Depositphotos (archivio)
In Ticino calano i furti di bici classiche. Le e-bike però sono sempre più gettonate fra i ladri.
CANTONE
08.08.19 - 10:260
Aggiornamento : 11:40

Ai ladri piacciono le e-bike, ecco come le rubano

Un’ottantina i furti in Ticino nel 2018. I consigli della Polizia cantonale per prevenire brutte sorprese

BELLINZONA - Le cifre parlano piuttosto chiaramente: le e-bike sono sempre più gettonate fra i ladri di biciclette. Se i furti delle classiche due ruote a pedali sono in graduale diminuzione in Ticino in questi ultimi anni - dai 1042 casi registrati nel 2016 si è passati ai 686 nel 2018 -, quello delle loro controparti elettriche ha fatto segnare invece un deciso incremento.

Il rapporto attuale, indica oggi la Polizia cantonale, è di un’e-bike ogni cinque bici sottratte, per un’ottantina di episodi complessivi nel 2018. Cifre riconducibili al successo di questi mezzi che da qualche anno popolano sempre maggiormente le strade del nostro Cantone.

Come agiscono i ladri? - I ladri di biciclette o ciclomotori non sempre agiscono a piedi: di frequente infatti, fuggono con la refurtiva a bordo di un’auto oppure salgono su un treno per lasciare il Ticino. Talvolta si spostano anche con furgoni sui quali caricano biciclette non fissate a un palo o a una recinzione, oppure che non si trovano in un locale chiuso a chiave. In questi casi, forzeranno il meccanismo di chiusura con gli attrezzi necessari solo in un secondo tempo, in tutta tranquillità.

Proteggere le proprie due ruote - Si rende quindi fondamentale proteggere tutti i modelli, dato che solitamente non sono rubate solo biciclette esclusive e costose, ma anche quelle meno nuove. In questo senso, un robusto dispositivo di chiusura può già costituire un effetto dissuasivo per i ladri, in quanto si può tradurre per loro in un investimento di tempo e di energie poco profittevole per i loro scopi.

Cinque consigli - La Polizia cantonale suggerisce inoltre cinque semplici accorgimenti per rendere la vita dura ai malintenzionati e proteggere le vostre biciclette. Il primo è quello, se possibile, di parcheggiare la vostra bici in un luogo sorvegliato o in un locale che può essere chiuso a chiave.

La bicicletta deve inoltre essere sempre assicurata con un meccanismo di chiusura di qualità ed essere incatenata ad una rastrelliera o ad un'altra struttura fissa. Infine è importante annotarsi sempre il numero di telaio, la marca e il colore così come conservare la fattura originale per poterla consegnare, in caso di furto, alla polizia e all'assicurazione.

Mi hanno rubato la bici. Cosa faccio?

In caso di furto è importante notificarlo il prima possibile alla polizia. Per formalizzare la denuncia è necessario compilare l’apposito formulario, che trovate anche online al seguente link https://www4.ti.ch/di/pol/sportello/denunce-online/denunce-online/, stamparlo e presentarlo con gli allegati richiesti ad un posto di polizia. Per la compilazione del documento di denuncia ricordatevi di fornire il numero di telaio del vostro velocipede, la marca/il modello, un’eventuale fotografia, il nome della vostra assicurazione economia domestica e un documento d’identità valido.

Per maggiori informazioni consultate il sito della Prevenzione svizzera della Criminalità: https://www.skppsc.ch/it/furto-di-biciclette-ecco-come-potete-forse-ritrovare-la-vostra-bici/ 

Commenti
 
dan007 1 mese fa su tio
Hahhaha la verità è che non si controlla i più le frontière troppi stranieri vengono da noi a fare la spesa avete distrutto l’essenza della swissitude ristabilite i controlli alle frontiere pene più severe hai furbetti Stranieri non paghiamo la casa 5 volte di più che a Varese se dobbiamo chiuderci a chiave in un paese dove 30 anni fa lasciavo la porta aperta di casa mia
Paolo Longoni 1 mese fa su fb
Io me la porto in casa e la lascio in corridoio. Ho dovuto tirare così tanto la cinghia per comprarla che nemmeno per sogno la lascio incustodita.
Arminda Armi 1 mese fa su fb
Aldo Villa 1 mese fa su fb
Certo che se tutti (ma tutti) i costruttori di motori per e-bike istallassero una sorta di blocco motore (che può essere sbloccato unicamente da un dealer di quella marca e solo se è conosciuto il nr. di fabbrica sennò cippa), il furto di e-bike calerebbe drasticamente
Paolo Longoni 1 mese fa su fb
Aldo Villa di fatto, bosch, polini, Yamaha e i nuovi bafang sono tutti così.
Aldo Villa 1 mese fa su fb
Di Bosch 2020, sapevo. Bene! È che dovrebbe essere generalizzato sennò il ladro come fa a sapere se quello è bloccato o no? Lo ruba e poi semmai, lo butta in discarica
Gio Albe 1 mese fa su fb
Ahhh cosa faremmo senza i vostri consigli...🤦🏻‍♂️🤦🏻‍♂️
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
54 min

La vie en rose di Plein a Milano con citazione finale in Pretura a Lugano

La Barzanò & Zanardo, società leader nella tutela dei marchi, reclama dallo stilista oltre 400mila franchi per fatture non saldate. Si presenterà? «Il personaggio è imprevedibile» dicono

CANTONE
1 ora

Tutto il Ticino sotto l'occhio vigile dei radar

Nessun distretto sarà escluso dei controlli della velocità mobili e semi-stazionari della prossima settimana

FOTO E VIDEO
CANTONE
2 ore

Evacuata l'Ikea di Grancia

Sul posto 4 veicoli del Pompieri. L'allarme è rientrato dopo una manciata di minuti

LUGANO
3 ore

Un'altra pioggia di domande sulle rive del Ceresio

Un’interrogazione di Tiziano Galeazzi (primo firmatario) chiede chiarimenti sui casi della spiaggia abusiva di Caprino e della banchina in Riva Vela

LUGANO
8 ore

Lugano Airport, e se fosse una straordinaria opportunità?

Un gruppo di esperti in innovazione traccia un quadro a tinte decisamente meno fosche rispetto alle cronache più recenti: «Occorre tuttavia avere il coraggio di scelte radicali»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile