TiPress
+ 2
CADENAZZO
22.08.19 - 12:200
Aggiornamento : 15:47

«La Posta deve darsi una mossa»

Il nuovo direttore generale parla di «tirare la cinghia». E promette nuovi posti di lavoro a Bellinzona

CADENAZZO - Da aprile 2019 Roberto Cirillo, ticinese di 48 anni, è alla guida della Posta. E proprio in Ticino ha colto l'occasione oggi per rendere chiara la direzione da intraprendere ora che si trova a capo del Gigante Giallo. «Dobbiamo darci una mossa», ha affermato davanti ai giornalisti in conferenza stampa presso il nuovo centro pacchi di Cadenazzo.

Il nuovo direttore generale ha svolto una trentina di visite in tutta la Svizzera, recandosi nelle filiali, nei centri pacchi e nei centri lettere e persino sulla porta di casa dei clienti a consegnare la corrispondenza. «Abbiamo sfruttato il tempo a disposizione per elaborare una visione globale della Posta, trasversale a tutte le unità», ha spiegato. La conclusione è inequivocabile: «Se oggi non facciamo nulla, tra dieci anni non saremo più in grado di finanziare il servizio universale di tasca nostra». Per Cirillo per un periodo la Posta deve tirare un po’ di più la cinghia e il volume degli investimenti per il 2020 deve essere allineato al risultato atteso per il 2019. «Non vogliamo spendere più di quanto incassiamo».

Il futuro - La Posta guarda alla nuova strategia valida dal 2021 con un gruppo di lavoro formato da collaboratori che hanno tra i 30 e i 40 anni e non appartengono solamente ai quadri superiori. Tra le nuove idee Cirillo cita l'ampliamento delle prestazioni per «la distribuzione capillare e l’ultimo miglio in Svizzera». Altre idee invece sono futuristiche, come la «logistica senza materiale d’imballaggio, servizi repair & reuse o piattaforme per la sharing economy». Con il progetto "Public Digital Services 2.0", il nuovo gruppo strategico studia come la Posta possa offrire servizi e mettere le sue competenze migliori a disposizione di una Svizzera digitale, che rinuncia all’uso della carta.

In futuro la Posta dovrebbe tuttavia imboccare anche strade totalmente nuove: «Abbiamo deciso di tener conto anche di soluzioni settoriali trasversali, ad esempio in ambito sanitario, nel settore finanziario, e fornendo assistenza alle autorità nello svolgimento delle loro mansioni», dichiara Cirillo.

Nuovi posti di lavoro a Bellinzona - Particolarmente importante per il CEO è l’accordo trovato con le parti sociali sul rilevamento del tempo di lavoro in ambito logistico. «Mentre stiamo mettendo a punto la nuova strategia, creeremo nuovi posti di lavoro qualificati nel settore informatico a Neuchâtel e Bellinzona, per dar vita a centri di competenza decentralizzati».

TiPress
Guarda tutte le 5 immagini
Commenti
 
mats70 2 mesi fa su tio
Il tirare la cinghia evidentemente non è riferito a se stesso ma a tutti gli altri dipendenti
miba 2 mesi fa su tio
Tanto per precisare copio e incollò dalla Rivista: Ha origini italiane il nuovo uomo forte della Posta Svizzera, a cui toccherà ripristinare l’immagine del gigante giallo e gestire la riorganizzazione della rete. Il manager Roberto Cirillo, nato a Zurigo da famiglia napoletana. Premesso ciò per dovere di cronaca ci sarà poi però da vedere CONCRETAMENTE la differenza tra quello che viene buttato in pasto ai media, quello che viene fatto realmente e quello che influisce sulle condizioni di lavoro (alias obiettivi di tempi, vendita, rendimento, ecc) di chi è operativamente dietro le quinte
occhiaperti 2 mesi fa su tio
Ancora più posti di lavoro per fronatlieri!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
LUGANO
1 ora
Quando la strada per il medico è troppo lontana
Davanti alla stazione di Lugano sono comparsi alcuni cartelli con il tipico aspetto della segnaletica svizzera dei sentieri. Ma con località tutt'altro che nostrane...
LAMONE
1 ora
Due ticinesi in Laos a caccia di urla bestiali
Filippo Franchini, 29 anni, è dottorando in statistica. Con un drone acustico brevettato insieme al fratello e a un amico, volerà in Asia per censire i gibboni, scimmie in via d’estinzione
CANTONE
10 ore
Renzetti "flashato" a 177 km/h: «Ero arrabbiato con l'arbitro»
Il presidente dei bianconeri ha calcato un po' troppo il piede sulla A13 rientrando da una partita fuori casa: «Non pensavo la mia Golf fosse così potente»
CANTONE
11 ore
Merlini: «C'è desiderio di cambiamento, e va rispettato»
Dopo l'odierna sconfitta, il candidato PLR intende ritirarsi dalla politica: «Ora ho più tempo per la mia attività professionale»
CANTONE
13 ore
La bucalettere strabocca: «Avrei potuto rubare diverse schede»
Molte persone aspettano l’ultimo momento per imbucare la busta del voto per corrispondenza. Un’abitudine che però può creare qualche problema...
CANTONE
13 ore
Carobbio: «La mia elezione? Un segnale per l’uguaglianza di genere»
Per la prima volta una donna rappresenterà il Ticino al Consiglio degli Stati
CANTONE
14 ore
«Nessuna guerra con la Carobbio, troveremo accordi»
Un esponente dell’UDC e una del PS andranno d’accordo insieme al Consiglio degli Stati? Marco Chiesa: «Certamente sull’aumento dei premi casse malati troveremo soluzioni convergenti»
CANTONE
15 ore
Neve sull'A2, «lunghi ritardi» verso nord
Spazzaneve in azione sul posto. Disagi alla circolazione in entrambe le direzioni
CANTONE
16 ore
Lombardi: «Sapevo che col ticket avrei rischiato»
La reazione dell’ormai ex senatore PPD ticinese dopo la sua mancata rielezione
CANTONE
17 ore
Giovanni Merlini lascia la politica
Il candidato del PLR non è riuscito a conservare il seggio lasciato vacante da Fabio Abate. Caprara: «Mi assumo la responsabilità di questo risultato»
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile