tipress
LOSONE
15.10.19 - 21:310
Aggiornamento : 16.10.19 - 23:33

L'azienda riduce le paghe a 45 dipendenti

L'industria orologiera rallenta in Ticino. La misura temporanea alla Multitime di Losone: «Altrimenti avremmo dovuto licenziare»

LOSONE - Gli orologi ticinesi corrono un po' più lenti. Quelli della Multitime di Losone, vanno addirittura indietro. I dipendenti dell'azienda da alcune settimane lavorano con orario – e salario – ridotto: una misura straordinaria concessa dalla Sezione del lavoro per evitare licenziamenti, e che tocca 45 lavoratori su 280. Il motivo? Ha a che fare con dei problemi di "ordine pubblico" a 9.300 km di distanza. 

Le proteste che infiammano Hong Kong da questa estate hanno toccato da vicino – nonostante la lontananza –  l'industria orologiera nostrana. La città cinese è la principale piazza asiatica per i beni di lusso elvetici: a luglio un calo di utili era stato annunciato – tra gli altri – dal gruppo Swatch, uno dei clienti principali della Multitime. 

L'azienda si dice «molto dispiaciuta». La misura «è stata adottata unicamente per salvaguardare i posti di lavoro» spiega la direttrice Marianne Pandiscia. «Contiamo di poterla revocare presto. Siamo fiduciosi, ma la situazione non è rosea».

Il rallentamento è condiviso da tutto il settore: lo conferma il presidente dell'associazione dell'industria orologiera, l'Atio, Oliviero Pesenti. La causa non sono solo le sommosse di Hong Kong: «La congiuntura geo-politica in generale è sfavorevole» spiega l'imprenditore. «La guerra dei dazi tra Usa e Cina, il processo della Brexit sono elementi che contribuiscono a determinare un quadro di grande incertezza». 

A farne le spese sarebbero soprattutto i produttori di gamma medio-bassa. In Ticino sono una trentina le aziende del settore, per un totale di circa 3mila dipendenti (in diminuzione costante negli ultimi anni). «Tutte stanno stringendo i denti» avverte il presidente dell'Atio. Anche se il caso della Multitime è – per ora – unico. «Tagliare sul personale è ovviamente l'ultima spiaggia. Per evitarlo, molte aziende stanno investendo e cambiando il loro assetto, verso una maggiore flessibilità». In attesa di tempi – e orari – migliori.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
1 ora
Meglio la calca, o una multa da 90 franchi?
Per evitare i bus pieni, alcuni studenti del Cpt di Trevano optano per l'auto. Ma anche qui i problemi non mancano
FOTO E VIDEO
QUARTINO
3 ore
Fiamme in una carrozzeria: un operaio ricoverato
Il rogo è divampato attorno alle 18.30 in via Mondette. Ingenti i danni alla struttura
CANTONE
4 ore
«Sindaci ticinesi, uscite dal buco»
Giovanni Cossi, presidente della Conferenza dei sindaci del Malcantone, lancia un appello: «Salviamo il Cantone».
CANTONE
5 ore
Gastroticino: «Grazie Governo»
Soddisfatti bar e ristoranti per le scelte del Consiglio di Stato: «Così possiamo lavorare»
CANTONE
5 ore
Covid: scatta l'obbligo della mascherina all'aperto
La protezione sarà da adottare laddove le distanze non possono essere mantenute, in particolar modo nei mercati.
CANTONE
8 ore
Fregati dalla solitudine e dal bisogno di affetto
Col Covid-19 aumentano i rischi di truffe amorose. Il ricercatore Luca Brunoni si è trasformato in esca.
CANTONE
11 ore
Quando gli applausi non bastano più
Al via la settimana di protesta per migliori condizioni per gli operatori sociosanitari
CANTONE
12 ore
Una classe in quarantena al Liceo di Lugano 2
Ieri la misura era stata decisa anche per allievi della Scuola cantonale di commercio
CANTONE
12 ore
Coronavirus in Ticino: altri 147 contagi e 15 ricoveri in 24 ore
Negli ospedali ticinesi sono attualmente ricoverate 80 persone positive al coronavirus.
CANTONE
13 ore
Anche il Ticino avrà il suo rumorometro
È iniziata negli scorsi giorni la sperimentazione del congegno che informerà sul livello di rumore generato dai veicoli.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile