CANTONE / VAUD
16.08.19 - 21:450
Aggiornamento : 17.08.19 - 09:38

Espulso per traffico di auto rubate, graziato dal Tribunale federale

Per i giudici la Segreteria di Stato della migrazione non ha considerato il fatto che l’uomo, un cittadino italiano allontanato per 10 anni dalla Svizzera, ha cambiato mestiere e atteggiamento

LUGANO / LOSANNA - Era uno degli otto finiti alla sbarra per aver partecipato a un traffico di una settantina di automobili rubate e poi rivendute tra Italia, Francia e Spagna e Ticino. Dal processo “Muscle Car” l’uomo, un cittadino italiano, uscì nel febbraio 2015 con una condanna ad una pena detentiva di due anni e sei mesi per i reati di ricettazione qualificata e ripetuta falsità in documenti. Un anno dopo, nel settembre 2016, la Segreteria di Stato della migrazione (SEM) pronunciò nei suoi confronti un divieto d’entrata in Svizzera per dieci anni.

Ed è quest’ultima decisione che il Tribunale federale ha cancellato accogliendo lo scorso 31 luglio il ricorso del cittadino italiano. Da un lato Losanna ha condiviso coi giudici di prima istanza il fatto che l’insorgente si sia macchiato di reati che non vanno per niente banalizzati. 

Decisivo per la revoca del divieto d’entrata in Svizzera, secondo il Tribunale federale, è tuttavia il fatto che l’uomo abbia nel frattempo cambiato mestiere e, soprattutto, atteggiamento. «Dopo avere proceduto - tra il luglio e l'ottobre 2013, nella forma del dolo eventuale ed in relazione al mestiere a quel tempo svolto - alla compravendita di ventotto autovetture provenienti da reati contro il patrimonio, unitamente all'allestimento fraudolento della relativa documentazione, egli ha infatti cambiato attività e non risulta inoltre più essersi macchiato di nessun altro reato». 

Il Tf ricorda che «la condanna inflittagli nel 2016 resta l'unica finora emessa a suo carico e concerne reati di natura finanziaria compiuti in un ambiente che non frequenta più». Infine i giudici ricordano che l’uomo, grazie all’effetto sospensivo sulla decisione, ha potuto continuare a lavorare in Svizzera e «non risulta aver tradito la fiducia riposta nei suoi confronti». Certo non ci sarà una seconda opportunità: «È però sin d'ora avvertito del fatto che nel caso dovesse di nuovo cadere nell'illecito, rendendosi colpevole di atti penalmente rilevanti, si esporrà con molta verosimiglianza a nuove misure di allontanamento».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
2 ore
Quella sindrome silenziosa che di nome fa Asperger
Se ne parla sempre di più. E non solamente perché Greta Thunberg ne è affetta
CANTONE
2 ore
Io mamma di un ragazzo Asperger: «Difficile, ma il Ticino ci ha aiutati»
Nella giornata mondiale della sindrome, la testimonianza di una madre: «Un percorso a ostacoli. Servono diagnosi e aiuti»
BELLINZONA
12 ore
Col casco in testa, a caccia delle buche killer
Un credito di 3 milioni di franchi per risistemare le piste ciclabili della Capitale. Lo chiede il municipale Christian Paglia. Ecco il nostro video
BELLINZONA
13 ore
Oggi Pronzini ha parlato «troppo», è polemica
Dieci interpellanze su 12 erano del deputato Mps. Le discussioni slittano, e tra i banchi del Gran Consiglio volano stracci
LUGANO
14 ore
Cantiere in via Maraini: «Nessun pericolo»
La Città di Lugano fuga i dubbi sollevati la scorsa settimana da Sara Beretta Piccoli circa i rischi relativi alla presunta presenza di amianto
CANTONE
15 ore
Batteri nei ristoranti, ecco cosa è stato trovato
Il laboratorio cantonale ha effettuato analisi in un centinaio di esercizi ticinesi. I risultati delle indagini
CANTONE
16 ore
Maestro interrogato: prosciolti i due poliziotti
Si è concluso con un'assoluzione il secondo processo a due agenti della Cantonale. Erano accusati di sequestro di persona e abuso di autorità
CANTONE
18 ore
Galleria di base del Ceneri: luce verde all'esercizio di prova
L'Ufficio federale dei trasporti ha dato l'autorizzazione ad AlpTransit San Gottardo per l'inizio dei test che avranno luogo tra marzo e fine agosto
CANTONE
19 ore
Losanna spegne l'ultimo "lumino" a Girardi
L'ex direttore del locale erotico era tornato a insistere sul presunto finanziamento lobbistico alla Lega. Ma per l'Alta Corte il fatto è ininfluente
LUGANO
20 ore
Il Ticino degli affari si sfrega le mani
Periodo cruciale per Business Network International nella Svizzera italiana. L’organizzazione conta ora un nuovo gruppo. E non è finita
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile