CANTONE
03.10.19 - 07:550
Aggiornamento : 12:52

Mettono i turisti nella cantina di casa: «È in regola, e piace»

Una coppia del Sopraceneri ha creato una stanza d'albergo nello scantinato. Intanto il Cantone e Ticino Turismo vogliono aumentare i controlli su Airbnb

BELLINZONA - «Avevamo una cantina inutilizzata, e ci siamo detti: perché no?». Su Airbnb si trova di tutto: case sugli alberi, igloo, vagoni letto, mulini a vento. Da un capo all'altro del globo, i turisti amano sperimentare gli alloggi più strani. E zoomando sul Lago Maggiore ci si imbatte in quella che, al momento, è senz'altro la stanza in affitto più strana del Ticino.

La trovata ticinese - Una coppia del Sopraceneri ha trasformato la cantina di casa in una stanza d'albergo in piena regola. Tipica volta a botte, pareti in calce e mattoni a vista, pavimento di ghiaia. Insomma un "grottino" che al posto di vini e vivande ospita viaggiatori da tutto il mondo. «Abbiamo iniziato questa estate» racconta la padrona di casa, che tiene a restare anonima. «Abbiamo chiuso l'esperienza estiva con un successo inaspettato». Le recensioni (una settantina) sono entusiaste, da fare invidia a un hotel stellato.

Boom di affittacamere - Per gli albergatori fai-da-te è un momento d'oro, in Ticino. Quelli che hanno affittato case su Airbnb – o stanze di casa propria – sono stati 2’828 l'anno scorso, per un incasso di circa 32 milioni di franchi. Tanto da attirare l'attenzione del Cantone. Ad aprile il governo ha licenziato un messaggio per regolamentare di più il settore. Cosa si può affittare, e cosa no? E come? «Noi siamo in regola» assicurano gli ideatori . «Abbiamo realizzato i servizi, tranne la doccia. E paghiamo le tasse dovute».

Controlli da potenziare - Per il Cantone, però, è «probabile» che una parte degli affittacamere ticinesi non facciano altrettanto. Delle tasse di soggiorno incassate l'anno scorso (1,5 milioni di franchi) non è noto quante provengano da Airbnb. A vigilare sono gli Enti turistici, con multe salate (fino a 10mila franchi) per chi trasgredisce: ma i mezzi di controllo sono scarsi.

Un nuovo sistema? - «Il numero di affittacamere privati è cresciuto molto negli ultimi anni» conferma Angelo Trotta, direttore di Ticino Turismo.  «Una maggiore regolamentazione dovrebbe facilitare i controlli, e abbiamo lavorato molto sull'informazione alla popolazione». Ora il progetto del Cantone è di introdurre dei numeri identificativi per ogni annuncio pubblicato online, come avviene ad esempio in Lombardia. Per la cantinetta sul Lago Maggiore non dovrebbe cambiare molto. «Siamo molto soddisfatti e valuteremo se rifarlo l'estate prossima» spiegano i proprietari. «Dipenderà molto dal carico burocratico».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
klich69 1 anno fa su tio
Trovi meno germi e possibilità d’impestarti nei fienili che negli alberghi che paghi caro prezzo in tutti i sensi. Al governo interessa solamente i soldi da prendere dal cittadino da consegnare a 90 gradi alla ue,
Meno 1 anno fa su tio
È in regola? Ne dubito che una cantina quindi con illuminazione assente o scarsa (piccole finestre in alto o pozzi di luce) dubito che sia "abitabile" e quindi utilizzabile come camera.... se fanno un controllo rischiano che glielo proibiscono.
sipial 1 anno fa su tio
Ci sono turisti che dormono nei fienili; allergie a parte forse sono preferibili alle cantine.
Fran 1 anno fa su tio
Fanno benissimo. Air bnb tutta la vita. A Parigi abbiamo conosciuto delle persone giovani (un musicista e una pittrice) squisite! Tornerò altre volta da loro. Molto più personale e arricchente di un albergo qualsiasi.
GI 1 anno fa su tio
come la mettiamo con l'areazione.....oltre che l'igiene....assenza di pavimento....tutto dichiarato ??
matteo2006 1 anno fa su tio
Mi sembra corretto ma è altra burocrazia che si aggiunge con sicuri altri costi. Regolamentazione e burocrazia per fare più controlli è come mettere il radar 30 metri prima del cartello e definirla prevenzione.
tip75 1 anno fa su tio
ticinoturismo e il cantone si preoccupano....beh facessero una riflessione su quanto tassano chi ha qualcosa anche se non lo usa magari si eviterebbero certi stratagemmi necessari per campare o no?insomma i ticinesi non possono continuare a raschiare il fondo del barile vuoto
comp61 1 anno fa su tio
Non credo che queste offerte rubino clienti agli alberghi
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
49 min
C'è troppo smog: velocità ridotta in tutto il Sottoceneri
Gli 80 km/h entreranno in vigore alle 13.30 e riguarderanno l'A2 fra Rivera e Chiasso e l'A394 fra Mendrisio e Stabio.
BELLINZONA
1 ora
Violenta rissa a Giubiasco, fermati sei giovani
Un 21enne è stato ferito in modo grave alla testa con un oggetto contundente. Ferite più leggere per altre tre persone.
CANTONE
1 ora
Covid: 52 positivi, ma nessuna vittima
Nelle ultime ventiquattro ore sono state ricoverate 5 persone. Quattro, invece, sono state dimesse
CANTONE
2 ore
«Lo sballo da farmaci ha ucciso mio figlio»
Dal dramma, lo slancio per aiutare gli altri: «Tante vite possono essere salvate»
CANTONE
3 ore
I 366 giorni di coronavirus del dottor Christian Garzoni
Il direttore sanitario della Clinica Luganese di Moncucco ricorda il 25 febbraio di un anno fa e il primo paziente Covid
CANTONE
5 ore
I media di fronte alla novità del coronavirus
L'esperto: «È stato fatto un buon lavoro, senza allarmismo ma nemmeno banalizzazione»
FOTO
CANTONE
5 ore
Un anno di pandemia
Il 25 febbraio 2020 venne segnalato il primo caso di coronavirus in Ticino (e in Svizzera).
CANTONE
14 ore
In Ticino è come se fosse morto un piccolo paese
Il Covid ha creato un "buco" nelle statistiche demografiche: 857 decessi in più in un anno.
CANTONE
16 ore
«Aprire le terrazze? Creerebbe tensioni»
Massimo Suter deluso dalla decisione del Consiglio Federale. E anche dalla prospettiva di una riapertura "a metà"
CANTONE
18 ore
«Non vogliamo una Pasqua come quella del 2020»
Norman Gobbi, presidente del Consiglio di Stato ticinese, ospite di Piazza Ticino. Guarda il video.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile