TiPress - foto d'archivio
LUGANO
04.10.19 - 16:200

Bimbi non allacciati e soste illecite, ma nei pressi delle scuole c'è sicurezza

Sono positivi i risultati dell'operazione "Bimbi sicuri" della polizia cittadina. Serve più attenzione nel concedere la precedenza ai pedoni sulle strisce pedonali

LUGANO - In prossimità delle scuole la maggioranza degli utenti della strada si muove con prudenza, rispetta i limiti di velocità e le norme di sicurezza. È un dato positivo quello che emerge dal consuntivo dell'operazione "BIMBI SICURI" promossa dalla Polizia della Città di Lugano nel corso del mese di settembre (per l'inizio della scuola).

Controlli radar - A inizio anno scolastico i genitori dei 3'650 allievi luganesi hanno ricevuto una circolare con i consigli della polizia. Parallelamente, sulle strade in prossimità delle sedi scolastiche, sono stati organizzati dei controlli radar sia durante la settimana che precede l'inizio delle scuole, che durante la prima settimana del nuovo anno scolastico. Complessivamente sono stati organizzati 17 controlli, durante i quali è stata misurata la velocità di 5'147 veicoli. Sono 276 le infrazioni rilevate (il 5.4% del numero complessivo di veicoli registrati) e solo in 4 casi la velocità è stata "degna di nota" e soggetta a procedura diversa da quella della multa disciplinare.

Gilet giallo - Durante il primo giorno di scuola agli allievi della prima elementare è stata consegnata una pettorina "gilet" per renderli ben visibili sul percorso casa-scuola. Gli istruttori del traffico della Polizia Città di Lugano hanno inoltre incontrato, in 21 sedi scolastiche, 30 classi di prima elementare. A 502 bambini è stato fornito un opuscolo informativo sul percorso casa-scuola e un pacchetto di caramelle con i consigli per muoversi in sicurezza sulle strade.

Seggiolino, parcheggi e precedenza sulle strisce - Non va poi dimenticata l'azione di prossimità degli agenti di quartiere vicino ai centri scolastici. Quelli ingaggiati sono stati 15, più 2 assistenti di polizia, per un totale di 36 posti di controllo e 210 ore di servizio. Durante i controlli sono stati constatati vari comportamenti inadeguati/illeciti e notificati alle persone interessate. Si è trattato di 43 bambini non debitamente allacciati al seggiolino, 43 soste illecite di vetture, 11 mancate precedenze ai pedoni sui passaggi pedonali e 29 attraversamenti fuori dalle strisce pedonali (allievi e/o genitori).

Durante la prima settimana, gli agenti si sono limitati a educare le persone che avevano commesso le infrazioni, informandole riguardo al comportamento corretto e più sicuro da adottare. Nella seconda settimana, le infrazioni ("radicalmente diminuite") sono state sanzionate: 5 soste illecite e 7 bambini non allacciati.

Rinforzi per l'istruzione - Di recente il Comando ha rinforzato il servizio di istruzione e destinato agli allievi, che può ora contare su due unità a tempo pieno. Si tratta del sergente capo Claudio Mastroianni, responsabile, e del nuovo istruttore, appuntato Patrick Brühwiler, che durante l'anno scolastico incontreranno oltre 3'600 allievi delle scuole cittadine per insegnare loro il corretto comportamento sulla strada.

L'operazione "BIMBI SICURI" è stata portata avanti in sintonia con la campagna nazionale per un percorso casa-scuola sicuro, denominata "Attenzione, i bambini sono imprevedibili" (e consultabile sul sito https://www.doppia-prudenza.ch/ ), elaborata dall'Ufficio prevenzione incidenti, con la partecipazione del Fondo prevenzione incidenti e delle polizie svizzere. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
4 min
Maltrattamenti sui bambini, in dieci mesi 14 "casi importanti"
Trent'anni fa la Convenzione Onu sui diritti del fanciullo. L'associazione Telefono Sos Infanzia si occupa di loro: «Dietro a una telefonata c’è un minore che soffre»
LOCARNO
7 ore
Nevicate che sanno di beffa per Cardada
Vista la meteo di questi giorni, qualche rimpianto per la chiusura degli impianti c’è. «Ma un anno in più non avrebbe fatto la differenza», spiega il locale Sci Club
SONDAGGIO
CANTONE
10 ore
Acquisti online tabù: «I regali comprateli in Ticino»
L’appello della Federcommercio in vista del Natale. La presidente Lorenza Sommaruga: «Non vogliamo demonizzare nessuno. Però tanti piccoli negozi sono a rischio chiusura»
CANTONE
12 ore
Vent’anni di prigione, e l’espulsione dalla Svizzera
È la pena esemplare proposta dalla Procura per il 56enne che, due anni fa, uccise la moglie all’autosilo di Ascona
CANTONE / CONFINE
13 ore
Ticinesi nei boschi per la droga, fermato l'ennesimo traffico
Un anno di pedinamenti, mezzi aerei e diverse auto per porre un freno allo spaccio in quel del Parco Pineta
CANTONE
13 ore
In aula va in scena il video dell'uccisione, e scoppia il dolore
Nella requisitoria, il Pp Moreno Capella ha ricostruito il «calvario» della donna uccisa all’autosilo di Ascona. Critiche dalla Procura alla polizia
CANTONE
14 ore
Ballottaggio per gli Stati: «La RSI non c’era»
La critica del Consiglio del pubblico della CORSI: «C'era voglia di informazione». Quindi le scuse: «Terremo conto delle osservazioni per migliorare»
CANTONE
15 ore
«Mikron? La loro è irresponsabilità sociale»
L'MPS punta il dito contro il Cantone definendolo complice dei licenziamenti «con la sua politica di sgravi fiscali»
CANTONE
17 ore
La "prova" del tradimento? «Un herpes sulle labbra»
Emergono nuovi particolari dal processo al 56enne che, nel giugno 2017, uccise a colpi di pistola la moglie in un autosilo ad Ascona
CANTONE
18 ore
«Non è possibile quantificare esattamente i tagli»
Il responsabile delle finanze di Mikron ha commentato la notizia dei 25 licenziamenti annunciati ad Agno. Senza sbilanciarsi: «Dipenderà dall'evoluzione delle commesse nei prossimi mesi»
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile