Tipress
BIASCA
22.11.19 - 19:000

Allarme su Fb: «Rapitori di bimbi in paese». La scuola: «È un fake»

Un post su Facebook mette in ansia i genitori. All’origine ci sarebbe un fatto reale, un automobilista che ha avvicinato una bimba chiedendole il nome e poi è ripartito

BIASCA - Un messaggio apparso ieri sera su Facebook ha fatto scorrere brividi di inquietudine tra i genitori del comune della Riviera: «Le maestre - affermava il post - hanno informato i bambini che a Biasca girano 2-3 auto che cercano di rapire i bambini, attenzione a non lasciarli soli». 

Allarmato per gli effetti della segnalazione anche l’istituto scolastico ha subito reagito con una lettera inviata oggi ai genitori degli allievi di scuola elementare. Una lettera con cui il direttore, Raffaele De Nando, spiega che «il messaggio divulgato non è veritiero». E allora come si è giunti al post inquietante sui social? Se lo è chiesto la scuola, che ha pure trovato una spiegazione del falso, scaturito da un fatto reale, «confermato dalla polizia» che «riguarda una nostra allieva che mercoledì pomeriggio (giorno di pausa scolastica) sembrerebbe essere stata avvicinata da un automobilista che le ha chiesto il suo nome. La bambina non ha risposto alla domanda dell’autista ma, a sua volta, gli ha chiesto il suo nome e a quel punto l'uomo è ripartito. La mamma di questa bambina ha informato la polizia che sta monitorando la situazione».

Il direttore dell’istituto scolastico non nega «la legittima preoccupazione» per quanto accaduto, ma invita i genitori a utilizzare i social media «con coscienza di causa» e «soprattutto a verificare sempre la veridicità del contenuto che viene trasmesso: questo per evitare la divulgazione di false notizie (fake news) o di informazioni parzialmente vere». L’invito in casi simili è sempre quello di chiamare la direzione scolastica. Quanto al presunto molestatore al volante, il tema verrà trattato in classe. «I docenti forniranno indicazioni utili sul modo di comportarsi».

La lettera
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
7 ore
A colloquio con due massoni, e le loro rivelazioni
Ne abbiamo incontrati due. Hanno rivelato ciò che accade nei gruppi massonici e chi sono. Qualcosa di inquietante è emerso
FOTO / VIDEO
LUGANO
9 ore
Il venerdì sera deserto della Foce
Prima serata di chiusura per lo sbocco del Cassarate. La zona sarà off-limits dopo le 20 anche domani e domenica
PORZA
10 ore
Qualche goccia di pioggia, un po' di sole... e spunta l'arcobaleno
La breve parentesi di temporale ha regalato uno spettacolo di colori in cielo
CANTONE
13 ore
Radar sull'attenti in quattro distretti
L'elenco dei rilevamenti della velocità previsti per la prossima settimana
SONDAGGIO
CANTONE
13 ore
«Rilanciamo il turismo con un hovercraft tra Locarno e Bellinzona»
Una mozione UDC invita il Ticino a risollevare il settore con idee innovative
LUGANO
15 ore
Un giro di boa per la traversata ai tempi del coronavirus
La nuotata popolare avrà luogo il prossimo 23 agosto e la partecipazione è limitata ai residenti in Svizzera
CANTONE
16 ore
Poliziotti sotto tiro, il sindacato reagisce
Il sindacato Ocst funzionari di polizia segnala l'aumento di attacchi, fisici e verbali, contro le forze dell'ordine
GORDOLA
17 ore
Chi ha aiutato Aurèle sulla via dei Monti Motti?
La polizia è in cerca dell'uomo che aveva aiutato Aurèle a ritrovare la via. Si è smarrito di nuovo.
CANTONE
18 ore
Furbetti dei crediti Covid: denunciati in 10
In Ticino la Procura indaga su una serie di presunti abusi sui prestiti garantiti dalla Confederazione
LUGANO
18 ore
Spaccio di coca, quattro arresti
In manette anche un 75enne. Sequestrati alcune decine di grammi
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile