Foto Tio/20Minuti
Ricci e galle (nel cerchio, una foglia malata) sullo stesso ramo
CANTONE
23.08.19 - 06:000
Aggiornamento : 09:47

L'allarme Cinipide è rientrato:  «Ci sarà un buon raccolto di castagne»

La ricomparsa delle "galle" sugli alberi aveva fatto temere un ritorno dell'insetto dannoso: «Ma anche l'antagonista è in azione. L'equilibrio è ristabilito» dice il capoufficio della selvicoltura

LUGANO - I castagni ticinesi sono tornati a soffrire per colpa del Cinipide. Ma l’allarme, lanciato la scorsa primavera, in particolare per i boschi del Mendrisiotto, può dirsi cessato quando manca un mese all’inizio del raccolto di uno dei frutti simbolo del Ticino. Cinipide del castagno e Torymus sinensis (entrambi insetti) sono due nemici che, pur non incontrandosi mai da adulti, si affrontano allo stadio di larve. Ed è una battaglia silenziosa e mortale che avviene sotto i nostri occhi a danno degli alberi.  

I timori in primavera - Dopo alcuni anni di tregua, nei mesi scorsi su rami e foglie dei castagni erano ricomparsi quei rigonfiamenti che un decennio fa avevano azzerato la produzione dei frutti. Segno che il Cinipide erano tornato a deporre le proprie uova nelle gemme degli alberi con la conseguenza di danneggiare le piante stesse. «Non solo nei boschi più a sud, ma un po’ in tutto il Ticino - fa notare Giorgio Moretti, capo dell’Ufficio cantonale della selvicoltura - avevamo riscontrato questo aumento delle galle che un po’ ci aveva sorpresi». 

L’allarme rientrato - La buona notizia, prosegue l’esperto, «è che quasi tutte queste galle contengono già l’antagonista. Quindi il meccanismo che si era instaurato dagli anni 2011-13 è ancora presente». In altre parole, anche quest’anno dalle uova deposte dal Torymus nella galla sono fuoriuscite le larve che si cibano della prole del Cinipide. «Si è in pratica ristabilito quell’equilibrio naturale, con un aumento della preda - il Cinipide - che taluni anni appare più marcato, ma immediatamente è seguito da un aumento del predatore, il Torymus». Quest’ultimo, ricordiamo, arrivò nei boschi ticinesi dall’Italia dove era stato introdotto dall’uomo per salvare la produzione di castagne. 

L’antenna di Agroscope - A monitorare, su mandato del Cantone, l’evolversi della malattia del castagno c’è anche Agroscope a Cadenazzo, con Marco Conedera, specialista delI’Istituto federale per la ricerca per la foresta (WSL). «Sin dai primi anni, grazie ai 15 siti di controllo, abbiamo osservato che la condizione degli alberi dipendeva molto dallo sfasamento temporale che c’era tra l’arrivo del Cinipide e quello dell’antagonista. I danni maggiori si sono infatti registrati nel Sottoceneri, dove il cinipide è comparso prima, assai meno nelle valli dell’Alto Ticino dove i due insetti sono arrivati quasi in contemporanea». 

Al sole la lotta è più dura - Non tutte le piante si sono però riprese: «Abbiamo notato - continua Conedera - che il meccanismo non funziona bene sui versanti più esposti al sole. Ad esempio, tra Locarno e Sementina, sopra Gudo, o in Valle Maggia. Siccome l’antagonista vive nelle galle secche, in primavera effettua un ciclo che dipende dalla temperatura. Nei boschi dove a gennaio-febbraio la temperatura è più calda, il Torymus fa la sua comparsa in anticipo, ma non trova vegetazione da parassitare». E lo scontro tra larve non avviene.

Ci sarà un buon raccolto - La situazione in generale sembra indicare che l’equilibrio si è oggi ristabilito nei boschi ticinesi. Al proposito Giorgio Moretti, che è anche presidente dell’Associazione dei castanicoltori della Svizzera italiana, tranquillizza chi apprezza il frutto dell’albero del pane: «Grazie alla buona fioritura e alle piogge ben diffuse lungo tutta l’estate si può prevedere che gli alberi produrranno dei buoni quantitativi di castagne».

Foto Tio/20Minuti
Ingrandisci l'immagine
Commenti
 
Sandrini Sirio 3 mesi fa su fb
Mettetevi poi d'accordo? O c'e' o non c'e' ? E se lla raccolta delle castagne saranno abbondanti piuttosto di svenderli a quei aprofittatori li do ai maiali. Che vanno pure a prenderli in terronia
Mattia Vassalli 3 mesi fa su fb
Dario Cannavò lunedì compilare formulario👍😜 Per esperienza personale consiglio almeno 2 giorni di raccolto🙈🍾
Cristina Botta 3 mesi fa su fb
Prezzi bassi allora, figo
Jessica Lanza 3 mesi fa su fb
Luca Cuoco oleeeee
Mitsh Mitsh 3 mesi fa su fb
Bello a saperlo meglio ....
Ade Gheiz 3 mesi fa su fb
Basta che i centri di raccolta restino aperti a orari decenti. La gente lavora sapete?
Valerio Castellani 3 mesi fa su fb
Che mondo 🌍 tra cinipide bipede pensante roghi plastichite comandanti menefreghismo maledetta stagione che fa e fanno solo danni e mettiamo anche gli incidenti almeno le castagne 🌰 sono salve ma i fuochi 🔥 bruciano sempre e mi pare non bruci a nessuno per spegnerli magari un po’ di peperoncino 🌶 potrebbe aiutarli a muovere le terga 🌿🌿🌿🌿🌿😡😡😭
Stefania Cannavò-Scaroni 3 mesi fa su fb
Dario Cannavò
Dario Cannavò 3 mesi fa su fb
Stefania Cannavò-Scaroni siiiii
Marina Rosario Maria 3 mesi fa su fb
Valter Barbulovic
Maddalena Moccetti 3 mesi fa su fb
Valeria V. Vonlaufen
sedelin 3 mesi fa su tio
ottimo!
Alessandro Dino Osso 3 mesi fa su fb
Marica Bognuda puoi stare tranquilla 😊
Marica Bognuda 3 mesi fa su fb
Notizia fantastica! Via libera alle scorpacciate anche quest’anno!💪🏼😉
Libero Bianchi 3 mesi fa su fb
Buono!!!!!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
ASCONA
6 ore
«Traffico ticinese paralizzato ovunque, non ci si muove più»
Lo sfogo della deputata Michela Ris, che invita i cittadini a ricorrere al car sharing e al telelavoro: «Nel 2020 con Alptransit le cose miglioreranno? Dipende da dove si abita»
CANTONE
7 ore
Fino a 60 centimetri di neve in Vallemaggia
Allerta a nord. Ma da domenica il tempo migliora e la prossima settimana torna il sole
BIASCA
8 ore
Allarme su Fb: «Rapitori di bimbi in paese». La scuola: «È un fake»
Un post su Facebook mette in ansia i genitori. All’origine ci sarebbe un fatto reale, un automobilista che ha avvicinato una bimba chiedendole il nome e poi è ripartito
CANTONE
9 ore
Solo un distretto risparmiato dai radar
La prossima settimana niente controlli mobili a Blenio. Ben 15 le località controllate nel Luganese
LOCARNO
10 ore
Lettere anonime a Dadò: «È la 150esima. Un'ossessione»
Da anni uno stalker l'avrebbe preso di mira. «Invito questa persona a dedicare il suo tempo ad altro e a sé stesso. Probabilmente ne ha bisogno»
LUGANO
11 ore
Morta dopo la liposuzione, il medico non operava in Ticino
Arriva a distanza di un anno e mezzo la risposta del Consiglio di Stato sul dottor M.C. «Non ha mai ricevuto l'autorizzazione a esercitare»
FOTO E VIDEO
CANTONE / NEPAL
13 ore
Le mani ticinesi nella ricostruzione post terremoto
Oltre 600 case, due scuole e un ambulatorio medico grazie alla generosità. Kam For Sud ha concluso il lavoro di ricostruzione del villaggio di Saipu
LUGANO
15 ore
Chi conosce l’agente di quartiere, si sente più sicuro
Sono stati presentati stamani i risultati del sondaggio sulla sicurezza. I cittadini più soddisfatti della qualità di vita sono quelli di Castagnola, Carona e Cureggia
LUGANO
15 ore
Lago Ceresio, è allerta piena
Il rischio "marcato" è previsto tra le 11 di oggi e le 18 di lunedì. Anche la Tresa, l'emissario del lago di Lugano, si è alzata
LUGANO
17 ore
«Me la sono cavata con una giacca rotta e qualche "pattone" in faccia»
Parla la vittima dell'aggressione al posteggio di Campo Marzio: «Devo ringraziare la mamma che mi ha aiutato e la polizia cantonale che è stata gentilissima»
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile