Archivio Depositphotos/Tipress
+2
CANTONE
22.11.19 - 07:570
Aggiornamento : 11:32

«Col treno si riesce a prendere il 90% dei voli su Malpensa»

Dal 1. gennaio 2020 tra il Ticino e lo scalo milanese i bus non potranno più circolare. E sul collegamento ferroviario sarà aggiunta una corsa serale la domenica

LUGANO - «Il desiderio più grande di un viaggiatore che arriva a Malpensa dopo quattro ore di volo è trovare un mezzo per tornare a casa. Scoprire che dopo un certo orario non esiste nessun collegamento ferroviario per Lugano, fa crollare anche le ultime forze».

È la situazione che hanno vissuto due viaggiatori ticinesi arrivati domenica 17 novembre alle 23.15 a Malpensa, di rientro da una vacanza in Spagna. «Fortunatamente a mezzanotte c’era un bus della Giosy Tour che ci ha portati a Lugano. Mi chiedo come avremmo fatto se non ci fosse stato questo servizio, e visto che da gennaio i bus non ci saranno più per chi dovesse arrivare a Malpensa in tarda serata sarà un bel problema».

Verso lo stop dei bus - La vicenda porta di nuovo sotto i riflettori l’annosa questione dei collegamenti con lo scalo milanese. Come noto, a partire dal 1. gennaio 2020 nessuna delle quattro attuali imprese di trasporto su gomma (due elvetiche e due italiane) avrà più la concessione federale per effettuare viaggi tra il Ticino e Malpensa. A partire da allora, all’aeroporto si arriverà quindi soltanto in treno e in auto.

Il primo e l'ultimo treno - Il collegamento ferroviario diretto con partenza da Bellinzona, attivo dallo scorso 9 giugno, permette di raggiungere il Terminal 1 di Malpensa al più presto alle 6.41 (per il Terminal 2 si parla invece delle 6.47). L’arrivo si può anticipare di un’ora prendendo un treno con cambio a Mendrisio. Mentre per il rientro in Ticino, l’ultimo convoglio parte dall’aeroporto alle 23.13 (Terminal 2) o alle 23.19 (Terminal 1). Soltanto la domenica è invece anticipato alle 22.13. Con i bus attualmente si riesce ad arrivare all’aeroporto già alle 5 del mattino e a rientrare al più tardi a mezzanotte.

Circa cinquanta voli off-limits - Di fatto chi sceglie il treno non ha la possibilità di prendere circa una trentina di voli del mattino (considerando l’arrivo allo scalo circa due ore prima del decollo) e deve escludere una ventina di voli per il rientro. Si tratta di una cinquantina di voli degli oltre cinquecento che quotidianamente servono l’aeroporto milanese.

In treno su tutti i voli intercontinentali - «L’orario implementato permette di coprire il 90% dei voli totali su Malpensa e il 100% di quelli intercontinentali» ci spiega Patrick Walser, portavoce delle FFS. Per ora non è previsto un vero e proprio aumento delle corse. A partire dal prossimo cambio orario del 15 dicembre 2019, comunque, il collegamento con partenza alle 23.13 dallo scalo sarà introdotto anche la domenica. «L’orario - sottolinea il portavoce - viene stabilito dai committenti Cantone Ticino e Regione Lombardia (coloro che sovvenzionano il servizio), coordinandosi con Trenord e FFS».

Questione di concorrenza - I collegamenti bus, come detto, saranno interrotti dopo il 31 dicembre 2019. Si tratta di una decisione dell’Ufficio federale dei trasporti per permettere, è stato spiegato in più occasioni da Berna, il consolidamento dell’offerta ferroviaria. Dopo tre anni, la Confederazione potrebbe poi valutare il rilascio di nuove concessioni per i bus. Ma, come prevede l’Ordinanza federale sui trasporti, dovrà essere appurato che il trasporto su gomma non pregiudichi «l’esistenza, sui tratti interessati, di un’offerta di trasporto comparabile coperta da uno o più contratti di pubblico servizio (in questo caso la ferrovia, ndr)».

La petizione online - In vista dell’imminente scadenza delle concessioni, di recente si sono anche mobilizzati i cittadini. È infatti stata lanciata una petizione online che chiede il mantenimento dei bus (sono già oltre quattromila le sottoscrizioni). Il promotore parla di un servizio ferroviario limitato e non sempre affidabile. E sottolinea, inoltre, che «togliendo il bus Ticino-Malpensa vi sarà un aumento di auto dirette all’aeroporto».

La posizione della politica -Sulla questione si è mossa a più riprese anche la politica ticinese, sia a Berna che a Bellinzona. In una recente interpellanza indirizzata al Governo federale (proprio ieri è arrivata la risposta), il consigliere nazionale leghista Lorenzo Quadri definiva il collegamento ferroviario con Malpensa come «un chiaro passo indietro». E sosteneva che «non è corretto né opportuno privare di proposito i viaggiatori sia dal Ticino che per il Ticino di un servizio per sostituirlo con un disservizio, e impedire alle aziende private di lavorare».

Archivio Tipress
Guarda tutte le 6 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
mombelli 1 anno fa su tio
La confederazione vuole salvare il treno o ammazzare Lugano Airport ???
Nicklugano 1 anno fa su tio
Sono 20 anni che ci vado in macchina… finora ho preso il 100% dei voli :-)))
Bayron 1 anno fa su tio
Boicottare il treno!
dudo 1 anno fa su tio
Da 10 mi reco una se non due volte all'anno negli states. Prendo sempre lo stesso volo diretto da Malpensa . Arrivo comodamente con la mia auto, posteggio comodamente vicino al T1, vado comodamente a pranzo e al ritorno atterro circa a mezzogiorno, per cui trovo li comodamente la macchina che mi aspetta e vado ancora comodamente a mangiare una bella pizza prima di rientrare a casa.
Nmemo 1 anno fa su tio
Per prendere un volo in partenza tra le 6 e le 7 del mattino con il treno si deve anche pernottare. Idem per un rientro alle 23 di sera. Si pratica ora la politica della carota (il collegamento ferroviario) e il bastone (adesso si usi il servizio pubblico). Fortunatamente c'e l'auto privata che ci salva.
GI 1 anno fa su tio
ma quando hanno deciso di partire, non hanno pensato al rientro ???
Geni86 1 anno fa su tio
Fermiamoci tutti un attimo! È mai possibile che nessuno veda dove sta il problema? Bisogna fare un passo indietro, tutti! Ognuno prima di fare un qualsiasi spostamento dovrebbe chiedersi: ne ho DAVVERO bisogno? Sta qui il problema! Ho davvero bisogno di prendere uno di quei voli non serviti dal treno? O potrei andare direttamente in treno a destinazione (Bellinzona-monaco 6h19m). E poi le vacanze... relax ragazzi! Se si prendono con frenesia ancora prima di esserci allora che vacanze sono? Il primo e l'ultimo giorno di vacanza sono viaggio; basta: programmare con calma e con ampie riserve. Serve tornare a un po' di lentezza in generale in questa società. Chi parla di monopolio: ricordate che le ferrovie le paghiamo comunque tutti (ah no forse parecchi che hanno lo smartphone per scrivere commenti su tio non sono contribuenti) anche con le tasse, non solo coi biglietti. Cari saluti e CALMA!!!!
tip75 1 anno fa su tio
non c'è posto per i bagagli, e non c'è nessuna affidabilità, per non parlare del tempo di percorrenza....ridicoli
jena 1 anno fa su tio
per i frontalieri si fanno corsie preferenziali, bus speciali, battelli, posteggi e altro ... per la comodità dei ticinesi mai nulla..., fantastica poi la storia dell'imposizione della scelta in un mercato libero...
Pu 1 anno fa su tio
@jena Sono anni che boicotto Malpensa come aeroporto. Mi spostavo in treno per raggiungere quelli oltre gottardo, da oggi non utilizzeró nemmeno più i servizi ffs
ctu67 1 anno fa su tio
grande ffs ...viva il cartello dei trasporti !!!!
negang 1 anno fa su tio
Bella cavolata ! Direi una pazzia. Il bus e' comodissimo e ti porta sia al Terminal 1 che al Terminal 2 ! Sono più' frequenti e ci mettono 1 ora soltanto e non ti devi portare tu il bagaglio. Voglio vedere una intera famiglia che deve portarsi le valige su e giù' dal treno. Poi per tante corse c'è' il cambio a Varese senza contare il costo del treno. Mah ,, le solite scelte scellerate ed imposte dall'alto senza logica. Fate funzionare bene il treno e vedrete che la gente lo prenderà' . Rimane comunque il fatto che arrivano solo al Terminal 1. Ritorneranno utili i parcheggi di Malpensa, D'ora in avanti AUTO !!! Anche per i costi, basta essere già' solo in 2 che conviene l'auto.
Geni86 1 anno fa su tio
@negang Ma l'hai letto l'articolo e, soprattutto, la testimonianza di Luca qui sotto? Il treno arriva anche sotto il Terminal 2. Buona giornata a tutti
negang 1 anno fa su tio
@Geni86 SI ho letto. Ma non ho mai visto l'entrata. Guarderò' meglio. In ogni caso nessuno ha parlato dei costi dei biglietti e del fatto che ti scarrozzi le valigie su e giù' dalle scale ed anche dei possibili e frequenti scioperi lato Italiano.
negang 1 anno fa su tio
@negang Provate inoltra ad inserire una data sul sito SBB. E comprare o solo visualizzare il costo del biglietto, sola andata. Non funziona, non ti fa vedere il prezzo e non puoi acquistare. Il viaggio dura 1h e 42 contro la sola ora in bus. Inoltre c'è' solo 1 treno ogni ora. Non abbastanza. Una bella fregatura. A Malpensa si andrà' in auto . Finish .
francox 1 anno fa su tio
La ferrovia non vuole la concorrenza. Neanche io la vorrei ma non me la tolgono, anzi. La qualità del viaggio in treno oramai spesso è deleteria. L'aereo non è sempre in orario. Sono già tornato in taxi da Malpensa, l'alternativa era di dormire a Milano dopo un rientro ritardato e perdere un giorno di lavoro. Non ci ricascherò più, da quella volta vado in bus. Tolgono il bus, vado in macchina.
tip75 1 anno fa su tio
bla bla bla
KilBill65 1 anno fa su tio
Voglio far ricordare che e' l'utenza che decide o sceglie….Non deve avere scelte obbligate!!!.....Quindi l'opzione dei bus poteva restare come alternativa al treno, non vedo il motivo di toglierla…..E' stata una manovra da Berna troppo eccessiva secondo me, doveva restare e basta.
F.Netri 1 anno fa su tio
L'art. 27 della Costituzione Federale recita: "La libertà economica è garantita. Essa include in particolare la libera scelta della professione, il libero accesso a un’attività economica privata e il suo libero esercizio". A prescindere da tutti i disagi che una decisione del genere può provocare, la violazione di un articolo costituzionale rappresenta la cosa più grave e inaudita. Fossi il proprietario della società costretta a chiudere, avvierei una causa colossale contro la Confederazione. Ci starebbe addirittura una "Class action".
miba 1 anno fa su tio
Ormai la storia l'hanno capita tutti i Ticinesi. Ma vergognatevi!
klich69 1 anno fa su tio
@miba Già provato ed è una catastrofe gestito male è un calvario sei stanco già prima di intraprendere il viaggio. Anche la pulizia sui treni fa desiderare vista la differenza di rispetto tra italia e Svizzera. Meglio partire da Zurigo anche se non viaggi con Swiss.
KilBill65 1 anno fa su tio
@miba Non vogliono capirla che la scelta del bus era la cosa migliore!!...
vulpus 1 anno fa su tio
È evidente il disservizio di questa imposizione. Quello che rimane incomprensibile però è se questi servizi con bus sono finanziati dalle FFS oppure no. Chiaro che se fosse così , la rinuncia ci può anche stre. Ma una azienda che propone un trasporto dal Ticino alla Malpensa , perchè non ci può stare? Probabilmente verranno incrementati i trasporti al contrario. Già ora ci sono bus che arrivano dall'Italia e portano i passeggeri verso Malpensa. Si9 vedono spesso fermi sul piazzale di Besso a Lugano.
TOP NEWS Ticino
Novazzano
4 ore
Dopo la rapina, l'interrogazione: «Chiudere i valichi secondari di sera»
Lo scorso giovedì è stata effettuato un furto a mano armata in un distributore di benzina
CANTONE
6 ore
Nuova Legge sulla ristorazione: più la mandi giù, più torna Su...ter
In dirittura la nuova Lear che rivoluziona l'accesso alla gerenza: «Servono meno corsi e più solidità finanziaria»
CANTONE
17 ore
Certificato Covid elettronico di nuovo funzionante
«Certificato con firma non valida», è ciò che era apparso a molti, forse a tutti, i detentori del Covid-Pass digitale.
LUGANO
18 ore
Sanitari non vaccinati licenziati alla Moncucco, rifiutavano i test
«Chi non si sottopone al vaccino e nemmeno ai test non può lavorare in Clinica», così il direttore Christian Camponovo.
CANTONE
20 ore
Si aprono oggi le porte dello Swiss Virtual Expo
Sono già diversi gli eventi in programma nelle prossime settimane
CANTONE
21 ore
I prossimi radar? Ecco dove saranno
La prossima settimana i controlli mobili risparmieranno solo la Vallemaggia.
VERZASCA
22 ore
Verzasca: si cercano idee per lo stemma comunale
Il Municipio ha deciso di pubblicare un bando di concorso aperto a tutti i ticinesi.
CANTONE
23 ore
La libertà può essere a un tiro di "sputo"
L'iniziativa parlamentare urgente dell'UDC spiegata da Massimo Suter e Paolo Pamini
BELLINZONA
1 gior
Brenno Martignoni Polti prende in mano l'UDC di Bellinzona
L'ex sindaco della Capitale succede al dimissionario Simone Orlandi, travolto dallo scandalo delle targhe.
CANTONE
1 gior
Altri 22 contagi e nessun decesso in Ticino
Salgono a nove i pazienti ricoverati in ospedale. Uno si trova nel reparto di cure intense.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile