TICINO / VENEZUELA
23.10.19 - 09:120
Aggiornamento : 13:36

Un prete rivoluzionario, da Curio al Venezuela

Don Angelo Treccani fa il missionario in un paese allo sbando: serve più di mille pasti al giorno ai bisognosi, grazie alla generosità ticinese

CARACAS - Don Angelo Treccani. Semplicemente “padre” per tutti quelli che a El Socorro (villaggio a sei ore di macchina dalla capitale Caracas) lo adorano. Per il suo spirito e soprattutto per quanto è riuscito a fare dal suo arrivo nel 1983. Oggi, don Angelo dirige un'autentica azienda del cuore che aiuta la popolazione in questa odissea, dove denutrizione e depressione hanno abbassato addirittura di 10 chili il peso medio dei venezuelani.

La situazione è così disastrosa, don Treccani?
Spaventosa a tutti i livelli. Il paese ha infatti abbandonato le terre, da sempre risorsa vitale, quando c'è stato il boom del petrolio. I governi Chavez e Maduro hanno polverizzato milioni

E la popolazione?
Una tragedia. Cibo, medicine, luce, elettricità, benzina, tutto scarseggia. I bambini non vanno più a scuola perché i loro genitori non hanno più soldi, le scuole sono chiuse, la cultura è cancellata. Dei 30 milioni di venezuelani presenti nel paese fino a qualche tempo fa, oltre cinque milioni sono emigrati a causa della miseria. La paga media a Caracas è di 2 dollari al mese, un chilo di zucchero o un chilo di riso costano un dollaro. Impossibile vivere a queste condizioni.

Il tasso di criminalità sarà sicuramente aumentato...
Sì, sono stato toccato anch'io. Per fortuna i ladri non mi fanno del male. Rubano soprattutto utensili nella nostra fattoria, li affronto con il dialogo e loro sono gentili. Una notte mi hanno chiesto di guidarli e sono inciampato. Uno mi ha afferrato subito per un braccio per non farmi cadere. La trovo una forma di disperazione anche questa, il ladro che protegge la sua vittima.

Nella sua fattoria si continua a lavorare, vero?
Certamente. Abbiamo creato delle misure di sicurezza con delle inferiate e delle porte chiuse a chiave. Ora il nostro materiale è più protetto, ci siamo organizzati. La polizia? Se la chiami non viene, devi mandare qualcuno a cercarla!

Questa situazione di pericolo ha scoraggiato gli aiuti esterni, che erano giunti pure dal Ticino. Con chi lavora attualmente?
Posso fare affidamento su di una squadra di dieci venezuelani tra i 22 e i 40 anni. Sette agricoltori e tre donne, di cui due maestre e una cuoca.

Di cosa vi occupate esattamente?
La nostra è una fattoria con 140 animali (di cui 40 mucche da latte) e si sviluppa su un'area di 300 ettari, sulla quale coltiviamo mais, canna da zucchero, soia, miglio, meloni, angurie e banane. Lo scopo è quello di provvedere alla nostra sopravvivenza per insegnare alla gente che il lavoro quotidiano serve a far progredire un paese che ha sempre vissuto della ricchezza naturale della sua terra.

Il progetto più significativo è decollato due anni fa grazie alla generosità dei suoi sostenitori dal Ticino. Come prosegue, don Angelo?
Direi molto bene. Ho ricevuto 56'000 franchi dalle parrocchie del Mendrisiotto grazie ad una raccolta di Natale e continuo ad essere aiutato. La sensibilità delle persone è straordinaria, ringrazio tutti di cuore e dedico loro le sedici mense che sono in grado ogni giorno di dare un pasto nutriente a 915 bambini e 120 anziani. La crisi crea inventiva e cooperazione.

I contributi sono notevoli
Sono soddisfatto di ogni forma di aiuto, lo scopo è quello di incrementare le forze per ampliarsi ulteriormente facendo capo al volontariato. Una delle priorità assolute è quella di assicurare l'istruzione ai bambini

FOTO PEZZANI
Ingrandisci l'immagine
Commenti
 
vulpus 4 mesi fa su tio
Non c'è bisogno della ribalta per fare qualcosa di bene. Non tutti hanno il coraggio di andare in queste zone. Diamogli tutto il sostegno finanziario possibile a quest'uomo.
castigamatti 4 mesi fa su tio
il mio "nipotino" di 13 anni non vuole più studiare, vuole solo divertirsi e andare a zonzo con gli amici...e se gli chiedi cosa farà da grande senza un'adeguata formazione, ti risponde: vado in assistenza. Bene, da ora in poi le bustarelle con i centelli per compleanno e natale, saranno da me devolute all'associazione di questo onorevole prete!
volabas 4 mesi fa su tio
Rischia la pelle e ci mette del suo, sperando che non faccia la fine di Monsignor Romero, lasciato allo sbando dal Wojtyla di turno. Bravo "prèvat" hai tutta la mia ammirazione
Partito Popolare Comunista 4 mesi fa su fb
Speriamo che si occupi solo di beneficenza e non della destabilizzazione del regime di Maduro. Se c’è la carestia in Venezuela la colpa è della UE ed USA. Purtroppo anche le banche svizzere hanno bloccato i conti dei chavisti.
miba 4 mesi fa su tio
....ed un grazie particolare anche agli USA che con il loro embargo pensavano di mettere in ginocchio il Venezuela.....
sedelin 4 mesi fa su tio
complimenti per il lavoro, la dedizione e la perseveranza!
interceptors 4 mesi fa su tio
Questa gente sì che fa la fame, non certo i soliti leoni da tastiera che su questo Blog spesso scrivono che siamo sul lastrico!! Facciamoci un esame di coscienza e un bel bagno di umiltà....
Norvegianviking 4 mesi fa su tio
@interceptors Parole sante, bravo!
Pepperos 4 mesi fa su tio
Grazie!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
2 ore
Coronavirus: «Ci sono 15 casi sospetti»
Merlani: «Attendiamo i risultati dei test». Le scuole lunedì saranno aperte normalmente
LUGANO-MILANO
3 ore
Chi ha paura di andare a Milano?
Ecco come i nostri lettori si regolano con l'epidemia
LUGANO
6 ore
Lavoratori a casa per il virus: «Chiamano preoccupati»
Alcune aziende in Ticino hanno iniziato a mettere "in isolamento" i lavoratori. Unia: «Diverse sollecitazioni»
BELLINZONA
6 ore
L'arrosto del carnevale... ve lo regaliamo!
Due iniziative per salvare dalla spazzatura il cibo che non potrà essere servito a causa dello stop ai festeggiamenti
FOTO E VIDEO
CANTONE
7 ore
Coronavirus: alla frontiera scatta il volantinaggio
È partita oggi la campagna ai valichi ticinesi. Da domani anche nelle stazioni ferroviarie
NOVAGGIO
12 ore
Inverno deleterio per la sciovia Bedea, ma non si molla
L’impianto non ha aperto nemmeno un giorno. Ma di riconversione, per ora, non se ne parla
CANTONE
12 ore
Con il monopattino elettrico solo sulla strada, anche se è pericoloso
Anche la Polizia teme per la sicurezza stradale. Nel corso dell'anno alcune regole potrebbero cambiare
CAPOLAGO
12 ore
Il segreto dell'uomo che vola: «Restate umili anche in cielo»
Franco Kessel vanta diverse migliaia di voli e pratica ancora oggi il parapendio
CANTONE
21 ore
Coronavirus: attiva da domani la hotline ticinese  
Per informazioni e indicazioni è importante chiamare solo il numero 0800 144 144
VIDEO
BELLINZONA
22 ore
“Rabadan 2020, il film: tutto quello che non avete visto”
Ultimo omaggio video alla 157esima edizione del carnevale della Capitale. Dalle mascotte di Tio/20Minuti agli Eiffel 65
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile