Deposit
CANTONE
16.09.19 - 10:020
Aggiornamento : 11:24

Sfigurate dall'estetista: «Quanti casi in Ticino?»

Scoppiato Oltralpe dove alcune donne hanno subito gravi danni alle labbra a causa dell'acido ialuronico, il caso è sbarcato anche nel nostro cantone grazie a un'interrogazione di Galeazzi e Pellegrini

BELLINZONA - Il caso di alcune donne che per aver labbra più piene sono state sfigurate dall'acido ialuronico ha fatto parecchio clamore (e rumore) Oltralpe. A preoccupare sono soprattutto gli interventi compiuti da persone al di fuori della cerchia di professionisti della chirurgia plastica. A lanciare l'allarme era stato - alcuni giorni fa - il presidente della Società svizzera di chirurgia estetica (Ssce) Mark Nussberger il quale chiedeva «un intervento decisivo  per arginare rischi che, oltre a rovinare le persone, potrebbero di conseguenza riversarsi sulla sanità pubblica». 

Il presidente identificava il problema anche nelle normative in vigore nel nostro Paese. Per fermare questo fenomeno, la Ssce chiede ora un divieto per gli estetisti di praticare iniezioni. Anche se l’Istituto svizzero per gli agenti terapeutici Swissmedic proibisce già a questi operatori di utilizzare preparati medici iniettabili come l’acido ialuronico, esiste infatti un’eccezione per i prodotti il cui periodo dimostrato di completo riassorbimento sia inferiore ai 30 giorni. «I centri estetici sfruttano questa zona grigia senza ritegno e non si curano dei 30 giorni», sosteneva Nussberger. Inoltre, non esiste quasi alcun tipo di acido ialuronico che rimanga nel corpo al massimo per quel periodo: «I medici cantonali dovrebbero smettere di voltare la faccia dall’altra parte, le violazioni del divieto devono essere punite».

La problematica, che presto potrebbe finire sul tavolo del Governo federale (mozione della consigliera nazionale PPD Ruth Humbel), è sbarcata anche in Ticino grazie a un'interrogazione firmata da Tiziano Galeazzi (primo firmatario) e Edo Pellegrini. I due deputati UDC chiedono lumi sulla situazione vissuta nel nostro cantone chiedendo al Governo se negli ultimi tre anni ci siano stati «casi di deformazioni o sfigurazioni del viso riconducibili all'operato di studi estetici».

Di seguito tutte le altre domande poste da Galeazzi e Pellegrini:

Di fronte a quanto succede in Svizzera su questo fenomeno, come vorrebbe intervenire il nostro Cantone per il tramite del Medico cantonale?

Gli studi estetici che usano queste sostanze (acido ialuronico e altre) sono conosciuti / noti in Ticino? Se si, quanti sono e come vengono controllati sullo standard di sicurezza e impiego di sostanze delicate e pericolose magari provenienti da paesi esotici? Vi è un catalogo cantonale dei prodotti?

 I prodotti utilizzati da questi centri e studi estetici, nel campo specifico, vengono controllati e segnalati a qualcuno? (Esempio Farmacista cantonale)

Vi sono indicazioni ufficiali cantonali sull'utilizzo di questi prodotti presso questi centri e studi estetici?

Vi sono già stati casi dove degli studi o delle estetiste o estetisti (anche fai da te)  sono stati multati o sanzionati per danni alle persone? Se si, quanti e con quali penali?

Questi studi particolari nel trattare questi prodotti rilasciano tutte le informazioni necessari ai pazienti? Tra cui la tenuta di una cartella “clinica” con dosaggi dei prodotti e marca del prodotto? (cosi come l'etichetta presente sulla confezione del prodotto usato)

Vi sono state denunce da parte di pazienti rovinati da questi prodotti estetici negli ultimi 3 anni?

Risulta al Governo che vi siano casi dove alcuni studi estetici lavorino discrezionalmente la domenica o nei giorni festivi ? In caso affermativo che tipo di permessi sono stati rilasciati?

Sul punto precedente: Che tipo di controlli vengono fatti e come a presunti operatori stranieri che si recano in Ticino per lavorare alla domenica o nei nostri giorni festivi negli studi estetici o corrispondenti.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
sedelin 8 mesi fa su tio
basta lasciare labbra e natiche come natura le ha donate.
Tristano 8 mesi fa su tio
@sedelin Esatto!!!!
Tarok 8 mesi fa su tio
inutile postare, denunciate all’ufficio sanità a bellinzona.
Stranita 8 mesi fa su tio
Ma perché tantissime persone non si accettano come sono? È una grande soddisfazione guardarsi allo specchio e vedere riflessa l’immagine di sè stessi così come mamma ci ha fatti e come la natura e l’età ci trasforma negli anni. Capisco se esiste un problema serio, ma il quel caso si va da un professionista medico.
sedelin 8 mesi fa su tio
basta lasciare il viso e i glutei come madre natura te li ha donati.
Nicklugano 8 mesi fa su tio
Sono trent'anni che questi interventi si fanno da un medico (chirurgo estetico)… fra poco li venderà anche la posta, e poi ci lamentiamo dei danni. Vogliamo vedere che formazione hanno le estetiste in Ticino ???
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
33 min
Coronavirus: ospedali confrontati a perdite milionarie
L'EOC lamenta ammanchi per 60-70 milioni di franchi. Moncucco: «Speriamo di trovare un buon accordo col Cantone».
LUGANO
13 ore
«Il trasferimento degli uffici a Cornaredo è una condanna a morte»
Gli esercenti del centro ritornano a discutere sul nuovo quartiere, in tempi di Covid
FOTO
CANTONE
14 ore
"Verso l'ospedale senza fumo", anche a Bellinzona
Nella "Giornata mondiale senza tabacco", l’Ospedale Regionale Bellinzona e Valli offre un contributo concreto
FOTO E SONDAGGIO
LUGANO
16 ore
Biciclette alla conquista delle corsie bus
A Lugano è in corso la posa della nuova segnaletica per le due ruote
FOTO
BELLINZONA
19 ore
Il mercato di Bellinzona ha messo la mascherina
Oggi ne sono state distribuite agli avventori che non ne erano provvisti: si tratta di una misura prevista dalla Città
CONFINE
21 ore
«L'Italia non è un lazzaretto»
Lo dice il ministro degli esteri Di Maio. Dal 3 giugno si potrà entrare nel paese senza quarantena
CANTONE
22 ore
Coronavirus: zero contagi e nessun nuovo decesso in Ticino
I dati sull'evoluzione dell'epidemia si confermano incoraggianti.
CANTONE
1 gior
Apprendistato: qui i posti ci sono
In settimane delicate per chi cerca la propria strada, ci sono due settori che assicurano opportunità «affascinanti».
AGNO
1 gior
«Galleria della circonvallazione: occhio che frana tutto»
Secondo il municipale Giancarlo Seitz il futuro tunnel andrà a toccare un pendio già instabile
MENDRISIO
1 gior
Orario ridotto al pronto soccorso pediatrico? «Frutto di un'inesatta comunicazione interna»
L'EOC ha precisato che la riduzione degli orari di apertura è stata valutata, ma non è mai entrata in vigore.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile