TIO/20M/Giordano
CANTONE
23.10.19 - 08:010
Aggiornamento : 11:50

L’amianto che dorme nelle case: «Prima di svegliarlo fate una perizia»

Il materiale è tornato d’attualità, ma i più ignorano le potenziali “bombe” che si trovano nelle abitazioni costruite prima del 1991. L’esperto: «Il Ticino, purtroppo, è fanalino di coda in materia».

LUGANO - «In Ticino siamo allergici alle sostanze inquinanti». Sembra un’ovvietà, se le parole di Cristian Gilardoni non indicassero un particolare tipo di rigetto: il nostro cantone, sostiene l’esperto, è l’ultimo della classe nel risanamento degli edifici problematici.  Per svariate ragioni, che l’esperto qui illustra, molto spesso ignoriamo il o meglio i problemi. A partire da quello dell’amianto, esploso con gli operai delle Officine, ma che per i più viene ancora oggi limitato alla vecchia lastra di eternit… 

Oltre la lastra c’è di più - «E invece no - spiega Gilardoni, che dal 2009 si occupa di risanamento degli edifici dalle sostanze inquinanti -. Il problema principale sono gli altri materiali edili che contenevano amianto, materiali che possono più facilmente liberare fibre nocive nell’aria nel caso di lavorazioni. Oltre all’amianto, esistono poi altre sostanze inquinanti in vecchi materiali
edili, come Pcb (policlorobifenili) e piombo...». Direttore dell’azienda specializzata DEG.MO Sagl, Gilardoni è anche membro del direttivo dell’ASSED (l’associazione svizzera che riunisce le imprese che fanno bonifica da amianto e altri inquinanti), per la quale si occupa di formazione e informazione, collabora inoltre con la Suva e la SPAAS (la Sezione della protezione dell’aria, dell’acqua e del suolo). Nel mirino non ci sono uno o due prodotti, ma la cifra abnorme di oltre 1000. «E ce li abbiamo in casa. Tutti gli edifici antecedenti al 1991 sono potenzialmente a rischio e la presenza di tali sostanze per legge deve essere indagata quando si eseguono dei lavori». Deve, dovrebbe, in diversi casi non è.

Bombe potenziali - L’amianto (ma appunto non è la sola sostanza pericolosa) potrebbe trovarsi «nell’intonaco, nella colla delle piastrelle, nei pavimenti sintetici, nei mastici delle finestre, nelle vernici, nei collanti di rivestimento dei piani cucina...». Insomma l’elenco è lungo e coinvolge tutte le categorie professionali: dal capomastro, all’elettricista, al falegname, al sanitario, tutti hanno schede tematiche su come affrontare quelle che Gilardoni definisce le “bombe potenziali”, il cui pericolo si può manifestare in occasione di lavori edili.

Basta un buco nell’intonaco - La contaminazione è infatti quasi garantita se non si prendono le dovute contromisure. Basta appendere una mensola in casa bucando con un trapano l’intonaco o le piastrelle e pulendo il tutto con un semplice aspirapolvere ad inquinare l’aria di tutto l’appartamento, questo dovrebbe far riflettere maggiormente sul tema delle sostanze pericolose. 

L'accertamento per capire - «In caso di piccole o grandi ristrutturazioni in edifici costruiti prima del 1991 è fondamentale capire in anticipo che cosa vado a toccare. Per non creare un danno alla salute dell’operaio, a me stesso o ai miei famigliari o ai vicini di casa. Questo tipo di accertamento sui materiali inquinanti è necessario anche se magari si tratta di un lavoro non soggetto a notifica o domanda di costruzione».

Altrove più attenti - Se altrove questo modo di procedere è prassi, in Ticino… «mi spiace dirlo, ma siamo il fanalino di coda rispetto a Romandia e Svizzera tedesca dove tutti sono molto più attenti e sensibili. Ma le leggi sono le stesse, come la pericolosità dei materiali». Va detto che la criticata Suva fa i compiti al meglio mettendo a disposizione la documentazione sul tema (sul loro sito anche il profano può visitare la “casa amianto” con le relative informazioni sui materiali pericolosi) e procedendo a controlli. «La base di tutto è l’attenzione, la riflessione e il controllo».

Ditte serie, ma non solo - L’ignoranza dei proprietari trova purtroppo sponda nelle ditte di edilizia ordinaria. O meglio, «le aziende leader sono molto attente perché i loro cantieri sono ben visibili. Nelle piccole ditte artigiane di ogni settore, purtroppo, ci sono quelle di serie A e quelle di serie B. I blocchi dei cantieri perché non è stata fatta la perizia sono lì a dimostrarlo. È una percentuale molto elevata».

Fare i “furbi” non paga - Se l’esito del controllo preventivo riscontra materiali pericolosi, «cambia il prezzo perché c’è il risanamento. Ma se lo so prima decido cosa fare (magari optando per una meno cara ricopertura), se lo scopro dopo rischio di andare incontro a problemi di sicurezza/salute-burocratici-economici. Non dimentichiamo che le problematiche legate all’amianto rientrano nel penale. Se crei un danno, poi paghi. Per cui sapendo che ci sono delle regole, rispettiamole».

TIO/20M/Giordano
Guarda le 2 immagini
Commenti
 
volabas 3 sett fa su tio
Ho un pezzetto di amianto di 10 cm x 10 che copre un buco nel garage; saro' tassato in futuro per questo? madonna come mi sento in colpa
mats70 3 sett fa su tio
Con il risultato che hanno fatto i verdi, prepariamoci ad ogni genere di tassa per i proprietari di casa. Unica loro soluzione è tassare, sempre e solo quello
Togn Besomi 3 sett fa su fb
comunque ridicolo asportare le plastiche di contenzione della polvere senza una mascherina.....
vulpus 3 sett fa su tio
Siamo oramai alla stessa stregua del medico di Chiasso.
F/A-18 3 sett fa su tio
Solo in Svizzera si arriva a tanto, poi per dirla tutta a qualcuno chiudono gli occhi e si demolisce in gran fretta, per altri il costo del risanamento costa di più che far su la casa nuova.
GI 3 sett fa su tio
allarmismo giustificato dal fatto che sempre più persone si rivolgono a "brick e brack" per i lavori di ristrutturazione.....
Bayron 3 sett fa su tio
Esagerazioni!!
Atomic 3 sett fa su tio
E che prezzi ! Un mio amico ha ristrutturato casa lo hanno obbligato a fare 2 perizie in due momenti diversi una per il tetto è una per il bagno è venuto lo stesso Perito che ha fatturato 2000 CHF a volta .
tip75 3 sett fa su tio
un altro modo per far soldi e far pagare il costo dell ignoranza al cittadino
Maurizio Roggero 3 sett fa su fb
I primi a nascondere questo problema sono proprio gli amministratori e proprietari di palazzi vetusti, poi alcuni architetti che invece della rimozione propongono la copertura delle sostanze pericolose!!! 😤
Andja Popovic Savic 3 sett fa su fb
Maurizio Roggero Bravo propio così .
Togn Besomi 3 sett fa su fb
ai prezzi per le perizie e ai costi attuali della rimozione e smaltimento , ti credo che si opta per la copertura....se puoi fare a meno di 2 cm per parete da ricoprire a 7/8000 fr per un bagno (in media ), chiunque lo farebbe.... pure voi (ma forse il vostro bagno in realtà e di qualcun'altro....)
Equalizer 3 sett fa su tio
Le nostre case per anziani sono piene di gente invecchiata in mezzo al "veleno" cresciuti in letti ed edifici dove è stata usata vernice al piombo e nelle case in cui ci sono tutti i prodotti elencati dal dotto signore, anzi probabilmente molti di loro con questi materiali ci hanno lavorato. Con questo non voglio dire che il problema non esiste, ma mi sembra che si sta esagerando nel ritenerlo il re di tutti i mali, se volete far girare i soldi nelle imprese ticinesi trovate argomenti più "sinceri".
Mattiatr 3 sett fa su tio
@Equalizer L'amianto veniva usato dappertutto, addirittura nei freni delle macchine. In sé per sé non è tossico quando sta nelle case. Il problema è quando si frantuma, rilasciando polveri che possono addirittura uccidere. Quindi se avessi una casa vecchia non correrei dai sciori a chiedere un preventivo per l'immediata rimozione, ma rimanderei il tutto in caso di manutenzioni future.
francox 3 sett fa su tio
Invece per ozono e polveri fini, ci mettono l'ottanta all'ora.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
52 min
Non è ancora il momento di mettere via l’ombrello
Le allerte maltempo sono per il momento alle spalle. La prossima settimana si annuncia però nuovamente grigia e carica di pioggia
CANTONE / SVIZZERA
3 ore
Chi saranno i due "senatori" ticinesi? Siamo al rush finale
Ultime ore per votare, le urne chiudono alle 12. Quattro nomi per due posti: Filippo Lombardi, Marina Carobbio, Marco Chiesa e Giovanni Merlini
CANTONE / SVIZZERA
15 ore
Lotto, vinti oltre 20 milioni. Forse in Ticino
La schedina vincente potrebbe essere stata giocata nel nostro cantone. I numeri estratti: 10, 19, 25, 29, 38, 40 e 2
FOTO
LUGANO
19 ore
Furgone distrutto dalle fiamme in un piazzale a Viganello
Il veicolo ha preso fuoco questo pomeriggio in via agli Orti. Sul posto pompieri e polizia
FOTO
MENDRISIO
23 ore
Bambini e alberi si abbracciano e crescono insieme
Questa mattina è stato ufficialmente presentato il progetto “Alberi della vita – Un albero per ogni bambino”. Obiettivo: «Regalare un futuro sostenibile per i nostri giovani»
VAUD / BELLINZONA
1 gior
Ha moglie e figlia in Ticino, ma l’espulsione è “giusta”
Permessi di dimora non concessi a causa di precedenti penali. Negli ultimi giorni il Tribunale federale ha dato una volta ragione e una torto alle autorità cantonali. Ecco le due storie
FOTO
LUGANO
1 gior
Cinque anni fa la frana che strappò due vite a Davesco
Erano da poco passate le 2.30 del mattino. La pioggia provocò il crollo di un muro di contenimento, che travolse una palazzina
FOTO E VIDEO
MINUSIO
1 gior
L'auto urta un muretto e finisce sul tetto
Nel veicolo, che circolava in direzione di Locarno, c'erano due persone, soccorse dal personale del Salva
CUGNASCO-GERRA
1 gior
In questi wc c'erano strani traffici: fermato un giovane
La polizia è intervenuta nella serata di martedì. Il ragazzo sarebbe stato trovato in possesso di stupefacenti. Coinvolti anche minorenni?
CANTONE
1 gior
I radar sbirciano ovunque... tranne che in Vallemaggia
Controlli della velocità previsti in quasi tutti i distretti la prossima settimana. Rilevamenti semi-stazionari a Golino e Agra
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile