Foto Tio/20Minuti
Ricci e galle (nel cerchio, una foglia malata) sullo stesso ramo
CANTONE
23.08.19 - 06:000
Aggiornamento : 09:47

L'allarme Cinipide è rientrato:  «Ci sarà un buon raccolto di castagne»

La ricomparsa delle "galle" sugli alberi aveva fatto temere un ritorno dell'insetto dannoso: «Ma anche l'antagonista è in azione. L'equilibrio è ristabilito» dice il capoufficio della selvicoltura

LUGANO - I castagni ticinesi sono tornati a soffrire per colpa del Cinipide. Ma l’allarme, lanciato la scorsa primavera, in particolare per i boschi del Mendrisiotto, può dirsi cessato quando manca un mese all’inizio del raccolto di uno dei frutti simbolo del Ticino. Cinipide del castagno e Torymus sinensis (entrambi insetti) sono due nemici che, pur non incontrandosi mai da adulti, si affrontano allo stadio di larve. Ed è una battaglia silenziosa e mortale che avviene sotto i nostri occhi a danno degli alberi.  

I timori in primavera - Dopo alcuni anni di tregua, nei mesi scorsi su rami e foglie dei castagni erano ricomparsi quei rigonfiamenti che un decennio fa avevano azzerato la produzione dei frutti. Segno che il Cinipide erano tornato a deporre le proprie uova nelle gemme degli alberi con la conseguenza di danneggiare le piante stesse. «Non solo nei boschi più a sud, ma un po’ in tutto il Ticino - fa notare Giorgio Moretti, capo dell’Ufficio cantonale della selvicoltura - avevamo riscontrato questo aumento delle galle che un po’ ci aveva sorpresi». 

L’allarme rientrato - La buona notizia, prosegue l’esperto, «è che quasi tutte queste galle contengono già l’antagonista. Quindi il meccanismo che si era instaurato dagli anni 2011-13 è ancora presente». In altre parole, anche quest’anno dalle uova deposte dal Torymus nella galla sono fuoriuscite le larve che si cibano della prole del Cinipide. «Si è in pratica ristabilito quell’equilibrio naturale, con un aumento della preda - il Cinipide - che taluni anni appare più marcato, ma immediatamente è seguito da un aumento del predatore, il Torymus». Quest’ultimo, ricordiamo, arrivò nei boschi ticinesi dall’Italia dove era stato introdotto dall’uomo per salvare la produzione di castagne. 

L’antenna di Agroscope - A monitorare, su mandato del Cantone, l’evolversi della malattia del castagno c’è anche Agroscope a Cadenazzo, con Marco Conedera, specialista delI’Istituto federale per la ricerca per la foresta (WSL). «Sin dai primi anni, grazie ai 15 siti di controllo, abbiamo osservato che la condizione degli alberi dipendeva molto dallo sfasamento temporale che c’era tra l’arrivo del Cinipide e quello dell’antagonista. I danni maggiori si sono infatti registrati nel Sottoceneri, dove il cinipide è comparso prima, assai meno nelle valli dell’Alto Ticino dove i due insetti sono arrivati quasi in contemporanea». 

Al sole la lotta è più dura - Non tutte le piante si sono però riprese: «Abbiamo notato - continua Conedera - che il meccanismo non funziona bene sui versanti più esposti al sole. Ad esempio, tra Locarno e Sementina, sopra Gudo, o in Valle Maggia. Siccome l’antagonista vive nelle galle secche, in primavera effettua un ciclo che dipende dalla temperatura. Nei boschi dove a gennaio-febbraio la temperatura è più calda, il Torymus fa la sua comparsa in anticipo, ma non trova vegetazione da parassitare». E lo scontro tra larve non avviene.

Ci sarà un buon raccolto - La situazione in generale sembra indicare che l’equilibrio si è oggi ristabilito nei boschi ticinesi. Al proposito Giorgio Moretti, che è anche presidente dell’Associazione dei castanicoltori della Svizzera italiana, tranquillizza chi apprezza il frutto dell’albero del pane: «Grazie alla buona fioritura e alle piogge ben diffuse lungo tutta l’estate si può prevedere che gli alberi produrranno dei buoni quantitativi di castagne».

Foto Tio/20Minuti
Ingrandisci l'immagine
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Sandrini Sirio 11 mesi fa su fb
Mettetevi poi d'accordo? O c'e' o non c'e' ? E se lla raccolta delle castagne saranno abbondanti piuttosto di svenderli a quei aprofittatori li do ai maiali. Che vanno pure a prenderli in terronia
Mattia Vassalli 11 mesi fa su fb
Dario Cannavò lunedì compilare formulario👍😜 Per esperienza personale consiglio almeno 2 giorni di raccolto🙈🍾
Cristina Botta 11 mesi fa su fb
Prezzi bassi allora, figo
Jessica Lanza 11 mesi fa su fb
Luca Cuoco oleeeee
Mitsh Mitsh 11 mesi fa su fb
Bello a saperlo meglio ....
Ade Gheiz 11 mesi fa su fb
Basta che i centri di raccolta restino aperti a orari decenti. La gente lavora sapete?
Valerio Castellani 11 mesi fa su fb
Che mondo 🌍 tra cinipide bipede pensante roghi plastichite comandanti menefreghismo maledetta stagione che fa e fanno solo danni e mettiamo anche gli incidenti almeno le castagne 🌰 sono salve ma i fuochi 🔥 bruciano sempre e mi pare non bruci a nessuno per spegnerli magari un po’ di peperoncino 🌶 potrebbe aiutarli a muovere le terga 🌿🌿🌿🌿🌿😡😡😭
Stefania Cannavò-Scaroni 11 mesi fa su fb
Dario Cannavò
Dario Cannavò 11 mesi fa su fb
Stefania Cannavò-Scaroni siiiii
Marina Rosario Maria 11 mesi fa su fb
Valter Barbulovic
Maddalena Moccetti 11 mesi fa su fb
Valeria V. Vonlaufen
sedelin 11 mesi fa su tio
ottimo!
Alessandro Dino Osso 11 mesi fa su fb
Marica Bognuda puoi stare tranquilla 😊
Marica Bognuda 11 mesi fa su fb
Notizia fantastica! Via libera alle scorpacciate anche quest’anno!💪🏼😉
Libero Bianchi 11 mesi fa su fb
Buono!!!!!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
44 min
Per gli anziani il 2020 è un film horror
Isolamento da Covid. Soprattutto chi si trova in una casa di riposo continua a pagare un prezzo altissimo.  
FOTO
LUGANO
46 min
Incidente a Viganello
Le immagini giunte in redazione mostrano un uomo a terra, nei pressi del passaggio pedonale
CANTONE / SVIZZERA
3 ore
Immagini violente, propaganda, Isis e pedopornografia
C'è la richiesta di pena per i due presunti islamisti a processo: tre anni e sei mesi per uno, 34 mesi per l'altro
CANTONE / SVIZZERA
3 ore
Contratti di tirocinio: «La situazione sta migliorando»
Lo afferma la Segreteria di Stato per la formazione secondo cui ne sono finora stati stipulati il 90% di quelli del 2019
BELLINZONA
5 ore
Casa anziani di Sementina: «L'UDC fa sciacallaggio a scopo elettorale»
Il PPD risponde alle accuse rivolte dai democentristi a Soldini, Morisoli e ai dipendenti della struttura.
CANTONE
7 ore
Brutti ma buoni contro lo spreco alimentare
«I due terzi dei consumatori sono disposti ad acquistare una quantità maggiore di questi prodotti»
CANTONE
9 ore
Cinque nuovi casi di Covid-19 in Ticino
Il totale d'infezioni da inizio pandemia ha raggiunto quota 3'458. Il numero di decessi resta fermo a 350.
BELLINZONA
11 ore
Perchè il mercato di Bellinzona ha successo?
Carlo Banfi, responsabile del mercato, ci svela i segreti della popolarità dell’appuntamento all'ombra dei castelli
LUGANO
13 ore
Yoga nudi per accettare i propri difetti
Dawio Bordoli, 56 anni, fa il "ricercatore spirituale". Una figura su cui molti sono scettici. Ecco i suoi segreti.
SVIZZERA
1 gior
È in corso il processo ai due presunti reclutatori dell'ISIS
Si presume che i due imputati siano responsabili di diversi viaggi in Siria effettuati da musulmani svizzeri
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile