANTONE
2 ore
«Lo sballo da farmaci ha ucciso mio figlio»
Dal dramma, lo slancio per aiutare gli altri: «Tante vite possono essere salvate»
CANTONE
3 ore
I 366 giorni di coronavirus del dottor Christian Garzoni
Il direttore sanitario della Clinica Luganese di Moncucco ricorda il 25 febbraio di un anno fa e il primo paziente Covid
CANTONE
5 ore
I media di fronte alla novità del coronavirus
L'esperto: «È stato fatto un buon lavoro, senza allarmismo ma nemmeno banalizzazione»
FOTO
CANTONE
5 ore
Un anno di pandemia
Il 25 febbraio 2020 venne segnalato il primo caso di coronavirus in Ticino (e in Svizzera).
CANTONE
14 ore
In Ticino è come se fosse morto un piccolo paese
Il Covid ha creato un "buco" nelle statistiche demografiche: 857 decessi in più in un anno.
CANTONE
16 ore
«Aprire le terrazze? Creerebbe tensioni»
Massimo Suter deluso dalla decisione del Consiglio Federale. E anche dalla prospettiva di una riapertura "a metà"
CANTONE
18 ore
«Non vogliamo una Pasqua come quella del 2020»
Norman Gobbi, presidente del Consiglio di Stato ticinese, ospite di Piazza Ticino. Guarda il video.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile