Quattro amici e un sogno (da sin. Adrian Gassmann, Michela Nicora, Dagmar Setz e Sebastiano Pollock).
TERRE DI PEDEMONTE
19.08.19 - 06:020
Aggiornamento : 13:57

«Costruiremo appartamenti in cui il vicino è uno di casa»

Fasi finali per il progetto “Viv Insema” con le sue tre palazzine dove gli inquilini non saranno mai degli estranei. «Ma non è una comune» chiarisce la presidente della cooperativa abitativa

TEGNA - È un progetto di cooperativa abitativa come ce ne sono parecchie negli altri cantoni, ma non in Ticino. E a questa particolarità se ne aggiunge un’altra, che screma ancora di più: chi verrà a vivere qui a Tegna, nelle Terre di Pedemonte, non potrà essere un misantropo. Di più, dovrà avere il piacere di condividere taluni spazi e attività.

Abitare no profit - «Ma non è una comune stile anni ‘70» sgombra il campo dall’equivoco Michela Nicora, presidente di “Viv Insema”, il sodalizio che da anni ormai sogna di portare a tetto quei 17 appartamenti suddivisi in tre palazzine a Tegna, vicino al fiume e al bosco. L’idea è sul punto di sbocciare, negli scorsi giorni è apparso un annuncio per reperire gli ultimi soci e finalmente avviare il cantiere. Un format nuovo per il Ticino, continua la presidente, «ma non a Zurigo dove, ad esempio, la stessa Città ha organizzato una cinquantina di appartamenti come cooperativa abitativa. Noi abbiamo replicato qui questa formula no profit». 

L’idea è piaciuta - In pratica nessuna persona fisica specula o guadagna sugli affitti (basati sull’equo canone) versati dai soci che per abitare uno dei diciassette appartamenti hanno versato - sotto forma di prestito - la cifra iniziale di circa otttantamila franchi. Cui si aggiungono 20mila franchi di quote sociali che almeno una persona per appartamento deve versare. I 14 appartamenti già riservati con un contratto indicano che la proposta è piaciuta.

Il vicino non è un estraneo - Tuttavia l’aspetto davvero innovativo sta nello spirito che dovrebbe animare i soci: «Il nostro sogno è che chi verrà ad abitare qui veda nel vicino di casa una persona cui magari dare una mano se necessita di fare la spesa oppure è malata. L’ideale del “Viv insema” va quindi oltre la cooperativa che è fondata sul no profit». Per riuscirci hanno puntato su un mix formato da persone anziane e giovani famiglie con bambini. 

Vita libera ma solidale - In una palazzina ci sarà inoltre un appartamento in comune, con saletta e cucina, dove sarà possibile organizzare feste o pranzare assieme alcuni giorni della settimana. «Se si vuole, naturalmente. Perché anche da noi la libertà è molto importante. Certo chi vuole stare solo per conto proprio non deve venire da noi ad abitare. Ma gli appartamenti hanno una porta» sorride Nicora. La novità - oggi per nulla scontata - è che se bussi ti verrà aperta.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
15 min

I controlli radar «siano effettuati solo dalla Cantonale»

Una mozione di Piero Marchesi (primo firmatario) propone una modifica delle disposizioni che regolano le competenze tra i vari corpi delle forze dell’ordine

LUGANO
1 ora

Il video del ciclista arrabbiato: «Multate anche i pedoni»

Il titolare di un negozio di biciclette ha documentato la "gincana" quotidiana in centro a Lugano. Bertini: «Stiamo recuperando, mi appello al buonsenso»

FOTO
BELLINZONA
2 ore

Ecco l'albero che produce energia con il vento

Il progetto, ideato da alcuni studenti della Commercio, è stato inaugurato ieri nel Parco urbano cittadino

NOVAGGIO
3 ore

Giornata Alzheimer: «La vita accanto alla mia compagna che non ricorda più nulla»

Il 21 settembre si celebra la Giornata mondiale della "ladra dei ricordi". «Mi prendo cura della mia piccolina. Le sue carezze mi fanno sentire fortunato»

CANTONE
15 ore

Radar a Camorino, pizzicata anche l'auto che trasportava Gobbi

Il tanto criticato controllo della velocità avrebbe "colpito" anche l'auto sulla quale sedeva il Consigliere di Stato. Ma a guidare era il suo autista

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile