tipress
LUGANO
04.10.19 - 06:050
Aggiornamento : 09:31

Una famiglia, tre assicurazioni: «Ma nessuno ci paga»

Un padre del Luganese allo stremo dopo un anno di ping-pong assicurativo. «Affondiamo nei debiti». E sullo sfondo, è polemica sulle casse malati

LUGANO - Tre assicurazioni. Una rendita che nessuno vuole pagare. E una famiglia costretta, dopo un anno di ping-pong, a indebitarsi per sopravvivere. È una delle tante storie che si perdono nella bufera dei numeri, mentre i premi delle casse malati continuano a salire in Ticino. L'ennesimo aumento (del 2,5 per cento) ha scatenato un braccio di ferro tra Dss e Confederazione, con tre iniziative cantonali sul tavolo. 

Intanto è finito sui social il braccio di ferro – estenuante, perso in partenza – tra ben tre assicurazioni e un padre di Lugano, con moglie e tre figli minori a carico. La vicenda è stata condivisa in forma anonima su Facebook da famigliari, conoscenti, e anche qualche consigliere comunale. Tutto inizia a ottobre scorso: l'uomo viene operato per un problema alla spalla destra, riceve una protesi ed è dichiarato inabile al lavoro. «Da un giorno all'altro la mia vita è stata stravolta» ha raccontato l'uomo a tio/20minuti. «Ma pensavo di avere un paracadute». 

I periti entrano in gioco: quelli della Suva, dell'assicurazione malattia (Allianz), persino dell'assicurazione militare. E a colpi di rapporti e perizie, si rimbalzano la responsabilità di indennizzare la famiglia per la perdita di guadagno. Il ping-pong dura dodici mesi, e non si è ancora concluso. «Abbiamo dovuto dar fondo ai risparmi, contrarre debiti, smettere di pagare i premi e l'affitto. E' una situazione terribile» spiega il genitore, che dal mese scorso è indennizzato solo in parte (2500 franchi al mese, il 40 per cento del vecchio salario) dall'assicurazione militare. Il resto? Non pervenuto. 

La cassa malati si schermisce, la Suva tace. «Per legge non entriamo nel merito di casi specifici» spiega la portavoce Regina Pinna-Marfurt. L'inghippo ha a che fare con l'origine dell'operazione chirurgica: per l'assicurazione infortuni è «una malattia», o almeno così riferisce l'assicurato. «Un infortunio» invece secondo Allianz, che si dice «a conoscenza della vicenda» e «molto spiacente» per le conseguenze subite dalla famiglia. «L'assicurazione di base purtroppo non può tuttavia essere chiamata in causa». Nel mezzo il padre di famiglia, sempre più perplesso e disperato.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Petito Sbazzeguti 10 mesi fa su tio
Tutto dipende anche da che cognome hai....e da dove provieni...
Lore62 10 mesi fa su tio
Uno dei paesi con il più alto tasso di assicurazioni per cittadino, e poi quando disgraziatamente ti serve, trovano ogni scusa per non pagare, e con arroganza!
dan007 10 mesi fa su tio
Le casse malattia e le assicurazioni sono un introito enorme e un giro d’affari tra assicurazioni cliniche dottori e ora di mettere il paziente al centro dell’attenzione e di creare un un’unica entità per la tutela del paziente e bloccare gli aumenti dei costi
Mag 10 mesi fa su tio
Domanda semplice semplice: se tutti i dipendenti delle CM si ciucciano salari fiabeschi alle spalle del contribuente obbligato a pagare, non è che questi sistemi per esimersi dal risarcire o rimborsare sono intenzionalmente studiati a tavolino al fine di produrre i famosi UTILI miliardari di cui godono le CM?
RobediK71 10 mesi fa su tio
Inamissibile che non ci sia il premio “famiglia” come IN molti paesi - se è infortunio è suva il pagatore (lo so sapete) se è malattia poco da fare c’ la AD per un po’
moma 10 mesi fa su tio
Le assicurazioni danno ordini ai propri periti di fare di tutto per risarcire il meno possibile i clienti. Non lo dicono apertamente, ma al lro interno, quando fanno le riunioni per discutere dei casi. Pagare il meno possibile. Questo il loro motto.
Mag 10 mesi fa su tio
@moma Modus operandi: fare quello che conviene anche se illecito, col solo accorgimento di negare a tutti i costi perfino davanti all'evidenza, cioè, fare esattamente come fanno tutti i criminali.
Mirketto 10 mesi fa su tio
Ogni volta parliamo tanto della vicina Italia....non siamo messi meglio di loro noi....quando sento queste cose mi viene il vomito per i politici che non fanno nulla e per tutto il sistema che non funziona. Purtroppo in questo paese va avanti chi ha i soldi, gl'altri rimangono indietro e si devo arrangiare. Paghi,paghi e non sei nemmeno tutelato!!!
Dioneus 10 mesi fa su tio
@Mirketto Sante parole.
yvan 10 mesi fa su tio
Assicurazioni infortuni e malattia sono delle truffe legalizzate. Io grazie a dio non mi sono indebitato in quanto non ho mai dovuto smettere di lavorare ma in quanto al rimborso delle cure sto vivendo la medesima situazione. Le assicurazioni si rimbalzano i costi e intanto io, oltre a pagare entrambe le assicurazioni mi sono dovuto anche accollare le prestazioni mediche. Il sistema fa acqua da tutte le parti e i ceo di assicurazioni e casse malati sono quelli che ci governano.
Bacaude 10 mesi fa su tio
Sono perfettamente d'accordo con Frankeat. In questi casi l'unica soluzione è la sentenza di un giudice. Augurandosi che il giudice abbia gli elementi e la sensibilità necessari per valutare al meglio la situazione. Un sistema che permette che i suoi cittadini più deboli di affondondare è un sistema che perderà fiducia. Una volta persa la fiducia, non meravigliamoci se poi, analogamente a paesi anche vicini, i cittadini troveranno altri sistemi e altre soluzioni.
Monello 10 mesi fa su tio
..conosco ..sinceramente mi viene la pelle di gallina al sol pensiero ! Quanto scritto sotto è vero ,purtroppo bisogna andare per vie legali per ammorbidire le varie casse !!
Pepperos 10 mesi fa su tio
@Monello Le vie legali? Se la legge Parla a favore degli assicuratori! Legge avallata dal Popolo svizzero.
Pepperos 10 mesi fa su tio
@Monello 2016 ero in Francia per lavoro! Sono stato travolto su le strisce pedonali. Attualmente sono in cura presso una neorologa ( Zurich ) la collittiva ( infortuni ) paga regolarmente perché? Il diritto Francese e ha favore dell'assicurato ( l'onere della prova spetta all'assicuratore ) Testuali parole della mia collettiva infortuni
interceptors 10 mesi fa su tio
Un caso analogo è successo a me, ma per fortuna meno grave e debilitante. L'analogia è nel avere un problema fisico dovuto ad un infortunio (SUVA) trattamento per un paio di mesi (Fisio, ecc), poi la chiusura con RISERVA (su pressione SUVA). Dopo 6 mesi il problema si presenta nuovamente e più acuto e SUVA non paga più dicendo che è dovuto a malattia. Quindi ha scaricato sulla Cassa malati, e di conseguenza sulla mia franchigia di 2500.-...Un consiglio: Non chiudete con riserva i casi di infortunio, perché la SUVA li considera chiusi definitivamente!!
Monello 10 mesi fa su tio
@interceptors ...Buono a sapersi ..hai fatto bene a scriverlo , sono piu o meno nella tua situazione ..ma caso ancora non chiuso !!! Terrò presente tuo scritto ! Grazie per la dritta !
interceptors 10 mesi fa su tio
@Monello Figurati! Sono felice che serva a qualcuno! Troppo spesso queste esperienze non vengono condivise abbastanza.
Thor61 10 mesi fa su tio
@interceptors In realtà il termine "Con riserva" non chiude la pratica ma, servirebbe appunto per tutelare la tua persona in caso di problemi dovuti allo stesso incidente di non dover aprire un nuovo caso ma preseguire con quello sospeso grazie proprio alla "Riserva" firmata. Poi che le assicurazioni siano furti legalizzati ormai è noto a tutti.
interceptors 10 mesi fa su tio
@Thor61 Infatti è quello che mia aveva riferito il mio medico, ma evidentemente, poi fanno quello che vogliono.
Diablo 10 mesi fa su tio
Tribunale Assicurazioni Sociali di Lugano.....mi creda in poco ci pensano loro ad intervenire..mio fratello minore ha subito un grave incidente ed é segnato gravemente a vita...la CM per quanto riguarda le cure ed assistenza ospedaliera non prendeva decisione e prolungava di mesi e mesi......a quasi un anno dall incidente abbiamo fatto intervenire il Tribunale....una settimana tutto era risolto.....sono dei farabutti
Diablo 10 mesi fa su tio
@Diablo correzione Tribunale Cantonale delle Assicurazioni.....la parola Sociali mi é andata cosi....sto ancora dormendo :D
Diablo 10 mesi fa su tio
@Diablo correzione, Tribunale Cantonale delle Assicurazioni...la parola Sociali mi é uscita che sono ancora addormentato
Monello 10 mesi fa su tio
@Diablo Doppiamente addormentato :-) ....succede !!!
Pepperos 10 mesi fa su tio
In ogni caso un suggerimento.. Si ha il diritto è il dovere, quando capitano questi casi, di annunciarsi presso l'assistenza sociale, del comune di riferimento. È un procedimento che aiuta ad evitare il caso descritto. Si evita poi, di dovere contattare un legale a proprie spese; che non verranno mai riconoscimente. Non sono elemosine, ma sono i propri diritti.
Corri 10 mesi fa su tio
Le assicurazioni ´e io non pago ´....! Tipico! Ma non ha una protezione giuridica per chiarire la vicenda ?
Frankeat 10 mesi fa su tio
in questi casi non entra in campo la legge (giudice, tribunale, ecc) per decidere chi deve pagare?
Dioneus 10 mesi fa su tio
Non solo furti legalizzati, ma anche mancanza di adempiere ai doveri assicurativi: questo sistema fa vomitare. Ci sono passato anch'io da casse malati che non volevano coprire delle spese per una delicata operazione per mia moglie: la minaccia di vie legali ha poi sbloccato la situazione. Purtroppo, contro l'arroganza degli assicuratori (e dei periti, verso i quali preferisco astenermi dai commenti) serve arroganza per ottenere il dovuto.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO E VIDEO
LUGANO
1 ora
Toh, in Viale Franscini sono spuntate delle balene
È il murale realizzato sulla parete di un palazzo dal collettivo Nevercrew
CANTONE
1 ora
No del Governo alla mascherina: «È una decisione politica»
Il dottor Garzoni si dice convinto che il Consiglio di Stato sarà disposto a introdurre l'obbligo se i numeri saliranno.
CANTONE
3 ore
San Giorgio: svelato il mistero del rettile col supercollo
I ricercatori hanno stabilito che si trattava di un animale acquatico, ma non era un nuotatore efficiente
CANTONE
6 ore
No all'obbligo d'indossare la mascherina negli spazi chiusi
Norman Gobbi: «Non sarebbe stata una misura proporzionata visti i pochi casi che ci sono in Ticino»
CANTONE / ITALIA
6 ore
Riciclava soldi per il boss a Lugano
Sequestrati tre milioni di euro a un’avvocatessa di Milano legata al camorrista Vincenzo Guida.
CANTONE / SVIZZERA
9 ore
Tra ritardi e Covid, festeggiamenti ridotti per la galleria del Ceneri
Venerdì 4 settembre l'inaugurazione ufficiale. Inizialmente erano previsti 650 ospiti, ma non sarà così
CANTONE
11 ore
Un nuovo caso di Covid-19 in Ticino, anche un ricovero in più
Il totale d'infezioni da inizio pandemia ha raggiunto quota 3'446. Il numero di decessi resta fermo a 350.
BLENIO
14 ore
«Rilanceremo il cioccolato della Cima Norma»
Gastronomia e cultura. Ecco l’affascinante progetto di Abouzar Rahmani, 39 anni, imprenditore di Morcote.
CANTONE
14 ore
«Annunciarsi in ritardo è da furbi»
La hotline per chi rientra da paesi a rischio Covid lavora a pieno ritmo. Ma non mancano i problemi
BEDRETTO
21 ore
Moto completamente distrutta dalle fiamme
L'incendio si è sviluppato oggi attorno alle 21 sulla strada del Passo della Novena
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile