Tipress
BELLINZONA
19.08.19 - 15:410

IOSI apripista: nuove terapie contro i linfomi aggressivi

L’Istituto Oncologico della Svizzera Italiana è stato scelto per la partecipazione a uno studio clinico multicentrico

BELLINZONA - Stimolare il sistema immunitario del paziente oncologico, in modo che le sue cellule possano tornare a riconoscere il tumore per poi eliminarlo. È questa la nuova frontiera dei trattamenti, in alternativa alla chemioterapia, ai farmaci “intelligenti” e alle radiazioni, che apre nuove prospettive per i pazienti oncologici. Grazie all’ingegneria genetica, le cellule del sistema immunitario sono prelevate, riprogrammate e nuovamente iniettate nello stesso paziente, pronte per combattere e distruggere il tumore che era riuscito ad eludere il loro controllo. L’Istituto Oncologico della Svizzera Italiana (IOSI), grazie alla sua reputazione internazionale per la cura dei linfomi maligni, è stato scelto per la partecipazione a uno studio clinico multicentrico per i pazienti colpiti da linfoma aggressivo, che recidiva dopo la chemioterapia di prima scelta. Il reclutamento dei pazienti per queste nuove terapie è appena iniziato presso lo IOSI.

I linfomi sono un gruppo di diversi tumori del sistema immunitario che traggono la loro origine da cellule del sangue. Caratterizzati da una crescita veloce e un decorso rapidamente fatale in assenza di trattamento, i linfomi aggressivi sono, tuttavia, potenzialmente guaribili. Infatti, globalmente, grazie alla chemioterapia, circa il 50-60% dei casi può essere guarito. In certi casi che non rispondono al trattamento iniziale o sono vittime di una ricaduta è possibile effettuare un trapianto di cellule staminali autologhe (dello stesso paziente) con un tasso di successo che va dal 10% al 50%.
L’autotrapianto rappresenta una procedura standard praticata allo IOSI da oltre 25 anni.

Un nuovo approccio per lottare contro i linfomi - Con le cellule geneticamente modificate denominate CAR-T è possibile considerare un nuovo e complesso approccio terapeutico contro i tumori. È sempre più concreta, infatti, la possibilità di trasformare artificialmente le cellule del sistema immunitario di un paziente per far sì che distruggano in modo selettivo le cellule malate.

Il trattamento con cellule CAR-T consiste nel prelievo di specifici linfociti, ovvero delle cellule del sangue responsabili della difesa immunitaria, che sono fisiologicamente dei guardiani contro i tumori.
I linfomi sono in grado di ingannare questi linfociti cosiddetti di tipo T, eludendo il loro controllo. I linfociti T prelevati dal paziente sono sottoposti ad una procedura di ingegneria genetica in laboratorio per rafforzarli e permetter loro di riconoscere con più precisione il tumore e interrompere i suoi meccanismi di elusione del sistema immunitario. I linfociti T così trasformati vengono risomministrati al paziente, si moltiplicano, attaccano il tumore e lo distruggono definitivamente, liberando la persona dal linfoma. Si tratta quindi di un sofisticato approccio che fa leva sulle difese naturali anti tumore già presenti nel paziente e che combina tecnologie di avanguardia come la terapia genica e l’immunoterapia.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO E VIDEO
MEZZOVICO
1 ora

Centra la rotonda e si ribalta sul tetto

Un conducente proveniente dalla Spagna ha perso il controllo della sua Citroen all'entrata di Mezzovico questa sera. Nell'incidente ha riportato ferite apparentemente non troppo gravi

LUGANO
2 ore

Festeggia il compleanno al bowling: gli rubano tutti i regali

Singolare furto in uno dei più noti locali ricreativi del Luganese. La mamma del bimbo: «Video sorveglianza scadente». La replica: «Non siamo baby sitter»

CANTONE
4 ore

Solo qualche pioggia all'orizzonte

Prosegue questa tendenza a giornate miti e sostanzialmente prive di precipitazioni, a parte una parentesi tra martedì e mercoledì

FOTO VIDEO E SONDAGGIO
LUGANO
6 ore

"Lugano migliore", scoppia la polemica

Piazza Riforma negata al corteo: critiche ai municipali per la loro politica poco ecologista

FOTO E VIDEO
BREGGIA
6 ore

Il sole bacia la sagra della castagna di Caneggio

Con 40 espositori e 20 artigiani, la piccola frazione della Valle di Muggio ha accolto oggi diverse centinaia di visitatori all'interno di una ventina di corti storiche

FOTO E VIDEO
BLENIO
7 ore

L'auto esce dal posteggio, il centauro vola a terra

Sul posto i soccorritori di Tre Valli Soccorso e la Polizia

FOTOGALLERY
CANTONE
10 ore

Ecco chi sono i 9 migliori apprendisti ticinesi

Incoronati i campioni ai TicinoSkills 2019. Una sessantina i partecipanti nelle competizioni in programma. Ed ora si vola ai campionati nazionali SwissSkills 2020

CANTONE
12 ore

Lugano Airport, il "salvatore" è un cavaliere dell'impero?

Il privato interessato allo scalo luganese avrebbe un nome, è l'ex Ceo di L’Oréal

FOTO
LUGANO
1 gior

Il mercato delle cipolle non è solo a Berna

Tante persone hanno partecipato quest'oggi al tradizionale evento autunnale svoltosi in Piazza Manzoni a Lugano

FOTO E VIDEO
BELLINZONA
1 gior

Oltre 200 persone per la pace in Siria: «Fermiamo Erdogan»

La manifestazione, svoltasi nella calma e senza incidenti di rilievo, è andata in scena questo pomeriggio nelle strade della capitale: «Ci opponiamo all'aggressione immotivata al popolo curdo»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile