TIO/20M/Giordano
CANTONE
23.10.19 - 08:010
Aggiornamento : 11:50

L’amianto che dorme nelle case: «Prima di svegliarlo fate una perizia»

Il materiale è tornato d’attualità, ma i più ignorano le potenziali “bombe” che si trovano nelle abitazioni costruite prima del 1991. L’esperto: «Il Ticino, purtroppo, è fanalino di coda in materia».

LUGANO - «In Ticino siamo allergici alle sostanze inquinanti». Sembra un’ovvietà, se le parole di Cristian Gilardoni non indicassero un particolare tipo di rigetto: il nostro cantone, sostiene l’esperto, è l’ultimo della classe nel risanamento degli edifici problematici.  Per svariate ragioni, che l’esperto qui illustra, molto spesso ignoriamo il o meglio i problemi. A partire da quello dell’amianto, esploso con gli operai delle Officine, ma che per i più viene ancora oggi limitato alla vecchia lastra di eternit… 

Oltre la lastra c’è di più - «E invece no - spiega Gilardoni, che dal 2009 si occupa di risanamento degli edifici dalle sostanze inquinanti -. Il problema principale sono gli altri materiali edili che contenevano amianto, materiali che possono più facilmente liberare fibre nocive nell’aria nel caso di lavorazioni. Oltre all’amianto, esistono poi altre sostanze inquinanti in vecchi materiali
edili, come Pcb (policlorobifenili) e piombo...». Direttore dell’azienda specializzata DEG.MO Sagl, Gilardoni è anche membro del direttivo dell’ASSED (l’associazione svizzera che riunisce le imprese che fanno bonifica da amianto e altri inquinanti), per la quale si occupa di formazione e informazione, collabora inoltre con la Suva e la SPAAS (la Sezione della protezione dell’aria, dell’acqua e del suolo). Nel mirino non ci sono uno o due prodotti, ma la cifra abnorme di oltre 1000. «E ce li abbiamo in casa. Tutti gli edifici antecedenti al 1991 sono potenzialmente a rischio e la presenza di tali sostanze per legge deve essere indagata quando si eseguono dei lavori». Deve, dovrebbe, in diversi casi non è.

Bombe potenziali - L’amianto (ma appunto non è la sola sostanza pericolosa) potrebbe trovarsi «nell’intonaco, nella colla delle piastrelle, nei pavimenti sintetici, nei mastici delle finestre, nelle vernici, nei collanti di rivestimento dei piani cucina...». Insomma l’elenco è lungo e coinvolge tutte le categorie professionali: dal capomastro, all’elettricista, al falegname, al sanitario, tutti hanno schede tematiche su come affrontare quelle che Gilardoni definisce le “bombe potenziali”, il cui pericolo si può manifestare in occasione di lavori edili.

Basta un buco nell’intonaco - La contaminazione è infatti quasi garantita se non si prendono le dovute contromisure. Basta appendere una mensola in casa bucando con un trapano l’intonaco o le piastrelle e pulendo il tutto con un semplice aspirapolvere ad inquinare l’aria di tutto l’appartamento, questo dovrebbe far riflettere maggiormente sul tema delle sostanze pericolose. 

L'accertamento per capire - «In caso di piccole o grandi ristrutturazioni in edifici costruiti prima del 1991 è fondamentale capire in anticipo che cosa vado a toccare. Per non creare un danno alla salute dell’operaio, a me stesso o ai miei famigliari o ai vicini di casa. Questo tipo di accertamento sui materiali inquinanti è necessario anche se magari si tratta di un lavoro non soggetto a notifica o domanda di costruzione».

Altrove più attenti - Se altrove questo modo di procedere è prassi, in Ticino… «mi spiace dirlo, ma siamo il fanalino di coda rispetto a Romandia e Svizzera tedesca dove tutti sono molto più attenti e sensibili. Ma le leggi sono le stesse, come la pericolosità dei materiali». Va detto che la criticata Suva fa i compiti al meglio mettendo a disposizione la documentazione sul tema (sul loro sito anche il profano può visitare la “casa amianto” con le relative informazioni sui materiali pericolosi) e procedendo a controlli. «La base di tutto è l’attenzione, la riflessione e il controllo».

Ditte serie, ma non solo - L’ignoranza dei proprietari trova purtroppo sponda nelle ditte di edilizia ordinaria. O meglio, «le aziende leader sono molto attente perché i loro cantieri sono ben visibili. Nelle piccole ditte artigiane di ogni settore, purtroppo, ci sono quelle di serie A e quelle di serie B. I blocchi dei cantieri perché non è stata fatta la perizia sono lì a dimostrarlo. È una percentuale molto elevata».

Fare i “furbi” non paga - Se l’esito del controllo preventivo riscontra materiali pericolosi, «cambia il prezzo perché c’è il risanamento. Ma se lo so prima decido cosa fare (magari optando per una meno cara ricopertura), se lo scopro dopo rischio di andare incontro a problemi di sicurezza/salute-burocratici-economici. Non dimentichiamo che le problematiche legate all’amianto rientrano nel penale. Se crei un danno, poi paghi. Per cui sapendo che ci sono delle regole, rispettiamole».

TIO/20M/Giordano
Guarda le 2 immagini
Commenti
 
volabas 4 mesi fa su tio
Ho un pezzetto di amianto di 10 cm x 10 che copre un buco nel garage; saro' tassato in futuro per questo? madonna come mi sento in colpa
mats70 4 mesi fa su tio
Con il risultato che hanno fatto i verdi, prepariamoci ad ogni genere di tassa per i proprietari di casa. Unica loro soluzione è tassare, sempre e solo quello
Togn Besomi 4 mesi fa su fb
comunque ridicolo asportare le plastiche di contenzione della polvere senza una mascherina.....
vulpus 4 mesi fa su tio
Siamo oramai alla stessa stregua del medico di Chiasso.
F/A-18 4 mesi fa su tio
Solo in Svizzera si arriva a tanto, poi per dirla tutta a qualcuno chiudono gli occhi e si demolisce in gran fretta, per altri il costo del risanamento costa di più che far su la casa nuova.
GI 4 mesi fa su tio
allarmismo giustificato dal fatto che sempre più persone si rivolgono a "brick e brack" per i lavori di ristrutturazione.....
Bayron 4 mesi fa su tio
Esagerazioni!!
Atomic 4 mesi fa su tio
E che prezzi ! Un mio amico ha ristrutturato casa lo hanno obbligato a fare 2 perizie in due momenti diversi una per il tetto è una per il bagno è venuto lo stesso Perito che ha fatturato 2000 CHF a volta .
tip75 4 mesi fa su tio
un altro modo per far soldi e far pagare il costo dell ignoranza al cittadino
Maurizio Roggero 4 mesi fa su fb
I primi a nascondere questo problema sono proprio gli amministratori e proprietari di palazzi vetusti, poi alcuni architetti che invece della rimozione propongono la copertura delle sostanze pericolose!!! 😤
Andja Popovic Savic 4 mesi fa su fb
Maurizio Roggero Bravo propio così .
Togn Besomi 4 mesi fa su fb
ai prezzi per le perizie e ai costi attuali della rimozione e smaltimento , ti credo che si opta per la copertura....se puoi fare a meno di 2 cm per parete da ricoprire a 7/8000 fr per un bagno (in media ), chiunque lo farebbe.... pure voi (ma forse il vostro bagno in realtà e di qualcun'altro....)
Equalizer 4 mesi fa su tio
Le nostre case per anziani sono piene di gente invecchiata in mezzo al "veleno" cresciuti in letti ed edifici dove è stata usata vernice al piombo e nelle case in cui ci sono tutti i prodotti elencati dal dotto signore, anzi probabilmente molti di loro con questi materiali ci hanno lavorato. Con questo non voglio dire che il problema non esiste, ma mi sembra che si sta esagerando nel ritenerlo il re di tutti i mali, se volete far girare i soldi nelle imprese ticinesi trovate argomenti più "sinceri".
Mattiatr 4 mesi fa su tio
@Equalizer L'amianto veniva usato dappertutto, addirittura nei freni delle macchine. In sé per sé non è tossico quando sta nelle case. Il problema è quando si frantuma, rilasciando polveri che possono addirittura uccidere. Quindi se avessi una casa vecchia non correrei dai sciori a chiedere un preventivo per l'immediata rimozione, ma rimanderei il tutto in caso di manutenzioni future.
francox 4 mesi fa su tio
Invece per ozono e polveri fini, ci mettono l'ottanta all'ora.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
2 ore
Coronavirus: «Ci sono 15 casi sospetti»
Merlani: «Attendiamo i risultati dei test». Le scuole lunedì saranno aperte normalmente
LUGANO-MILANO
3 ore
Chi ha paura di andare a Milano?
Ecco come i nostri lettori si regolano con l'epidemia
LUGANO
6 ore
Lavoratori a casa per il virus: «Chiamano preoccupati»
Alcune aziende in Ticino hanno iniziato a mettere "in isolamento" i lavoratori. Unia: «Diverse sollecitazioni»
BELLINZONA
6 ore
L'arrosto del carnevale... ve lo regaliamo!
Due iniziative per salvare dalla spazzatura il cibo che non potrà essere servito a causa dello stop ai festeggiamenti
FOTO E VIDEO
CANTONE
7 ore
Coronavirus: alla frontiera scatta il volantinaggio
È partita oggi la campagna ai valichi ticinesi. Da domani anche nelle stazioni ferroviarie
NOVAGGIO
12 ore
Inverno deleterio per la sciovia Bedea, ma non si molla
L’impianto non ha aperto nemmeno un giorno. Ma di riconversione, per ora, non se ne parla
CANTONE
12 ore
Con il monopattino elettrico solo sulla strada, anche se è pericoloso
Anche la Polizia teme per la sicurezza stradale. Nel corso dell'anno alcune regole potrebbero cambiare
CAPOLAGO
12 ore
Il segreto dell'uomo che vola: «Restate umili anche in cielo»
Franco Kessel vanta diverse migliaia di voli e pratica ancora oggi il parapendio
CANTONE
21 ore
Coronavirus: attiva da domani la hotline ticinese  
Per informazioni e indicazioni è importante chiamare solo il numero 0800 144 144
VIDEO
BELLINZONA
22 ore
“Rabadan 2020, il film: tutto quello che non avete visto”
Ultimo omaggio video alla 157esima edizione del carnevale della Capitale. Dalle mascotte di Tio/20Minuti agli Eiffel 65
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile