TIpress
+3
BELLINZONA
12.10.19 - 16:290
Aggiornamento : 18:25

Oltre 200 persone per la pace in Siria: «Fermiamo Erdogan»

La manifestazione, svoltasi nella calma e senza incidenti di rilievo, è andata in scena questo pomeriggio nelle strade della capitale: «Ci opponiamo all'aggressione immotivata al popolo curdo»

BELLINZONA - È partito puntuale alle 15.00 dalla Posta di Bellinzona, il Corteo - organizzato dalla Comunità curda, da quella siriaca e dal Comitato ticinese per la ricostruzione di Kobane -  per opporsi «all'aggressione perpetrata dall'esercito turco» ai popoli del Nord-Est della Siria.

Alla manifestazione - svoltasi nella calma e senza incidenti di rilievo - hanno partecipato tra le 200 e le 250 persone. Tra di loro anche membri del ForumAlternativo, dei Verdi, del Partito Socialista, del Movimento per il socialismo del gruppo Io l'8ognigiorno e del Csoa il Molino. Tutti uniti per dare voce a chi non ce l'ha. Tutti uniti per denunciare «un'aggressione immotivata» al popolo curdo. «Fermiamo la guerra, fermiamo Erdogan».

Questi i messaggi lanciati dai manifestanti che hanno sfilato lungo le strade della Capitale. Manifestanti che non hanno esitato a contestare ferocemente il presidente turco. «Erdogan assassino. Terrorista. Fascista», questi i cori più urlati durante il corteo. 

Gli organizzatori invitano le comunità internazionali e le organizzazioni della società civile di tutto il mondo «ad agire immediatamente contro l'invasione del Nord-Est della Siria da parte dello Stato turco». Una guerra che ha già provocato le prime vittime tra i civili e che secondo gli organizzatori potrebbe dare nuova linfa «alla rinascita dell'ISIS». «L'invasione delle truppe turche - viene specificato in un volantino - creerà i presupposti per rianimare il gruppo jihadista» che tornerà ad essere una volta di più «una minaccia per l'intero Medio Oriente, l'Europa e il Mondo, causando morti e distruzioni indicibili e costringendo milioni di persone a fuggire dalle loro case e diventare rifugiati».

Manifestazione anche a Zurigo - Diverse migliaia di persone - per la maggior parte curdi di Svizzera e simpatizzanti - hanno partecipato questo pomeriggio a Zurigo a una manifestazione di protesta contro l'offensiva turca nel nord della Siria. I partecipanti si sono radunati verso le 15.00 nel centro storico della città sulla Limmat e hanno inscenato un corteo per le vie di Zurigo accompagnato da fischi e musica popolare curda. Il motto della manifestazione era «No alla guerra nel nord - e nell'est della Siria!». I dimostranti ha scandito anche slogan del tipo «Esercito turco fuori dal Kurdistan», «Erdogan - Terrorista» e «Stop al terrore». Stando alla polizia zurighese, non vi sono stati disordini.

Tipress
Guarda tutte le 7 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
10 ore
«Il trasferimento degli uffici a Cornaredo è una condanna a morte»
Gli esercenti del centro ritornano a discutere sul nuovo quartiere, in tempi di Covid
FOTO
CANTONE
11 ore
"Verso l'ospedale senza fumo", anche a Bellinzona
Nella "Giornata mondiale senza tabacco", l’Ospedale Regionale Bellinzona e Valli offre un contributo concreto
FOTO E SONDAGGIO
LUGANO
13 ore
Biciclette alla conquista delle corsie bus
A Lugano è in corso la posa della nuova segnaletica per le due ruote
FOTO
BELLINZONA
15 ore
Il mercato di Bellinzona ha messo la mascherina
Oggi ne sono state distribuite agli avventori che non ne erano provvisti: si tratta di una misura prevista dalla Città
CONFINE
18 ore
«L'Italia non è un lazzaretto»
Lo dice il ministro degli esteri Di Maio. Dal 3 giugno si potrà entrare nel paese senza quarantena
CANTONE
19 ore
Coronavirus: zero contagi e nessun nuovo decesso in Ticino
I dati sull'evoluzione dell'epidemia si confermano incoraggianti.
CANTONE
21 ore
Apprendistato: qui i posti ci sono
In settimane delicate per chi cerca la propria strada, ci sono due settori che assicurano opportunità «affascinanti».
AGNO
1 gior
«Galleria della circonvallazione: occhio che frana tutto»
Secondo il municipale Giancarlo Seitz il futuro tunnel andrà a toccare un pendio già instabile
MENDRISIO
1 gior
Orario ridotto al pronto soccorso pediatrico? «Frutto di un'inesatta comunicazione interna»
L'EOC ha precisato che la riduzione degli orari di apertura è stata valutata, ma non è mai entrata in vigore.
LUGANO
1 gior
La frontiera del sesso
Elena racconta come si immagina la riapertura dei locali erotici
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile