TICINO / VENEZUELA
23.10.19 - 09:120
Aggiornamento : 13:36

Un prete rivoluzionario, da Curio al Venezuela

Don Angelo Treccani fa il missionario in un paese allo sbando: serve più di mille pasti al giorno ai bisognosi, grazie alla generosità ticinese

CARACAS - Don Angelo Treccani. Semplicemente “padre” per tutti quelli che a El Socorro (villaggio a sei ore di macchina dalla capitale Caracas) lo adorano. Per il suo spirito e soprattutto per quanto è riuscito a fare dal suo arrivo nel 1983. Oggi, don Angelo dirige un'autentica azienda del cuore che aiuta la popolazione in questa odissea, dove denutrizione e depressione hanno abbassato addirittura di 10 chili il peso medio dei venezuelani.

La situazione è così disastrosa, don Treccani?
Spaventosa a tutti i livelli. Il paese ha infatti abbandonato le terre, da sempre risorsa vitale, quando c'è stato il boom del petrolio. I governi Chavez e Maduro hanno polverizzato milioni

E la popolazione?
Una tragedia. Cibo, medicine, luce, elettricità, benzina, tutto scarseggia. I bambini non vanno più a scuola perché i loro genitori non hanno più soldi, le scuole sono chiuse, la cultura è cancellata. Dei 30 milioni di venezuelani presenti nel paese fino a qualche tempo fa, oltre cinque milioni sono emigrati a causa della miseria. La paga media a Caracas è di 2 dollari al mese, un chilo di zucchero o un chilo di riso costano un dollaro. Impossibile vivere a queste condizioni.

Il tasso di criminalità sarà sicuramente aumentato...
Sì, sono stato toccato anch'io. Per fortuna i ladri non mi fanno del male. Rubano soprattutto utensili nella nostra fattoria, li affronto con il dialogo e loro sono gentili. Una notte mi hanno chiesto di guidarli e sono inciampato. Uno mi ha afferrato subito per un braccio per non farmi cadere. La trovo una forma di disperazione anche questa, il ladro che protegge la sua vittima.

Nella sua fattoria si continua a lavorare, vero?
Certamente. Abbiamo creato delle misure di sicurezza con delle inferiate e delle porte chiuse a chiave. Ora il nostro materiale è più protetto, ci siamo organizzati. La polizia? Se la chiami non viene, devi mandare qualcuno a cercarla!

Questa situazione di pericolo ha scoraggiato gli aiuti esterni, che erano giunti pure dal Ticino. Con chi lavora attualmente?
Posso fare affidamento su di una squadra di dieci venezuelani tra i 22 e i 40 anni. Sette agricoltori e tre donne, di cui due maestre e una cuoca.

Di cosa vi occupate esattamente?
La nostra è una fattoria con 140 animali (di cui 40 mucche da latte) e si sviluppa su un'area di 300 ettari, sulla quale coltiviamo mais, canna da zucchero, soia, miglio, meloni, angurie e banane. Lo scopo è quello di provvedere alla nostra sopravvivenza per insegnare alla gente che il lavoro quotidiano serve a far progredire un paese che ha sempre vissuto della ricchezza naturale della sua terra.

Il progetto più significativo è decollato due anni fa grazie alla generosità dei suoi sostenitori dal Ticino. Come prosegue, don Angelo?
Direi molto bene. Ho ricevuto 56'000 franchi dalle parrocchie del Mendrisiotto grazie ad una raccolta di Natale e continuo ad essere aiutato. La sensibilità delle persone è straordinaria, ringrazio tutti di cuore e dedico loro le sedici mense che sono in grado ogni giorno di dare un pasto nutriente a 915 bambini e 120 anziani. La crisi crea inventiva e cooperazione.

I contributi sono notevoli
Sono soddisfatto di ogni forma di aiuto, lo scopo è quello di incrementare le forze per ampliarsi ulteriormente facendo capo al volontariato. Una delle priorità assolute è quella di assicurare l'istruzione ai bambini

FOTO PEZZANI
Ingrandisci l'immagine
Commenti
 
vulpus 3 sett fa su tio
Non c'è bisogno della ribalta per fare qualcosa di bene. Non tutti hanno il coraggio di andare in queste zone. Diamogli tutto il sostegno finanziario possibile a quest'uomo.
castigamatti 3 sett fa su tio
il mio "nipotino" di 13 anni non vuole più studiare, vuole solo divertirsi e andare a zonzo con gli amici...e se gli chiedi cosa farà da grande senza un'adeguata formazione, ti risponde: vado in assistenza. Bene, da ora in poi le bustarelle con i centelli per compleanno e natale, saranno da me devolute all'associazione di questo onorevole prete!
volabas 3 sett fa su tio
Rischia la pelle e ci mette del suo, sperando che non faccia la fine di Monsignor Romero, lasciato allo sbando dal Wojtyla di turno. Bravo "prèvat" hai tutta la mia ammirazione
Partito Popolare Comunista 3 sett fa su fb
Speriamo che si occupi solo di beneficenza e non della destabilizzazione del regime di Maduro. Se c’è la carestia in Venezuela la colpa è della UE ed USA. Purtroppo anche le banche svizzere hanno bloccato i conti dei chavisti.
miba 3 sett fa su tio
....ed un grazie particolare anche agli USA che con il loro embargo pensavano di mettere in ginocchio il Venezuela.....
sedelin 3 sett fa su tio
complimenti per il lavoro, la dedizione e la perseveranza!
interceptors 3 sett fa su tio
Questa gente sì che fa la fame, non certo i soliti leoni da tastiera che su questo Blog spesso scrivono che siamo sul lastrico!! Facciamoci un esame di coscienza e un bel bagno di umiltà....
Norvegianviking 3 sett fa su tio
@interceptors Parole sante, bravo!
Pepperos 3 sett fa su tio
Grazie!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
51 min
Non è ancora il momento di mettere via l’ombrello
Le allerte maltempo sono per il momento alle spalle. La prossima settimana si annuncia però nuovamente grigia e carica di pioggia
CANTONE / SVIZZERA
3 ore
Chi saranno i due "senatori" ticinesi? Siamo al rush finale
Ultime ore per votare, le urne chiudono alle 12. Quattro nomi per due posti: Filippo Lombardi, Marina Carobbio, Marco Chiesa e Giovanni Merlini
CANTONE / SVIZZERA
15 ore
Lotto, vinti oltre 20 milioni. Forse in Ticino
La schedina vincente potrebbe essere stata giocata nel nostro cantone. I numeri estratti: 10, 19, 25, 29, 38, 40 e 2
FOTO
LUGANO
19 ore
Furgone distrutto dalle fiamme in un piazzale a Viganello
Il veicolo ha preso fuoco questo pomeriggio in via agli Orti. Sul posto pompieri e polizia
FOTO
MENDRISIO
23 ore
Bambini e alberi si abbracciano e crescono insieme
Questa mattina è stato ufficialmente presentato il progetto “Alberi della vita – Un albero per ogni bambino”. Obiettivo: «Regalare un futuro sostenibile per i nostri giovani»
VAUD / BELLINZONA
1 gior
Ha moglie e figlia in Ticino, ma l’espulsione è “giusta”
Permessi di dimora non concessi a causa di precedenti penali. Negli ultimi giorni il Tribunale federale ha dato una volta ragione e una torto alle autorità cantonali. Ecco le due storie
FOTO
LUGANO
1 gior
Cinque anni fa la frana che strappò due vite a Davesco
Erano da poco passate le 2.30 del mattino. La pioggia provocò il crollo di un muro di contenimento, che travolse una palazzina
FOTO E VIDEO
MINUSIO
1 gior
L'auto urta un muretto e finisce sul tetto
Nel veicolo, che circolava in direzione di Locarno, c'erano due persone, soccorse dal personale del Salva
CUGNASCO-GERRA
1 gior
In questi wc c'erano strani traffici: fermato un giovane
La polizia è intervenuta nella serata di martedì. Il ragazzo sarebbe stato trovato in possesso di stupefacenti. Coinvolti anche minorenni?
CANTONE
1 gior
I radar sbirciano ovunque... tranne che in Vallemaggia
Controlli della velocità previsti in quasi tutti i distretti la prossima settimana. Rilevamenti semi-stazionari a Golino e Agra
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile