Keystone
BELLINZONA
18.10.19 - 11:000

«Il diritto alla privacy per proteggere chi lavora sul treno»

Transfair chiede alle FFS di sostituire il nome del personale del treno riportato sulla targhetta con un numero identificativo. Un modo per evitare ritorsioni da parte dei viaggiatori

BELLINZONA - Ripetute aggressioni verbali, minacce personali e aggressioni fisiche da parte di viaggiatori scontenti. Sono questi i comportamenti che hanno spinto i promotori a lanciare una petizione per tutelare la privacy del personale del treno chiedendo di sostituire il nome e cognome sulla targhetta identificativa con un numero, come già avviene sui Tilo. 

«Le aggressioni al personale del treno ricevute dai clienti scontenti o poco diligenti rimangono nel silenzio, al contrario di quelle subite dai passeggeri attaccati da altri viaggiatori, che spesso finiscono sui media» commenta transfair. «Con lo sviluppo della tecnologia e dei social, è molto più rapido e facile rintracciare le persone a partire da nome e cognome».

Promotrice della petizione “Il diritto alla privacy vale anche per chi lavora sul treno!» è Tessa Jorio, presidente della sezione transfair - FFS Regione Sud: «Vogliamo tutelare il personale da possibili ritorsioni o quanto meno rendere più arduo rintracciare i collaboratori FFS nella vita privata. Condividiamo il fatto e l’importanza di permettere all’utenza una chiara identificazione di colei o colui che opera nell’ambito di un servizio pubblico; questo può tuttavia essere fatto attraverso il numero identificativo». 

Dello stesso avviso è l’Incarto federale della protezione dei dati e della trasparenza (IFPDT): «Nella sua ponderazione degli interessi l’IFPDT giunge pertanto alla conclusione che gli interessi di sicurezza degli impiegati prevalgono sugli interessi di marketing del datore di lavoro».

Alla petizione hanno aderito 556 firmatari. Le firme, per una questione di privacy, sono state depositate presso il segretariato transfair. La consegna ufficiale viene fatta direttamente dalla promotrice Tessa Jorio – presidente della sezione transfair FFS Regione Sud e dal team transfair Regione Sud a Roberta Cattaneo – direttrice regionale FFS, Regione Sud.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
vulpus 7 mesi fa su tio
Il problema va risolto eliminando la causa del malcontento.Evidente che se esiste un problema, al quale onestamente il controllore non può dar risposta ,l'utente si arrabbia: poi ci sono sempre quelli che esagerano . Le FFS hanno tagliato troppo sul personale : poi succedono i casini e gli incidenti gravi.
don lurio 7 mesi fa su tio
Giusto fino a quando tutte le persone clientela delle ferrovie non hanno il nome sulla visibile sulla persona . Dovrebbero evitare anche il numero, Forse il codice a barre che dopo averlo fotografato si può denunciare il personale alla FFS.
gp46 7 mesi fa su tio
Si tratterebbe non soltanto di leggere, ma anche di capire cosa ci sia scritto, per alcuni commentatori qua sotto: La Transfair é un sindacato, non sono le FFS, e la proposta viene dal fatto che le aggressioni al personale-treno sono in continuo aumento. Subire un'aggressione non é piacevole, e chi ha portato avanti la questione sa di cosa parlo. -Al signor Milani vorrei dire che posso anche essere d'accordo, ma a quel punto pretendo anche nome e cognome del mio interlocutore, altrimenti la discussione su eventuali disservizi subiti finisce ancor prima di cominciare. - Al signor Bayron vorrei dire che siamo sempre alla ricerca di nuovi, coraggiosi agenti, si faccia avanti. -Alla signora Botta invece vorrei dire che se per lei i codardi stanno ben piu' in alto della nostra categoria, non sono nella posizione buona per risponderle, se invece parlava di noi, diamoci appuntamento e me lo dica in faccia. Ossequi, un agente del treno
Zarco 7 mesi fa su tio
Per me giusto che non si sappia tutto ! Che colpa ne hanno loro , se ai treni non funziona qualcosa ? qui c’è gente che scrive , senza conoscere le problematiche ! Ovviamente, facile parlare e non esserne toccati.....
KH Hamadani 7 mesi fa su fb
Che splendida idea: e si é pensato a un codice a barre come se fossero oggetti? O a marchiarli come buoi? Ancora una volta le ffs l'hanno fatta fuori dal vaso
Mara Athena 7 mesi fa su fb
Si parla di sicurezza , di persone che lavorano e rischiano a causa di malumori che riversano gli utenti nei confronti delle FFS, e si pensa di rispondere o polemizzare le stesse FFS per disservizi o altro ... Non mi meraviglio il mondo stia degenerando . Ringrazio tutti i lavoratori attivi nel servizio , che ogni giorno devono vivere o subire situazioni difficili e tanta maleducazione .
Cristina Botta 7 mesi fa su fb
Codardi, mettete apposto prima gli altri importanti problemi delle FFS
Dani Pons 7 mesi fa su fb
Cristina e ne hanno di altri problemi,tanti....
Dani Pons 7 mesi fa su fb
Son diventati peggio di carri bestiame i treni delle FFS😬
Brenno Arcara 7 mesi fa su fb
Cristina Botta indipendentemente da quali siano gli altri problemi la sicurezza di una persona è a mio avviso di massima priorità.
gigipippa 7 mesi fa su tio
Se aiutassero le persone che usano I mezzi pubblici, non avrebbero nulla da temere.
Mattiatr 7 mesi fa su tio
@gigipippa Il controllore è sempre esistito, solo che oggi al posto di buttarti giù dal treno ti fanno una multa. Cosa secondo me giusta, visto che per chi non paga basterebbe aspettare il treno successivo per continuare il viaggio senza problemi. Per quanto riguarda l'aiutare la clientela c'è ben poco da fare, se c'è bisogno loro sono a disposizione, ma le pecche delle FFS mica le possono risolvere. A meno che abbiano il potere di creare i treni. In ogni caso sono lavoratori e quindi svolgono il compito a loro assegnato, come noi tutti.
Bayron 7 mesi fa su tio
Hanno paura... che cambino il lavoro
Michel Fedier 7 mesi fa su fb
Una volta questo non era un problema perchè il servizio funzionava a dovere... ma ora il disservizio è una voragine con quello che costano i biglietti
Renzo Lucini 7 mesi fa su fb
Michel Fedier questo non giustifica chi se la prende personalmente con un dipendente, che sta verosimilmente cercando di fare il suo lavoro al meglio e a cui non si dovrebbero attribuire colpe non sue
Michel Fedier 7 mesi fa su fb
Renzo Lucini su questo hai ragione ... non dico che bisogna prendersela con il personale a bordo o prendere il loro nome per attaccarli personalmente essendo non colpa loro...
skorpio 7 mesi fa su tio
coda di paglia
Mag 7 mesi fa su tio
Invece di migliorare il servizio si cercano modi per evitare "ritorsioni" sugli operatori del servizio; ergo: è una confessione della completa mancanza di volontà di sistemare e migliorare il servizio (e questo sebbene i prezzi aumentino continuamente di anno in anno). In una società normale, detta quanto sopra, andrebbero tutti licenziati in tronco, anche solo per il danno d'immagine.
Mrazek 7 mesi fa su tio
@Mag O forse al giorno d’oggi se fanno una multa ad un viaggiatore in torto, questo è capace di andare a cercare i tuoi dati e venirti a cercare? E la risposta vale anche per il Sig. Milani.
gp46 7 mesi fa su tio
@Mag Questa proposta viene da una collega che lavora sul treno, non dalle alte sfere aziendali..
Maxy70 7 mesi fa su tio
Pienamente d'accordo, un numero di servizio permette l'identificazione come pure eventuali reclami, salvaguardando la privacy della famiglia.
Alessandro Milani 7 mesi fa su fb
Il nome ci deve essere xchè se devo reclamare con qualcuno devo avere 1 nome....devo conoscere con chi parlo ecc ecc..a meno che nn si abbia la coscenza sporca....
Simon James Wachter 7 mesi fa su fb
Alessandro Milani per quello si propone il numero personale😊
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
11 ore
«Il trasferimento degli uffici a Cornaredo è una condanna a morte»
Gli esercenti del centro ritornano a discutere sul nuovo quartiere, in tempi di Covid
FOTO
CANTONE
12 ore
"Verso l'ospedale senza fumo", anche a Bellinzona
Nella "Giornata mondiale senza tabacco", l’Ospedale Regionale Bellinzona e Valli offre un contributo concreto
FOTO E SONDAGGIO
LUGANO
14 ore
Biciclette alla conquista delle corsie bus
A Lugano è in corso la posa della nuova segnaletica per le due ruote
FOTO
BELLINZONA
16 ore
Il mercato di Bellinzona ha messo la mascherina
Oggi ne sono state distribuite agli avventori che non ne erano provvisti: si tratta di una misura prevista dalla Città
CONFINE
19 ore
«L'Italia non è un lazzaretto»
Lo dice il ministro degli esteri Di Maio. Dal 3 giugno si potrà entrare nel paese senza quarantena
CANTONE
20 ore
Coronavirus: zero contagi e nessun nuovo decesso in Ticino
I dati sull'evoluzione dell'epidemia si confermano incoraggianti.
CANTONE
21 ore
Apprendistato: qui i posti ci sono
In settimane delicate per chi cerca la propria strada, ci sono due settori che assicurano opportunità «affascinanti».
AGNO
1 gior
«Galleria della circonvallazione: occhio che frana tutto»
Secondo il municipale Giancarlo Seitz il futuro tunnel andrà a toccare un pendio già instabile
MENDRISIO
1 gior
Orario ridotto al pronto soccorso pediatrico? «Frutto di un'inesatta comunicazione interna»
L'EOC ha precisato che la riduzione degli orari di apertura è stata valutata, ma non è mai entrata in vigore.
LUGANO
1 gior
La frontiera del sesso
Elena racconta come si immagina la riapertura dei locali erotici
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile