Google Street View
Via Sottomontagna e Via Prati Grandi, le due strade che saranno videosorvegliate.
CADENAZZO
17.09.19 - 09:010
Aggiornamento : 14:02

Cadenazzo pensa alla videosorveglianza per bloccare i furbetti

Il traffico parassitario è un problema in alcune strade residenziali del Comune. Il vicesindaco: «Entro metà-fine ottobre metteremo due telecamere»

CADENAZZO - Il traffico parassitario è un grosso problema per Cadenazzo. Tanto che per combatterlo il Municipio ha deciso di ricorrere alla videosorveglianza emanando una nuova ordinanza comunale. «Entro metà-fine ottobre - spiega il vicesindaco Renzo Marielli ai microfoni di Radio Ticino - metteremo due telecamere in due punti sensibili».

Per la precisione gli obiettivi saranno piazzati dalle 16.00 alle 19.00 in due strade residenziali del Comune: Via Sottomontagna e Via Prati Grandi. Da qui giornalmente passano diversi “furbetti” diretti nel Gambarogno e nel Locarnese che vogliono evitare le code che puntualmente si creano sulla Cantonale. «Cadenazzo si trova su un asse stradale molto trafficato», precisa ancora Marielli. «Alla sera possono passare anche 500 veicoli e almeno l’80% di essi vanno verso Gambarogno o Locarno. Sono tanti per una zona residenziale».

La videosorveglianza, quindi, servirà a sanzionare le persone che transitano per le due strade senza abitarci. «I residenti del comparto dovranno fare registrare la propria targa». 

Il Municipio ha preso questa decisione dopo aver monitorato il traffico ed essersi consultato con degli ingegneri. Ed ha fatto tutto questo alla luce del sole. «Abbiamo pubblicato l'ordinanza e avvisato la popolazione interessata tramite una lettera», precisa il vicesindaco. «Questo per garantire la massima trasparenza».

L’obiettivo del Municipio è chiaro: rendere più sicuro un comparto frequentato in settimana dai ragazzi che si dirigono verso le scuole medie. E la sicurezza dei ragazzi vale l’investimento totale previsto di 80.000 franchi.

Commenti
 
tazmaniac 3 sett fa su tio
invece di trovare soluzioni o creare percorsi alternativi, più facile far pagare ai contribuenti, mi sembra giusto... l'accoppiata Zali-Gobbi assomiglia sempre più alla banda bassotti...
vulpus 3 sett fa su tio
Eh già come al solito, la soluzione viene cercata nel borsello degli automobilisti . La solita teoria del tassa e paga. Cari di Cadenazzo, la soluzione c'era e non l'avete voluta: creare la grande rotonda, a partire dalla stazione, ristorante al Bosco, e Marzorati. Le colonne erano finite da un pezzo, e il disturbo era minimo. Purtroppo i buoi sono fuori dalla stalla. Ogni tanto bisognerebbe avere il coraggio di andare oltre la soglia dell'uscio e veder cosa capita in giro
RobediK71 3 sett fa su tio
Eh già, i ragazzi
Nmemo 3 sett fa su tio
Fa bene il Municipio di Cadenazzo a tutelare con videosorveglianza la sicurezza e la “pace” delle zone residenziali del comune. Dovesse fare altrettanto la grande Città! Inutile pretendere. Con un capo dicastero sicurezza che non ha dimostrato, in decenni, capacità di amministrare nel rispetto delle leggi cui il comune è dotato, è fiato sprecato.
Gimmi 3 sett fa su tio
Sembra una buona soluzione (da verificare in pratica) ! Pero' dato che negli orari di traffico limitato ,il traffico su Via Sasso Corbaro aumenterà ,(visto i divieti) ed sarebbe anche auspicabile da parte del municipio,di sistemare il manto stradale di Via Sasso Corbaro,(che attualmente é molto rovinata) e di creare un marciapiede continuo su tutta la via, se si vuole avere la sicurezza per i pedoni.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora

Corteo dei Molinari, il Governo «condanna i toni e le ingiurie»

Il direttore del DI ha risposto all’interpellenza, pur non fornendo cifre precise sul costo dell’intervento della polizia

CANTONE
2 ore

Quella povertà che nessuno vede

Negli ultimi cinque anni sono raddoppiate le richieste a Soccorso d’inverno da parte dei domiciliati in difficoltà economica: «Tante volte le persone non osano chiedere aiuto pur faticando»

CANTONE
3 ore

Ex docente di Montagnola condannato: «Minore messo in pericolo»

Il pretore ha deciso per lui 60 aliquote da 190 franchi sospese per 2 anni e a una multa di 2000 franchi

BELLINZONA
5 ore

Amianto: le FFS si difendono

I vertici dell'ex regia federale sui decessi dei collaboratori in pensione: «Casi noti, monitoriamo la situazione»

FOTO E VIDEO
LUGANO
5 ore

Il robot Sophia che parla agli umani

È sbarcato a Lugano. Può rispondere alle tue domande. Si è presentata durante la seconda edizione del Forum innovazione Svizzera italiana, da oggi al LAC

FOTO
BELLINZONA
7 ore

Ecco il nuovo volto della Posta di Giubiasco

La rinnovata filiale di via Bellinzona 6 è stata inaugurata questa mattina: «Questa sede è apprezzatissima dalla clientela. Siamo orgogliosi di averla rimessa a nuovo»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile