foto lettore Tio.ch
Il treno in questione
MENDRISIO/LUGANO
12.11.19 - 17:260
Aggiornamento : 22:52

Malore sul treno: «Nessuno ha chiamato i soccorsi»

Le FFS fanno chiarezza sull'episodio di questa mattina. E assicurano: l'affollamento del TiLo era «una situazione del tutto eccezionale»

MENDRISIO/LUGANO - Le FFS dicono la loro sulla vicenda di una donna svenuta oggi su un treno TiLo tra Mendrisio e Lugano. Il convoglio viaggiava effettivamente con un numero di passeggeri «maggiore del solito e del tutto eccezionale» conferma il portavoce Patrick Walser contattato da Tio/20minuti.

L'affollamento non è però da ricondurre a una formazione ridotta - il treno viaggiava con formazione regolare -  bensì «a un problema tecnico di infrastruttura». Un treno Eurocity diretto a Zurigo da Milano Centrale «è stato soppresso e di conseguenza i passeggeri si sono riversati sul TiLo» precisano le Ferrovie federali.

Quanto al malore della passeggera «né la polizia dei trasporti né nessun altro servizio delle Ffs è stato allertato dai passeggeri, e quindi nemmeno l'ambulanza». Il portavoce delle Ferrovie approfitta per ricordare che «sui treni è presente il tasto di emergenza, grazie a cui ci si può subito mettere in contatto con una centrale operativa della polizia». 

Sulle cause dell'incidente l'ex regia federale invita a «non correre a conclusioni affrettate». Non è detto che il malore fosse dovuto alle condizioni di viaggio. «I treni TiLo sono adibiti e pensati per viaggiare anche con persone in piedi». Il treno in questione dispone infatti di 373 posti in piedi e 250 a sedere, precisano le FFS. 

Nel frattempo è la donna a rassicurare tutti sui social: «Sto bene, ringrazio chi si è prodigato per darmi soccorso, inoltre le FFS per il servizio che ci offrono giornalmente».

 

TOP NEWS Ticino
CANTONE
3 min
La difesa: «Quella notte ha reagito per rabbia e frustrazione»
Il legale del ventiquattrenne a processo per il delitto di Caslano si è battuto per una pena non superiore agli undici anni
CANTONE
1 ora
Uccise la nonna «per vendetta»
L’accusa ha chiesto una condanna di sedici anni, sospesa a favore di un trattamento stazionario, nei confronti dell'autore del delitto di Caslano
CANTONE
1 ora
Pronzini sbotta contro Gobbi: «Non si permetta di paragonarmi alla Stasi»
«Ribadisco a tutti di rimanere nei limiti del rispetto delle persone», ha detto Claudio Franscella rivolgendosi a entrambi e all'aula
FOTO E VIDEO
LUGANO
2 ore
I bambini davanti a un quadro di Van Gogh. Le loro reazioni
Stupore e incredulità dei più piccoli di fronte alla mostra virtuale che ha già registrato 10.000 visitatori. Le risposte più divertenti dei bimbi
FOTO E VIDEO
BELLINZONA/ANCONA
4 ore
Scontro burocratico al porto: resta a terra con la merce per i terremotati
Il viaggio umanitario di Besnik H., classe 1976, partito dal Ticino subisce una brusca frenata nelle Marche. Ecco il video che mostra ciò che è successo
CANTONE / BERNA
5 ore
Il Governo ticinese si congratula con Cassis
«L’auspicio è che la sua presenza continui ad aiutare a comprendere meglio le sfide alle quali è confrontato il Ticino e porti un contributo alla coesione nazionale»
CANTONE
5 ore
«L'avanzata dei Verdi non stravolge la formula magica»
IL PLRT applaude la conferma di Cassis e critica Verdi e socialisti per aver «voltato le spalle all’unico rappresentante della Svizzera che parla e pensa in italiano»
CANTONE
6 ore
Il nipote che uccise la nonna: «Volevo solo minacciarla, ma poi l’ho colpita»
Si è aperto il processo per il delitto di Caslano del luglio 2018. Fu un gesto premeditato?
CANTONE
8 ore
Ogni giorno da Novazzano a Milano «pur di lavorare»
Architetti in fuga dal Ticino. La storia di Chiara Bernasconi, 33enne di Novazzano, è il simbolo di un settore in affanno
CANTONE
9 ore
Uccise la nonna e poi le diede fuoco
Il 6 luglio 2018 un delitto scosse la comunità di Caslano. Il nipote a processo per assassinio
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile