foto tio.ch/20min
LUGANO
14.10.19 - 09:210
Aggiornamento : 11:48

Lavorereste così, a sette piani dal suolo?

In Ticino gli infortuni sul lavoro sono il calo. Ma quelli più gravi, tra cui le cadute dall'alto, restano un problema

LUGANO - A strapiombo sulla strada. Sotto, un dislivello di sette piani. L'operaio maneggia un trapano, il compagno – senza protezioni – lo tiene con una corda. Non è la foto cult degli operai in pausa pranzo sul Rockfeller Center. Ma a modo suo lo scatto, che immortala un gruppo di carpentieri al lavoro su un tetto di Massagno, è emblematico. 

Infortuni in calo - Gli incidenti professionali sono in calo in Ticino: quelli coperti dalla Suva sono passati da 8030 nel 2014, a 7677 l'anno scorso. Il miglioramento riguarda anche i cantieri edili: da 203 infortuni ogni mille addetti nel 2011, si è scesi a 179. «I lavoratori sono maggiormente sensibilizzati, merito anche delle campagne di formazione svolte negli anni» spiega la portavoce Regina Pinna-Marfurt. Le statistiche mostrano che «la maggioranza degli infortuni gravi sono evitabili con le opportune precauzioni».  

Cadute letali - Il problema è che i miglioramenti si sono ottenuti «soprattutto per gli incidenti leggeri e le bagatelle» precisa il direttore della Società impresa e costruttori (Ssic) Nicola Bagnovini. «Gli infortuni letali o con danni permanenti sono più difficili da contrastare». Secondo le statistiche svizzere, uno su tre è dovuto proprio a una caduta dall'alto.

«Sicurezza al primo posto» - Il tetto di Massagno è solo uno dei tanti, in cui lo sprezzo del pericolo diventa norma. Gli operai – ha spiegato a tio/20minuti il titolare dell'impresa – «stavano eseguendo un lavoro delicato in condizioni difficili». Si spingono sul cornicione «a proprio rischio e pericolo, non avrebbero dovuto» sottolinea il titolare. Sul tetto manca il cavo salvavita a cui assicurarsi. «A volte bisogna arrangiarsi, ma come azienda mettiamo la sicurezza al primo posto». 

Abitudine o necessità? - La colpa è a monte, si schermisce l'imprenditore. «I margini nel settore sono sempre più rosicati, e costringono tante aziende a lavorare di corsa». Per Bagnovini è piuttosto una questione di cultura: «A volte basterebbero piccoli accorgimenti. Ma certe abitudini lavorative sono difficili da sradicare». Secondo Dario Cadenazzi, responsabile Unia per l'edilizia, il fattore tempo è invece determinante: «Quando i lavoratori sono incalzati, una delle prime cose su cui sorvolano è la sicurezza» spiega il sindacalista. «Molti fanno fatica a dire "stop”». Poi a rischiare di cadere giù, come le statistiche della Suva, sono loro. 

foto tio.ch/20min
Ingrandisci l'immagine
Commenti
 
albertolupo 1 mese fa su tio
basterebbe lavorare con una gru e il suo bel cestello ...solo che costa...
gigipippa 1 mese fa su tio
Ma anche chi progetta uno stabile potrebbe pensare alle manutenzioni.
TI.CH 1 mese fa su tio
Incoscienza - lazzaronite per preparare le protezioni - fiato sul collo dei datori di lavoro o dei capi che dicono che si perde tempo - paura di perdere il posto di lavoro se reclamano-troppo pochi controlli.
Marco Seregni Giardiniere 1 mese fa su fb
Ma lo sappiamo tutti che sporgersi dai balconi è pericoloso!
UnPassoIndietro 1 mese fa su tio
Imbrgatura + corda da arrampicata + qualche moschettone....200 franchi (anche meno) e qualche goccia di sudore freddo si può risparmiare. In altre aziende devi mettere il casco anche solo per andare al cesso... incoerenza totale!
Tato50 1 mese fa su tio
Dipende da quanti anni ha la corda ;-))) Facendo le dovute proporzioni al TG 2 di ieri hanno detto che in 10 anni ci sono stati 17'000 morti sul posto di lavoro in Italia. Da noi, nel 2018, sono stati 55, già troppi per una piccola Nazione ! Nel caso in oggetto, vista la foto, non mi sembra che il tipo che tiene la corda sia pronto in caso di caduta del collega. Forse, come dice SosPettOso ci sarebbero altri modi per far "sicurezza" !!
mats70 1 mese fa su tio
Visto che siamo il paese delle multe, via una bella multa alla ditta..
Cla Gia 1 mese fa su fb
Questo fotografo non sa più cosa fotografare!! Certo che le protezioni si montano da sole
Iris Turri 1 mese fa su fb
Neanche per sogno🤭
Morgan Rosarno 1 mese fa su fb
https://www.linkedin.com/pulse/sicurezza-sui-cantieri-sempre-pi%C3%B9-basso-morgan-rosarno/
Morgan Rosarno 1 mese fa su fb
La sicurezza va messa sempre prima di ogni lavoro e di ogni datore di lavoro. Si ha l'obbligo di dire STOP in caso di non sicurezza
SosPettOso 1 mese fa su tio
"...ma come azienda mettiamo la sicurezza al primo posto..." Che tipo di sicurezza? Quella economica del titolare? Anche se non c'è il cavo salvavita basterebbe far passare la corda attorno alla gabbia dell'ascensore...
Ben8 1 mese fa su tio
E come dovrebbero farlo?
negang 1 mese fa su tio
@Ben8 Magari mettendo un ponteggio dal basso. Chiaro che costa .. oppure lavorando con delle piattaforme idrauliche sempre che arrivino fino a quella altezza, Poi pero' il rifacimento del tetto ti costa il doppio .
Aki Gozzi 1 mese fa su fb
Comunque il casco se cadi da li serve a ben poco e visto che sono sul tetto, potrebbe servire a proteggerti dalle cagate degli uccelli.Poi che si possa fare meglio è possibile.
ctu67 1 mese fa su tio
io abbatterei il palazzo e lo rifarei da nuovo !!!
Andres David 1 mese fa su fb
No
Maria Walther 1 mese fa su fb
Si, non è per tutti. Ma, se guardiamo i documentari di come hanno costruito i grattaceli di NY, questa immagine... lasciamo perdere.
Giacomo Fera 1 mese fa su fb
Abbiam fatto di peggio
Val Caste 1 mese fa su fb
Ho visto di peggio 🌿🌿🌿🍂
curziocurzio 1 mese fa su tio
Ma dalla foto si vede che sono installatori di ponteggi e stanno montando le protezioni laterarali di un ponteggio da tetto, per poi eseguire il rifacimento del tetto in sicurezza.
negang 1 mese fa su tio
@curziocurzio Si ma magari si puo' montare le protezioni in modo piu' normale . .per ex usando una piattaforma idraulica e lavorando non a testa in giu' con in mano un pesante trapano ..
Naty RD 1 mese fa su fb
Dovrebbero lavorare in totale sicurezza, prendendo tutti gli accorgimenti possibili.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
La rivelazione shock del padre: «Toccarmi con mia figlia era diventata un'esclusiva»
Processo alla coppia dell'orrore. Il 50enne, che abbelliva i filmati hard con effetti speciali e colonne sonore, gioca a nascondino col giudice. Intanto emerge che la madre era gelosa della ragazza
FOTO E VIDEO
CHIASSO
2 ore
Tamponamento in via Rampa, conducente ferita
L'incidente è avvenuto attorno alle 10 di questa mattina. Sul posto soccorsi e polizia
LUGANO
2 ore
«I nostri figli in quei momenti erano oggetti al servizio della coppia»
Si apre il processo nei confronti dei due genitori del Bellinzonese che per anni avrebbero abusato sessualmente dei loro ragazzi. Filmando spesso le folli gesta. Ammissioni shock da parte della mamma
POSCHIAVO (GR)
3 ore
In Italia è polemica sulla pasta poschiavina
Coldiretti, l'associazione italiana degli agricoltori, si è imbestialita dopo un servizio televisivo su un pastificio grigionese
CANTONE
5 ore
Torna la neve: allerta di livello 4 nel Sopraceneri
Forti nevicate in arrivo tra domani e venerdì. Limite in calo fino a 200 metri nei distretti più a nord
LUGANO
7 ore
Come è facile ordinare sushi "di contrabbando" dall'Italia
Boom di ticinesi nei ristoranti oltre confine. E alcuni non disdegnano le consegne di pasti a domicilio: in barba alle regole doganali. Abbiamo fatto un test
CANTONE
14 ore
Una petizione per salvare i bus per Malpensa
È stata lanciata un paio di giorni fa in vista dell'interruzione dei collegamenti su gomma prevista per la fine di quest'anno
ORSELINA
18 ore
«Con l'omeopatia seguiamo il malato di cancro»
Serata speciale domani 13 novembre alla Clinica Santa Croce. Il direttore Dario Spinedi: «Dopo 23 anni, vi raccontiamo cosa abbiamo fatto»
LUGANO
19 ore
Su terra ferma, ma si pattinerà su ghiaccio a Natale in Città
L’idea della pista sul lago è stata rinviata al 2020 per allestire la perizia idro-geologica. «Da un pool di sponsor 300mila franchi per un evento di qualità e sociale» rivela Stefano Artioli
MENDRISIO/LUGANO
20 ore
Malore sul treno: «Nessuno ha chiamato i soccorsi»
Le FFS fanno chiarezza sull'episodio di questa mattina. E assicurano: l'affollamento del TiLo era «una situazione del tutto eccezionale»
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile