foto gmaps
CHIASSO
08.08.19 - 16:470
Aggiornamento : 09.08.19 - 07:00

Sedici famiglie sfrattate, diversi 90enni

I nuovi proprietari del palazzo Carpano vogliono fare "piazza pulita" per ristrutturare. L'allarme di Giorgio Fonio: «Gli anziani meritano rispetto»

CHIASSO - Da quattro giorni bloccati in casa. «Hanno fermato l'ascensore, e smesso di fare le pulizie». Gli inquilini di palazzo Carpano, in piazza Boffalora 2 a Chiasso, sono sul piede di guerra. Hanno ricevuto uno sfratto in blocco, ed entro fine mese dovranno andarsene. 

A dare l'allarme su Facebook è stato il consigliere comunale Giorgio Fonio (Ppd) che intende «chiedere l'intervento del Municipio». All'interno del palazzo, uno dei più storici e centrali di Chiasso, abitano per lo più persone anziane, tra cui diversi 90enni. La disdetta in tempi strettissimi (3 mesi, il minimo legale) è stata notificata ad esempio anche a una signora di 96 anni, malata, e a una coppia di 90enni senza figli né nipoti. 

«Questi anziani meritano rispetto» tuona il consigliere comunale sui social, puntando il dito contro i nuovi proprietari dello stabile, una società immobiliare con sede a Zurigo. Alcuni inquilini vivrebbero nello stabile «da 30-40 anni». 

Fa eco alla protesta il sindaco di Chiasso, Bruno Arrigoni, anch'egli «preoccupato» per la situazione. «Stiamo seguendo attentamente gli sviluppi, e naturalmente siamo a disposizione come Comune per trovare delle sistemazioni. Dal punto di vista formale, però, non ci è ancora stata presentata alcuna richiesta di ristrutturazione». 

Ad aggravare ancor più la situazione, alcune carenze nella gestione dell'immobile che, agli sfrattati, appaiono sospette. «Improvvisamente il nuovo proprietario ha cessato di effettuare le pulizie. È stato bloccato l'ascensore per presunti "motivi di sicurezza"» racconta uno degli inquilini, contattato. Da quattro giorni diverse persone anziane sarebbero «di fatto costrette a rimanere in casa». 

Diversi inquilini si sono già rivolti all'ufficio di conciliazione, chiedendo tempistiche più lunghe. «Abbiamo sempre pagato l'affitto e le spese. Non meritiamo questo trattamento» protestano. 

 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
Guarda troppi film, Salt lo “disconnette”
Un 25enne del Mendrisiotto è tra i clienti più scomodi dell'operatore. Servizio interrotto per eccesso di roaming
CANTONE
1 ora
Quest'anno il mercatino lo vedrai sul display
Successo inatteso per un gruppo Facebook che dà spazio all'artigianato locale: i membri sono già oltre novemila
BELLINZONA
9 ore
Il personal shopper si sposta online e ti veste sui social
Reinventarsi in un mestiere tradizionale attraverso la tecnologia. Una sfida vinta durante la pandemia
LUGANO
12 ore
Scarcerato don Chiappini
Il giudice dei provvedimenti coercitivi non ha convalidato il fermo. Il sacerdote torna a piede libero
FOTO E VIDEO
MAROGGIA
14 ore
Enorme incendio al Mulino Maroggia, ci sono intossicati
Pompieri e Polizia sono sul posto, ma il loro intervento è reso difficile dalla "forza" del rogo.
CANTONE
14 ore
Messaggi di Ermani: «Non luogo a procedere»
Per il Procuratore generale sostituto la segnalazione di Pronzini non ha aggiunto nulla a quanto già di dominio pubblico
CANTONE
15 ore
Da Bedano a Balerna altri contagi in casa anziani
Piccolo focolaio in un reparto della Stella Maris. Cinque residenti isolati al quarto piano. Altri casi a Ca' Rezzonico
TAVERNE
16 ore
Incidente in A2, disagi
Tra Taverne e il monte Ceneri si segnala un sinistro in direzione nord
CANTONE
16 ore
Lockdown 2: cineasti ticinesi fatevi avanti
«Mai prima di questa primavera era stato realizzato un progetto a livello nazionale in così poco tempo»
FOTO
BELLINZONA
20 ore
Le rotonde di Camorino sono (infine) pronte
Dopo mesi di cantiere e qualche polemica, le nuove rotatorie sono entrate in servizio negli scorsi giorni.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile