TiPress
Decreto di abbandono per l'agente della polizia cantonale che, nella notte tra il 6 e il 7 ottobre 2017, ha sparato tre colpi durante un intervento in una vecchia palazzina di Brissago, uccidendo un richiedente l'asilo srilankese che stava per accoltellare due suoi connazionali.
BRISSAGO
12.11.19 - 16:460
Aggiornamento : 22:52

Richiedente l'asilo ucciso da un agente, c'è il decreto d'abbandono

Il poliziotto colpì il 38enne ai fianchi con due colpi. Il cittadino srilankese però non si fermò, costringendolo a sparare un terzo colpo, questa volta diretto al torace

BRISSAGO - È stata ufficialmente chiusa l’inchiesta sulla morte del richiedente l’asilo, originario dello Sri Lanka, ucciso durante un intervento di polizia il 7 ottobre del 2017. Il procuratore pubblico Moreno Capella ha emanato un decreto di abbandono nei confronti dell'agente.

Il Ministero pubblico comunica che è stato emanato il decreto di abbandono per le ipotesi di reato di omicidio intenzionale (articolo 111 Codice penale) siccome atto lecito permesso dalla legge rispettivamente per legittima difesa esimente (articolo 15 Codice penale). L'articolo 14 del Codice penale prevede infatti che «chiunque agisce come lo impone o lo consente la legge si comporta lecitamente anche se l’atto in sé sarebbe punibile secondo il Codice penale o un’altra legge».

Quella sera di due anni fa - lo ricordiamo - l’agente salì le scale della palazzina in Piazza Municipio, una struttura privata che ospita asilanti a Brissago, preceduto da due richiedenti l’asilo. Una volta sul pianerottolo, il loro connazionale uscì dall’appartamento armato con due coltelli. Dopo aver intimato per due volte l’alt, l'agente aprì il fuoco. Due colpi in rapida successione ai fianchi. Il cittadino srilankese però non si fermò, costringendo l’agente a sparare un terzo colpo, questa volta diretto al torace. Il 38enne morì pochi istanti dopo.

Norman Gobbi aveva espresso solidarietà sia all'agente sia ai familiari della vittima «Abbiamo già visto in altre città europee che un semplice coltello è sufficiente a uccidere una persona. E aveva aggiunto: «Usare un'arma da fuoco non è un compito facile, ma non siamo nel Far West. Non si spara con leggerezza».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
7 ore
Il Covid colpisce anche via Nassa
Bucherer licenzia, ma tutto il settore orologiero in Ticino è in difficoltà. «Mancano i clienti arabi e americani»
CANTONE
7 ore
Gobbi sorpreso dalla decisione sugli eventi: «Si parlava di fine anno»
Secondo il Presidente del Governo cantonale, la decisione porrà molte competenze e costi sulle spalle dei cantoni
CANTONE
9 ore
Pornografia fra minorenni: «A chi sgarra confischiamo il telefono»
Il fenomeno dello scambio di materiale via chat o social è in aumento. Così come le segnalazioni alla magistratura.
CONFINE
10 ore
Pregiudicato napoletano estradato a Ponte Chiasso
Gravi capi d'imputazione, da omicidio ad associazione mafiosa. Avrebbe dovuto trovarsi in custodia cautelare a Napoli
FOTO
MESOCCO (GR)
14 ore
Centro sportivo vittima dei ladri
Qualcuno si è introdotto nel locale dopo aver tentato di sfondare la vetrina e aver rotto alcune finestre
SONDAGGIO
CANTONE
15 ore
«I turisti persi tra marzo e maggio non si possono recuperare»
Per gli alberghi ticinesi si prospetta un calo del giro d'affari di almeno il 25%, nonostante il turismo interno
CANTONE
16 ore
Covid, due mesi senza decessi
È di 3'460 il totale dei tamponi finora risultati positivi da inizio pandemia nel nostro cantone.
FOTOGALLERY
BREGAGLIA (GR)
16 ore
Non solo acqua per produrre energia
Oltre 1'200 pannelli sono stati posati sulla diga dell'Albigna. Sarà il più grande impianto solare alpino in Svizzera.
AGNO
20 ore
Scintille tra e-biker e pedoni
La convivenza sulla frequentata passeggiata "Bill Arigoni" è messa a rischio dalla velocità dei ciclisti
CANTONE / LIBANO
20 ore
Un ticinese a Beirut: «Vivo per miracolo»
L'ex granconsigliere ha raccontato la sua esperienza durante gli scoppi: «L'appartamento è completamente distrutto»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile