Immobili
Veicoli
lettore tio.ch/20minuti
CAMPIONE D'ITALIA
20.12.19 - 15:410

Dogana di Campione, c'è l'accordo fra Svizzera e Italia

L'intesa conferma l'introduzione nell'enclave di un’imposta locale sul consumo allineata all'IVA svizzera e pone le basi per appianare la situazione debitoria del Comune

BERNA - Il Consiglio federale ha approvato oggi lo Scambio di note tra la Svizzera e l’Italia relativo al cambio di statuto doganale di Campione d’Italia. Questo Scambio di note è necessario ai fini della sicurezza giuridica per facilitare il passaggio di Campione nel territorio doganale europeo, previsto per il 1° gennaio.

L’intesa è il compimento di un percorso avviato dal capo del Dipartimento federale degli affari esteri Ignazio Cassis nel gennaio 2019 con la consegna di un Promemoria all’allora Ministro italiano degli Affari esteri, Enzo Moavero Milanesi. In questo documento si ribadiva l’interesse di entrambi i Paesi ad affrontare in modo congiunto le conseguenze del cambiamento di statuto doganale del Comune di Campione d’Italia.

Imposta sul valore aggiunto - Lo Scambio di note conferma l’introduzione a Campione d’Italia di un’imposta locale sul consumo allineata all’imposta sul valore aggiunto (IVA) svizzera, evitando quindi potenziali distorsioni di concorrenza nella zona di frontiera interessata.

Debiti - L’intesa stipula inoltre le condizioni per appianare la situazione debitoria creatasi nei riguardi dei creditori svizzeri dell’enclave italiana. Diventato insolvente nel 2018, il comune italiano ha accumulato sino al 30 novembre 2019 debiti per circa 5 milioni di franchi. Una volta che verranno ripagati i debiti, il Consiglio di Stato ticinese verserà il saldo della compensazione finanziaria dovuta all'Italia in applicazione all'Accordo del 1974 sull'imposizione dei lavoratori frontalieri per l'anno 2018. Si tratta di 4 milioni di franchi trattenuti dal governo di Bellinzona dai ristorni dei frontalieri.

Servizi - Lo Scambio di note pone pure le basi affinché i due Stati si adoperino per mantenere, «dove possibile e richiesto da parte italiana», l’erogazione di determinati servizi fondamentali da parte di imprese ed enti svizzeri. Si tratta della raccolta e dello smaltimento sul territorio ticinese dei rifiuti, del trattamento delle acque reflue, delle telecomunicazioni, nonché della validità temporanea della licenza di condurre svizzera rilasciata per i residenti di Campione.

Dogana - Infine l’intesa suggella l’impegno dei due Paesi a concludere nel più breve tempo possibile l’accordo relativo all’istituzione di un ufficio a controlli nazionali abbinati per il valico di Bissone/Campione d’Italia. Tale accordo dovrà agevolare «l'adempimento delle pratiche doganali a beneficio degli operatori economici e dei cittadini».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
59 min
Svizzero tedeschi pazzi per il Ticino: il video
Il Ponte dell'Ascensione attira migliaia di persone da oltre Gottardo. Siamo andati a curiosare in un campeggio.
CANTONE
2 ore
Il Luganese nel mirino dei radar
Ecco dove verranno piazzati i controlli settimana prossima
FOTO
LUGANO
2 ore
Si porta a casa la bicicletta per un franco
L'asta pubblica in Piazza della Riforma a Lugano ha permesso di raccogliere 7'777 franchi
LUMINO
4 ore
Il carnevale estivo ci sarà
Confermato l'evento tanto discusso, che avrà luogo da venerdì 24 a domenica 26 giugno.
MENDRISIO
5 ore
La Soleggiata “sconfina” nel Luganese
Il progetto torna per la terza edizione, che avrà luogo anche al Parco Guidino di Paradiso
LOCARNO
8 ore
Ecco il progetto per il restauro del Pretorio di Locarno
Il Cantone ha scelto la proposta del gruppo interdisciplinare rappresentato dallo studio Bardelli Architetti associati
FOTO
LOCARNO
10 ore
«Avevamo il mondo davanti e pensavamo di poterlo cambiare»
Il 24 aprile del 1971 nasceva il primo evento autogestito in Ticino: il «Cantiere della Gioventù» a Locarno.
CANTONE
10 ore
Il PC-7 Team si allena nei cieli luganesi
Voli acrobatici sopra l'aerodromo di Agno il 1. e il 2 giugno prossimi
LUGANO
13 ore
Due foreign fighters ticinesi, pentiti ma non troppo
Negli ultimi tre anni due ticinesi sono stati condannati per avere combattuto all'estero. Li abbiamo intervistati
CANTONE
20 ore
«Ma quindi casa tua è in affitto?», c'è una nuova truffa su WhatsApp
Che segue una analoga di poco meno di un anno fa. E il consiglio del Centro di cibersicurezza di Berna vale ancora
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile