Tipress
CANTONE
26.08.19 - 09:080

Nessuna bocciatura o nota contestata al Liceo 1

Zero ricorsi, non era mai successo, a Lugano e tredici nelle altre sedi. La direttrice Doratiotto Prinsi: «L'aspetto spiacevole è quando entrano in scena gli studi legali»

LUGANO - È il piede infilato nella porta dell’aula per rimettere in discussione la bocciatura. O talvolta solo una nota. Quando manca una settimana alla riapertura delle scuole Tio/20Minuti ha chiesto al DECS quanti sono stati, al termine dell’anno scolastico 2018/19, i ricorsi inoltrati dagli allievi alle direzioni di Licei. A sorpresa non sono in aumento, come si sarebbe portati a credere. Complessivamente, nelle cinque sedi, sono giunte 13 contestazioni (l’anno prima erano 11, ma nel 2016/17 erano state 24 e in precedenza 20). 

Bene! Ma non esiste trend - Spicca in positivo al Liceo cantonale di Lugano 1 la cifra “zero”. Che è una nota da festeggiare. Nessuno studente ha fatto ricorso. «È stato un anno meraviglioso» commenta col sorriso la direttrice Valeria Doratiotto Prinsi. Nello storico Palazzo di viale Cattaneo c’è soddisfazione, temperata però dalla consapevolezza che «la tendenza è aleatoria e non si può definire un vero trend. Ma “zero” non era mai successo. Scorrendo la statistica, ad esempio, nel 2006/07 ci furono 12 casi e l’anno prima 13».

Centrale la comunicazione - Società vieppiù litigiosa, genitori talvolta incalzanti e studi legali specializzati nel ricorso scolastico. Un mix che spinge spesso a riaprire i giochi dopo il giudizio del docente (che non è insindacabile). Stavolta non a Lugano, dove le valutazioni di fine anno sono state tutte accettate. «È un bel segnale - osserva la direttrice - perché dietro ogni ricorso c’è sempre un errore di comunicazione tra la famiglia, l’allievo coinvolto e il docente. C’è sempre qualcosa che non ha funzionato nella chiarezza e nella cura della comunicazione». Da ogni ricorso, continua Doratiotto Prinsi, «si può sempre imparare qualcosa. Per cui rispondere è anche un modo per chiarire punti importanti come l’equità, la parità di trattamento e le motivazioni della valutazione».

Non è uno spauracchio - Un potenziale ricorso può essere evitato grazie al colloquio preliminare della direzione con la famiglia o l’allievo: «Non è infrequente che non si sfoci nel ricorso perché si ha l’occasione di approfondire e documentare quello che è successo durante l’anno. Lo scopo finale deve sempre essere il bene dell’allievo». Quanto il ricorso sia fattore di stress nei docenti, la direttrice spiega che «ogni valutazione in sé è qualcosa di molto delicato. La serietà del bravo docente sta nel fatto che ogni voto è ponderato, motivato e, a volte, difeso. Se questo lavoro è fatto con scrupolo il ricorso non è lo spauracchio che incombe sull’operato dei docenti».

Se in aula entra l'avvocato - L’iter dei ricorsi prevede in prima istanza il giudizio del consiglio di direzione, che chiede una presa di posizione scritta al docente interessato. Solo in seconda battuta può essere chiamato in causa il Consiglio di Stato e, andando oltre, ma capita raramente, il Tribunale amministrativo e, in ultima istanza, quello Federale. «L’aspetto spiacevole è quando entra in gioco uno studio legale. Molto spesso si parlano linguaggi diversi e c’è la tendenza a dare ragione allo studente con qualsiasi mezzo mettendo in discussione la professionalità di chi è formato a saper valutare». Alla fine decisivo rimane stabilire che, sottolinea la direttrice, «non ci sia stata arbitrarietà in forma di abuso da parte del docente. Mi piace moltissimo un’espressione di Pier Paolo Pasolini, che già negli anni Settanta parlava dell’”antropologia del vincente”. Ovvero di una società che spinge al doversi affermare. La declinazione estrema può essere un agguerritissimo ricorso con tanto di avvocati». 
 

Tipress
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
3 ore
Indagine su cinquemila aziende per capire l'effetto Covid
Il progetto nasce su incarico del Cantone ed è stato sviluppato dalla SUPSI
FOTO
CANTONE
3 ore
De Rosa: «Eravamo pronti», Vitta: «Saranno anni difficili»
Pronzini parte subito all'attacco, ora tocca ai consiglieri di Stato prendere la parola.
CANTONE
5 ore
Ascensione impegnativa per la Rega
Gli equipaggi della Guardia aerea sono decollati 150 volte in Svizzera, di cui sedici in Ticino
CANTONE
7 ore
Un nuovo caso e un decesso nelle ultime 24 ore
Dall'inizio dell'emergenza, i casi positivi al Covid-19 registrati nel nostro Cantone sono 3'306. 348 i morti.
CANTONE
8 ore
La collaborazione tra ospedali pubblico-privato è stata esemplare
Ma poi la critica: "La Svizzera ha reagito in modo eccessivo alla pandemia"
CANTONE
9 ore
I ticinesi in bici per fuggire al Covid
Negozi di biciclette presi d'assalto. ProVelo: «Mai visti tanti ciclisti, sta succedendo qualcosa»
CANTONE
10 ore
Lugano capitale per tre giorni
Il Gran Consiglio ritorna a riunirsi dopo due mesi
LUGANO
19 ore
«Siamo rimasti all'estero per proteggere i nostri cari»
Il più grande rimpatrio della storia ha riportato in Svizzera quasi 7.000 persone a bordo di 33 voli.
CANTONE
21 ore
«Una legge sbagliata spalancherà la via all’assistenza»
Gli effetti del coronavirus su un mercato già malato nella lettura di Bruno Cereghetti
FOTO E VIDEO
CANTONE
23 ore
Le sponde della Maggia attirano numerosi bagnanti
Complice la giornata semi-estiva, le distanze sociali non sempre sono state rispettate.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile