Deposit
CANTONE
20.11.19 - 20:060

La legge "Fogazzaro" si è arenata. Bertoli: «Il Parlamento decida»

Da febbraio la modifica della legge scolastica è in Commissione, dove si sta tentando l'operazione di unire due rapporti antitetici. Il direttore del Decs: «È un'operazione impossibile»

BELLINZONA - «Abbiamo bisogno che il Parlamento decida in fretta. Perché i mesi passano e si avvicina la preparazione del prossimo anno scolastico». Più che un invito, è una sollecitazione quella che arriva dal direttore del Decs Manuele Bertoli.

La politica scolastica sembra tornata, infatti, ad essere terreno di scontro politico. Ma stavolta assomiglia ad una guerra di trincea. Di logoramento. Da febbraio infatti il messaggio per la modifica della Legge della scuola è all’esame della Commissione Formazione e cultura. Modifica parziale, visto che si tratta di una serie di articoli pensati per far chiarezza sulle autorizzazioni agli istituti privati ticinesi. Tutto nasce dal "caso Fogazzaro” e dalla necessità di porre paletti alle scuole che fanno svolgere gli esami di maturità in Italia. Ma non solo.

Quando infine i due rapporti sul messaggio governativo parevano pronti, ecco la novità. «Abbiamo due rapporti che però potrebbero diventare uno solo» è il commento interlocutorio di Maristella Polli, presidente di una Commissione che vuole tentare di unire “diavolo e acqua santa”: il rapporto firmato da Raoul Ghisletta (Ps), da un lato, sostanzialmente favorevole ai cambiamenti e quello di Sergio Morisoli (Udc), lui prevedibilmente molto più critico sui controlli accresciuti nei confronti dei privati. La “creatura” è stata sottoposta per un parere al giurista del Gran Consiglio.

I tempi però si allungano e Manuele Bertoli punta il dito contro questo tergiversare.  Quanto al parere giuridico chiesto dalla Commissione, il direttore del Decs parla apertamente di «operazione impossibile»: «La nostra disamina giuridica, visto che ci è stato chiesto un parere, mostra che non è possibile stabilire un regime autorizzativo per le scuole senza fissare una base legale che dica quali sono i requisiti. Una base è indispensabile al Cantone per concedere o non concedere le autorizzazioni». Il rischio, se si vuole trasporre in immagine la critica di Bertoli, è che mentre la tela viene montata di giorno e smontata di notte, a Itaca gozzovigliano i Proci.

Il fatto che poi la legge possa essere aggirata aprendo delle scuole a pochi metri dal confine, come ha fatto nei mesi scorsi il Fogazzaro a Lavena Ponte Tresa, secondo il consigliere di Stato: «Si commenta da sé. Noi non possiamo controllare il territorio italiano, ma possiamo pretendere che la politica agisca per fare in modo che in Ticino certe cose non siano accettate. Mi sembra il minimo».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
25 min
Pronzini sbotta contro Gobbi: «Non si permetta di paragonarmi alla Stasi»
«Ribadisco a tutti di rimanere nei limiti del rispetto delle persone», ha detto Claudio Franscella rivolgendosi a entrambi e all'aula
FOTO E VIDEO
LUGANO
1 ora
I bambini davanti a un quadro di Van Gogh. Le loro reazioni
Stupore e incredulità dei più piccoli di fronte alla mostra virtuale che ha già registrato 10.000 visitatori. Le risposte più divertenti dei bimbi
FOTO E VIDEO
BELLINZONA/ANCONA
2 ore
Scontro burocratico al porto: resta a terra con la merce per i terremotati
Il viaggio umanitario di Besnik H., classe 1976, partito dal Ticino subisce una brusca frenata nelle Marche. Ecco il video che mostra ciò che è successo
CANTONE / BERNA
3 ore
Il Governo ticinese si congratula con Cassis
«L’auspicio è che la sua presenza continui ad aiutare a comprendere meglio le sfide alle quali è confrontato il Ticino e porti un contributo alla coesione nazionale»
CANTONE
4 ore
«L'avanzata dei Verdi non stravolge la formula magica»
IL PLRT applaude la conferma di Cassis e critica Verdi e socialisti per aver «voltato le spalle all’unico rappresentante della Svizzera che parla e pensa in italiano»
CANTONE
4 ore
Il nipote che uccise la nonna: «Volevo solo minacciarla, ma poi l’ho colpita»
Si è aperto il processo per il delitto di Caslano del luglio 2018. Fu un gesto premeditato?
CANTONE
7 ore
Ogni giorno da Novazzano a Milano «pur di lavorare»
Architetti in fuga dal Ticino. La storia di Chiara Bernasconi, 33enne di Novazzano, è il simbolo di un settore in affanno
CANTONE
8 ore
Uccise la nonna e poi le diede fuoco
Il 6 luglio 2018 un delitto scosse la comunità di Caslano. Il nipote a processo per assassinio
LUGANO
9 ore
Settanta firme per i parcheggi
A Gandria si teme un calo dei visitatori che metterebbe a rischio le attività commerciali
LUGANO
16 ore
Dove c'era l'erba ci sarà... questo
Ben 153 appartamenti sull'ultima collina verde di Breganzona. Il progetto sta creando malumori tra i residenti
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile