Keystone (archivio)
Il 27 giugno il procuratore generale aveva chiesto la ricusazione di Bomio, il quale aveva ordinato dieci giorni prima assieme a due colleghi il ritiro di Lauber dalle indagini inerenti il caso FIFA.
CANTONE / SVIZZERA
04.09.19 - 13:520

Lauber non ottiene la ricusazione di Bomio-Giovanascini

La Corte d'appello del TPF ha annunciato oggi di aver respinto le quattro domande depositate dal procuratore generale della Confederazione

BERNA - Il procuratore generale della Confederazione Michael Lauber, estromesso dall'inchiesta sulla FIFA, non ottiene la ricusazione del presidente della Corte dei reclami penali del Tribunale penale federale (TPF) Giorgio Bomio-Giovanascini. La Corte d'appello del TPF ha infatti annunciato oggi di aver respinto le quattro domande depositate da Lauber.

Il 27 giugno il procuratore generale aveva chiesto la ricusazione di Bomio, il quale aveva ordinato dieci giorni prima assieme a due colleghi il ritiro di Lauber dalle indagini inerenti alla Federazione mondiale di calcio. Al centro della bufera ci sono gli incontri informali non verbalizzati avuti con il presidente della FIFA Gianni Infantino.

La Corte d'appello indica di essere entrata in materia sulle richieste di ricusazione del giudice ticinese, che le ha però giudicate irricevibili in quanto considera infondati i motivi addotti dal procuratore generale.

Lauber invocava «un rapporto di inimicizia» tra i due uomini: Bomio, membro del Partito socialista, lo avrebbe criticato in un colloquio informale con il consigliere agli Stati Claude Janiak (PS/BL), presidente della delegazione delle commissioni della gestione delle Camere federali, durante una gita del gruppo parlamentare socialista nel canton Vaud avvenuta il 12 giugno scorso.

Secondo Janiak, il giudice avrebbe definito «insostenibile» la situazione al Ministero pubblico della Confederazione (MPC) e che Lauber non era rieleggibile. Un giudice che parla così non è obiettivo, sostiene il procuratore generale.

A detta di Bomio, egli si sarebbe limitato a fare un'analogia tra la meteo torrida e la situazione al MPC. E sarebbe rimasto sorpreso della forte reazione del politico, il quale si è detto favorevole alla rielezione del procuratore generale.

La Corte d'appello considera che la presentazione dei fatti da parte del giudice è coerente e in accordo con le sue dichiarazioni davanti al gruppo parlamentare socialista un mese prima. Essa ritiene che Janiak abbia fornito un'interpretazione soggettiva alla battuta di Bomio. In queste condizioni, nessun elemento permette di accertare un'avversione o una prevenzione di quest'ultimo nei confronti di Lauber.

Le richieste di ricusazione del procuratore generale sono dunque respinte. La decisione della Corte d'appello non è definitiva e può ancora essere portata davanti al Tribunale federale.

3 mesi fa Lauber vuole ricusare il giudice Bomio-Giovanascini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
6 min
Caos all'inaugurazione del salone: arrivano Le Iene e la polizia
Storie di ex mogli che sostengono di essere state raggirate. La vicenda riguarda un noto parrucchiere. Grande scompiglio creato dagli inviati della trasmissione italiana
COMANO
1 ora
Una miscela di gas esplosivo per forzare il bancomat
Gli autori del tentato furto della scorsa notte sono tuttora in fuga. Le ricerche sono in corso
VIDEO
CANTONE
2 ore
Le forti piogge sono finite, ma la Maggia è ancora carica
Dopo l’allerta piena per i fiumi, ora tocca ai laghi. Aumenta a vista d'occhio, in particolare, il livello del Verbano
CANTONE
5 ore
«I radar? No agli accanimenti»
Norman Gobbi spezza una lancia a favore degli automobilisti. E insiste sulla distinzione tra «prevenzione e far cassetta»
FOTO E VIDEO
COMANO
6 ore
Esplosione al bancomat: «Ad agire? Presumibilmente più di una persona»
Per la Polizia è prematuro parlare della stessa mano dei precedenti colpi. Il portavoce: «Attendiamo i rilievi»
FOTO
CANTONE / SVIZZERA
7 ore
Le frane bloccano il Lucomagno e la Novena
Diversi metri cubi di roccia sono precipitati sulla carreggiata in territorio di Disentis. Smottamenti anche a Ulrichen e in via Valmara a Brissago
FOTO E VIDEO
COMANO
9 ore
Nuovo assalto al bancomat
Ignoti hanno tentato di far saltare un distributore di banconote della Raiffeisen
LUGANO
9 ore
Beatificata una parente di due noti giornalisti attivi in Ticino
Si tratta di Benedetta Bianchi Porro, sorella di Corrado, esperto in economia, e zia di Rachele, conduttrice televisiva. Afflitta da mille malattie, ha affrontato la vita con coraggio estremo
VACALLO
9 ore
«Ecco perché la portiamo via dal Ticino»
Sindrome di Down, inclusione in salita. Il caso di una bimba di 20 mesi di Vacallo. La famiglia: «Ci trasferiamo in Italia»
BODIO
18 ore
Il video con il fucile: «Ma sono bravi ragazzi»
Un gruppo di giovani di Bodio si è esibito sui socail con una clip rap dai toni un po'... estremi. L'intervento del sindaco
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile