Tipress
LUGANO
15.09.19 - 18:010

Il giorno dopo la manifestazione: «L’autogestione? Una realtà viva»

Parla il consigliere comunale socialista Carlo Zoppi. Il sindaco Marco Borradori: «Ma ora ci vuole il confronto»

LUGANO - Circa quattrocento persone che in maniera prevalentemente pacifica hanno manifestato a sostegno dell’autogestione. «Il messaggio è che si tratta di una realtà viva». Così il consigliere comunale socialista Carlo Zoppi, da noi contattato a seguito della protesta andata in scena sabato pomeriggio per le strade di Lugano.

La manifestazione era stata annunciata lo scorso giugno «per diffondere le culture dell'autogestione al di fuori dello spazio dell’ex Macello». Un’area, quest'ultima, che le autorità cittadine intendono trasformare in uno spazio del tempo libero, degli eventi e della cultura. Sfrattando però il Molino. «Sabato tra i molti presenti c’erano anche famiglie con bambini e anziani, questo dimostra che nella nostra città l’autogestione ha l’appoggio della popolazione».

Tremila metri quadri... da condividere - Per Zoppi, anche autore del rapporto di minoranza della Pianificazione che prevedeva una riqualifica dell’area con spazi per gli autonomi, la via da seguire è dunque chiara: «La cosa più semplice è che una parte dei tremila metri quadri dell’ex Macello restino all’autogestione, sicuramente si può trovare un accordo». E sull’atteggiamento del Municipio, il socialista sostiene: «È ora che cominci a dare messaggi coerenti».

Il sindaco: «Bisogna guardare avanti» - «È vero, a Lugano l’autogestione ha un seguito, credo che tutti debbano e possano prenderne atto» ammette il sindaco Marco Borradori, ricordando poi quanto successo negli ultimi mesi: la decisione dell’Esecutivo e del Legislativo di sostenere una progettazione all’ex Macello che non prevede l’autogestione. E quindi la manifestazione di ieri. «Se vogliamo che questi eventi forti portino a qualcosa, ora bisogna andare avanti, altrimenti tra tre-quattro anni ci ritroviamo con un pugno di mosche».

La decisione di escludere l’autogestione dal futuro dell’ex Macello «può piacere o non piacere, ma è quella» ci dice ancora Borradori, sottolineando però la necessità di un confronto per trovare una sede alternativa: «È difficile trovarla, ma abbiamo un territorio vasto e ci sono luoghi raggiungibili in modo ragionevole». E conclude: «L'autogestione a Lugano deve maturare, riuscire a far capire anche alla popolazione e alla politica cosa vuole diventare, ma ci vuole un confronto serio».

1 mese fa La manifestazione dei molinari si è svolta «in maniera prevalentemente pacifica»
1 mese fa Fumogeni e insulti sotto lo stabile della Lega e contro la Polizia
1 mese fa Oltre 500 «contro l'oppressione e il nulla che avanza»
5 mesi fa Ex Macello, non ci sarà l’autogestione
Commenti
 
Paolo Kopa 1 mese fa su fb
Ma andate a lavorare...
Ara Pez 1 mese fa su fb
Certo che se la realtà è fatta di fumogeni, insulti e minacce verso il Sindaco, cortei non autorizzati e il vivere sulle spalle dei contribuenti sono messi bene sia il P$ ( che dice che bisogna stare nel giusto quando fa comodo a lui !) che questi personaggi...altro che realtà viva. Direi piuttosto idiozia viva...
matteo2006 1 mese fa su tio
Il non-dialogo conferma solo che qualcuno crede che tutto sia ancora dovuto invece va purtroppo o per fortuna, così funziona per tutti quelli che vanno al Molino e quelli che non ci vanno. Come quando esci di casa dei genitori diventi indipendente anche il Molino dovrebbe fare dei passi per avere la sua indipendenza, fare dei passi da adulto, gli adulti non pretendono perchè sanno che per avere devi fare qualcosa (e dare). L'impegno che ci mettono e ci hanno messo in questi anni è molto ma non sufficiente, basta chiedere al municipio di Lugano cosa mi date iniziate a fare da indipendenti e senza pretese, lasciate la casa dei genitori e iniziate ad andare avanti con le vostre gambe. Autogestione non significa occupare e usare suolo pubblico come pare e piace ma qualcosa di ben diverso, l'autogestione deve essere da esempio, e quale esempio diamo alle nuove generazioni se gli diciamo di approfittare di quello che ti danno e non fare di più per migliorarsi e crescere da soli? In questi anni si sarebbe potuto fare molto di più per trovare una nuova sistemazione indipendente. La vera autogestione è l'indipendenza la vera libertà dal sistema è l'indipendenza la libera espressione è ancora una volta l'indipendenza.
Enrico Ferrari 1 mese fa su fb
UELA ma il ROSSO Zoppi è ceco?più o meno pacifica dice......dalle foto e video non mi sembra,con quel pirla con la maschera e la birra che sfida la polizia,i fumogeni e le grida di morte contro il Sindaco.Dice di famiglie con bambini,io avrei avuto vergogna a portare i bambini a queste manifestazioni.Almeno chiudi la bocca e non raccontar cretinate che abbiamo visto tutti come sono pacifici i lazzaroni del macello.LE RUSPE E CHI NON ESCIE
Enrico Ferrari 1 mese fa su fb
Ho sbagliato esce non escie.......E
Dan Kri 1 mese fa su fb
Enrico Ferrari hai sbagliato anche cieco.
cle72 1 mese fa su tio
Ricca Lugano? Beh se avere quasi un miliardo di debiti vuol dire essere ricchi siamo a posto! Le leggi dello Stato non vietano l autogestione documentarsi prima p.f.
Elisa Minelli 1 mese fa su fb
Dai, troviamo un bell'accordo tutti insieme 😤
Pat Novo 1 mese fa su fb
Socialisti solite croste
Fabio Waelti 1 mese fa su fb
Tipicamente Socialisti, che bel esempio che date per queste buffonate
Daniele Piona 1 mese fa su fb
ma vai in quel paese
sedelin 1 mese fa su tio
é interessante, e al tempo stesso penoso, che di un tema sociale si faccia il solito litigio partitico (sinistra contro lega, e via dicendo). le cose si risolvono quando si lavora insieme e non contro. l'autogestione é una realtà ovunque, può certo dar fastidio ai benpensanti, ma è ora che il tema sia trattato perché questa é la realtà. e trattato non partiticamente ma politicamente nel senso nobile del termine. l'unico torto dei molinari é il rifiuto al dialogo, forse bisognerebbe chiedersi il perché di tale rifiuto. anche nelle migliori delle famiglie la ragione e il torto non stanno tutti da una parte.
Nmemo 1 mese fa su tio
@sedelin Interessante la tua opinione, corretta la conclusione. È impensabile chiedere e “volere” che sia loro concessa un’ ”enclave di anarchia”. Peraltro quel comparto cittadino dovrebbe essere utilizzato per migliori interessi a favore della comunità.
sedelin 1 mese fa su tio
@Nmemo il mio commento cerca di essere oggettivo, il tuo é di parte. l'ex macello era abbandonato prima che fosse occupato dai molinari, ora che loro lo hanno valorizzato il municipio si é accorto che esiste. per maggiori informazioni sui molinari c'è un bellissimo documentario del regista ticinese catti, potrebbe servire a capire prima di sentenziare.
Bianchi Roberta 1 mese fa su fb
Ok ora si inizia a ragionare!
Sacha Weber 1 mese fa su fb
Aahahahaha realtà viva ahahaha
Massimo D'Onofrio 1 mese fa su fb
🐐!
Massimiliano Verdaglia 1 mese fa su fb
Luca Mer 1 mese fa su fb
Brozzoni intolleranti e fascistelli.
Matteo Lapodeko 1 mese fa su fb
Luca Mer non tollerare una cosa negativa è bene, sei daccordo con me? Spina dorsale, non essere sottomesso al bullo per esempio. Che il macello è negativo, non ti chiedero se sei daccordo, perchè non è un opinione. Ti chiedo perchè mai un gruppo di persone che si crede sopra le leggi ed agisce di conseguenza, creando un precedente per i prossimi a cui la legge non piace, possa essere ritenuto qualcosa di positivo. Se poi i due termini che hai appena abusato sono una scusa per non parlare, mi inchino ancor di più davanti alla tua saggezza sconfinata.
Nmemo 1 mese fa su tio
Anacronistici! Anche la ricca Lugano i soldi del contribuente li dovrebbe spendere per qualcosa di maggiore interesse pubblico. Ovviamente affari loro, ma un’autorità che si fa complice dell’anarchia inventando viatici che stridono con le leggi dello Stato, non danno alcun segnale che le possa fare onore.
cle72 1 mese fa su tio
Una idea la vecchia villa a Pregassona vicino al Pardo dei daini. Oramai ridotta ad una struttura fatiscente...ma grazie a chi al comune che lascia che le sue meraviglie nel tempo degradano per poi spendere milioni per riattarle e renderle nuovamente agibili...Se va bene se no avanti con le ruspe...E parlano di cultura...Si quella dello spreco dei soldi dei contribuenti! Indignatevi per questo non per dei ragazzi che ribadisco non fanno male a nessuno!
cacos 1 mese fa su tio
Io non sono né rosso né un frequentatore del centro ma definire marmaglia delle persone che non danno fastidio a nessuno mi fa pensare ad un ignorante che pensa che tutti gli autogestiti siano drogati o peggio, magari poi questo tipo di persona e un ubriacone o picchia la moglie. La nuova Lugano non piace, li è un area pregiata a voi le conclusioni.
Al Lolo 1 mese fa su fb
È sbagliato dare tutto sto spazio e sta visibilità al nulla...
Tarok 1 mese fa su tio
una realtà viva? uah uah carnevale anticipato!
seo56 1 mese fa su tio
Una realtà da sgomberare... Ecco un motivo in più per non votare socialista....
Bayron 1 mese fa su tio
Vergogna socialista!!! Avete capito che i luganesi non vogliono quella marmaglia!!! Sgombero!!
marco17 1 mese fa su tio
Il livoroso e patetico Quadri vorrebbe far pagare al partito socialista le spese di pulizia della sede della Lega "imbrattata" dai manifestanti. Dovrebbe invece ringraziare chi ha messo un po' di allegria e di colore in questo luogo sinistro e orrendo. Poro Lorenzina, che sabato tremendo che deve aver passato!
OCP 1 mese fa su tio
@marco17 A parte il fatto che imbrattare è sbagliato qualunque sia il bersaglio e sinceramente mi fa un po' schifo il fatto che tu difenda questo modo di agire... hai detto bene "...sinistro e orrendo", infatti quando si fa riferimento alla sinistra significa qualcosa di negativo (è un luogo sinistro, è successo un sinistro) :-P
dudo 1 mese fa su tio
@marco17 Patetico sei tu che accetti il daneggiamento di proprietà privata altrui. Con quale diritto? Hai mai lavorato in vita tua? Hai mai lavorato per pagare le tasse? Hai mai lavorato per pagare i danni fatti da parte certi facinorosi ?
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
17 min
Vanno solo alle elementari e hanno già lo Smartphone
Si abbassa sempre di più l’età in cui i ragazzini hanno il primo approccio con le nuove tecnologie. “Colpa” anche delle cattive abitudini dei genitori? L’analisi dell’esperta Eleonora Benecchi
FOTO E VIDEO
LUGANO
2 ore
Studente espulso: i compagni protestano fuori dal carcere
Il rimpatrio forzato di un 19enne - da ieri alla Stampa - ha innescato una manifestazione di solidarietà da parte degli allievi della Csia
CANTONE
2 ore
Mensa obbligatoria negli asili, il tamtam diventa mediatico
L’Aripe, associazione che critica l’impostazione ticinese, si sta muovendo con una serie di articoli sulle testate d’oltralpe per segnalare «in negativo l’unicum del nostro cantone».  
FOTO
BEDRETTO
3 ore
Veicolo in fiamme sulla Novena, lievi ustioni per il conducente
Sul posto sono intervenuti i Pompieri dell'Alta Leventina, la Polizia, e un'ambulanza che ha prestato i primi soccorsi al ferito e l'ha trasportato in ospedale
CANTONE
5 ore
Ecco Lu, il nuovo agente a 4 zampe della Polizia cantonale
Il nuovo collega della sezione cinofila è stato presentato oggi sulla pagina Instagram del corpo
GIUBIASCO
6 ore
Col furgoncino nel fiume, arrestato il guidatore-ladro
Il veicolo, di proprietà di una ditta di pompe funebri, era rubato. Dopo due incidenti l'automobilista aveva tentato la fuga. Invano
LOCARNO
8 ore
Un’immobiliare contro il venditore ambulante: «Chiamate la polizia»
La Assofide Sa mette in guardia gli inquilini: «Non l'abbiamo mandato noi e neppure il Cantone». Lui si difende: «Diffamazione e violazione della privacy»
TICINO / VENEZUELA
11 ore
Un prete rivoluzionario, da Curio al Venezuela
Don Angelo Treccani fa il missionario in un paese allo sbando: serve più di mille pasti al giorno ai bisognosi, grazie alla generosità ticinese
VIDEO
CANTONE
12 ore
L’amianto che dorme nelle case: «Prima di svegliarlo fate una perizia»
Il materiale è tornato d’attualità, ma i più ignorano le potenziali “bombe” che si trovano nelle abitazioni costruite prima del 1991. L’esperto: «Il Ticino, purtroppo, è fanalino di coda in materia».
FOTO
BELLINZONA
13 ore
Col furgoncino vola nel riale
Sul posto Polizia e Pompieri, oltre alla Scientifica. Non sono note le condizioni del conducente
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile