deposit
LUGANO
17.09.19 - 09:150
Aggiornamento : 11:36

«Mio figlio parla solo tramite video»

Il mutismo selettivo è un problema per (almeno) una ventina di bambini in Ticino. L'associazione Atimuse: «Abbiamo fatto passi avanti»

LUGANO - Fino all'anno scorso James* non parlava con nessuno, a scuola. Nemmeno adesso, ma in compenso quando torna a casa si piazza davanti al telefono, a volte, e manda ai compagni dei video-messaggi. «È un piccolo passo - spiegano i genitori - ma per noi è importantissimo».

Una ventina di casi noti - A 9 anni, figlio di expat inglesi trapiantati nel Malcantone, James fa parte di un gruppo di bambini di cui il Cantone ha iniziato a occuparsi solo di recente. I casi di mutismo selettivo accertati in Ticino sono «una ventina al momento» spiega Luigi Valsangiacomo, che un anno e mezzo fa ha fondato la prima associazione ticinese dedicata al problema, Atimuse.

Maggiore sensibilità - «Il percorso è stato in salita, il problema era e resta ancora poco conosciuto, ma le autorità si sono mosse» racconta. Padre di un bambino colpito dal disturbo, Valsangiacomo ha lanciato un appello al Decs nel 2017 (tramite tio/20minuti) e da allora «la situazione è migliorata, abbiamo organizzato incontri formativi con docenti e maestri di sostegno, ma c'è ancora molta strada da fare». 

«Punta dell'iceberg» - Il prossimo passo – spiega Valsangiacomo – sarà coinvolgere e sensibilizzare ancora di più i genitori. «Spesso il riconoscimento del problema richiede anni da parte delle famiglie. Quella che è emersa finora, probabilmente, è solo la punta dell'iceberg». Ottobre è il mese dedicato al mutisimo selettivo e Atimuse sta preparando nuove iniziative.

Esperienza positiva - «Conoscere altri genitori nella mia stessa situazione mi ha aiutato tantissimo» racconta la madre di James. «Capisci che non sei sola, condividi consigli e strategie. Negli ultimi tempi mio figlio ha iniziato ad aprirsi. A scuola ha ottimi voti e diversi amici, che hanno capito il problema e lo accettano. Per risolverlo ci vorrà del tempo, ma le premesse sono buone».   

Disturbo raro: chi ti può aiutare?

Un disturbo poco conosciuto, che colpisce soprattutto i bambini. Chi soffre di mutismo selettivo non riesce a parlare in alcuni contesti sociali, pur padroneggiando perfettamente il linguaggio. In Ticino l'associazione Atimuse è nata nel 2018, e finora ha raccolto una ventina di casi presenti sul territorio. Grazie a un gruppo di esperti e psicologi aiuta i genitori a riconoscere e affrontare il problema.

Maggiori informazioni su www.atimuse.ch e sulla pagina Facebook.  

* nome di fantasia

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
BELLINZONA
21 min
«I radar? No agli accanimenti»
Norman Gobbi spezza una lancia a favore degli automobilisti. E insiste sulla distinzione tra «prevenzione e far cassetta»
FOTO E VIDEO
COMANO
1 ora
Esplosione al bancomat: «Ad agire? Presumibilmente più di una persona»
Per la Polizia è prematuro parlare della stessa mano dei precedenti colpi. Il portavoce: «Attendiamo i rilievi»
FOTO
CANTONE / SVIZZERA
2 ore
Le frane bloccano il Lucomagno e la Novena
Diversi metri cubi di roccia sono precipitati sulla carreggiata in territorio di Disentis. Smottamenti anche a Ulrichen e in via Valmara a Brissago
FOTO E VIDEO
COMANO
3 ore
Nuovo assalto al bancomat
Ignoti hanno tentato di far saltare un distributore di banconote della Raiffeisen
LUGANO
4 ore
Beatificata una parente di due noti giornalisti attivi in Ticino
Si tratta di Benedetta Bianchi Porro, sorella di Corrado, esperto in economia, e zia di Rachele, conduttrice televisiva. Afflitta da mille malattie, ha affrontato la vita con coraggio estremo
VACALLO
4 ore
«Ecco perché la portiamo via dal Ticino»
Sindrome di Down, inclusione in salita. Il caso di una bimba di 20 mesi di Vacallo. La famiglia: «Ci trasferiamo in Italia»
BODIO
13 ore
Il video con il fucile: «Ma sono bravi ragazzi»
Un gruppo di giovani di Bodio si è esibito sui socail con una clip rap dai toni un po'... estremi. L'intervento del sindaco
LUGANO
14 ore
Derubato e lasciato in mutande a Cornaredo
È accaduto sabato mattina a un collaboratore dell’FC Lugano. La polizia ha fermato una persona, sarebbe un altro collaboratore dell'FC Lugano
LUGANO
15 ore
«È la prima canzone creata solo con l’intelligenza artificiale»
Dall’A alla Zeta. Testi compresi. Così un algoritmo può capire i vostri gusti e realizzarvi brani su misura. Il responsabile del progetto: «Sarà la normalità. È solo questione di tempo»
BEDANO
17 ore
Rogo nella ditta di vernici, la vittima è stata identificata
Arriva la conferma: si tratta effettivamente del 49enne croato residente a Cadro, che lavorava nel settore. Escluso l'intervento di terze persone
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile