tipress
MENDRISIO
07.08.19 - 09:400
Aggiornamento : 12:38

La baby-gang momò: «Botte e sballo, ci divertivamo così»

Dal limbo al branco. Un'inchiesta giudiziaria fotografa il disagio adolescenziale. Ne parliamo con il Magistrato dei minorenni e un ex membro del "branco"

MENDRISIO - «Mi alzavo la mattina, se mi alzavo, e non sapevo cosa fare. Iniziavo a bere. Ero disperato». A parlare è un 20enne del Mendrisiotto, ex membro della "banda" momò oggetto di un'inchiesta annunciata settimana scorsa dalla Procura. In manette sono finiti cinque giovani, altri quaranta sono stati denunciati.   

«Manipolati» dal capobranco - La banda di teppisti era dedita a spaccio, piccole estorsioni e furti con scasso. Delle accuse più gravi si occuperà il Ministero pubblico. Al centro dell'inchiesta un 23enne della regione, il "capobranco" descritto come un «leader manipolatore» da chi l'ha conosciuto. «Era molto bravo ad acchiapparti, ad entrare in sintonia» racconta l'ex gregario, minorenne all'epoca dei fatti. 

Botte e sballo - «Si serviva di me e altri quando c'era da menare le mani, da picchiare qualcuno che gli aveva fatto uno sgarro. Oppure ci chiedeva soldi, con delle scuse, e non li rivedevi più» ha raccontato il giovane a tio/20minuti. I collanti del gruppo erano «fare palestra per diventare "grossi", il gioco d'azzardo e poi lo sballo». Oggi il 20enne ritiene di essere stato «usato» dal branco. Assicura di avere messo "la testa a posto" dopo l'incontro con la giustizia. «Ho trovato un lavoro e sono uscito dal limbo». 

Nove minori coinvolti - L'inchiesta ha coinvolto in tutto 9 ragazzi minorenni all'epoca dei fatti. L'obiettivo degli inquirenti è «soprattutto riagganciare questi giovani alla società». Per il magistrato Reto Medici, il procedimento «offre uno spaccato interessante su un problema più generale». 

Boom di procedimenti - Gli incarti aperti a carico di minori sono esplosi in Ticino negli ultimi due anni. Da 874 nuovi procedimenti nel 2016 si è passati a 1222 nel 2017, a 1200 l'anno successivo. «I casi di quest'anno sono sostanzialmente stabili, la tendenza è purtroppo confermata» spiega il magistrato. «A preoccupare è soprattutto la diffusione degli stupefacenti e la difficoltà a inserirsi nel mondo del lavoro». 

«Ragazzi di ogni estrazione» - La recente inchiesta ne è la prova. I ragazzi coinvolti, tutti del Mendirisiotto, sono «un gruppo eterogeneo dal punto di vista sociale» spiega Medici. «Ad accomunarli non è la situazione economica ma piuttosto delle abitudini di vita». Ad esempio «quella di uscire la notte e dormire a lungo di giorno, in assenza di un'attività scolastica o lavorativa» spiega il magistrato. Un limbo in cui, secondo le statistiche, si trovano sempre più giovani ticinesi. «Il consumo di stupefacenti e alcolici diventa per molti un diversivo, ma anche un modo di realizzarsi e ottenere un riconoscimento». 

Dinamiche di gruppo - La banda, appunto. «Le dinamiche di emulazione e di gruppo rivestono un ruolo importante» nell'inchiesta, come anche la figura del capobranco maggiorenne e manipolatore. «Non parliamo comunque di un'organizzazione stabile, ma di giovani che condividevano luoghi di aggregazione, le stazioni e alcuni bar». Qui, spesso sotto l'effetto di sostanze, i "ragazzacci" concepivano piccoli furti con scasso o altre imprese notturne.

«Fiduciosi sugli interventi» - Pestaggi, minacce e ricatti verbali – di qui l'accusa di estorsione – completano il quadro poco edificante. «Non è stato un lavoro facile. In diversi casi abbiamo attivato degli educatori e persino il collocamento in strutture rieducative» racconta Medici. «Con il tempo però abbiamo iniziato a vedere risultati positivi. Sulla possibilità di recidiva, sono fiducioso».   

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOCUS
3 ore
C'è una legge nel mare: si chiama "salvare"
Durante l'emergenza Covid c'è chi non si è fermato per salvare in mare le vite dei migranti. Noi li abbiamo incontrati
LUGANO
5 ore
«Ha fatto di tutto per essere fermato»
Strage progettata alla Commercio di Bellinzona: la difesa ha chiesto una riduzione della pena
BELLINZONA
6 ore
Il Woodstock si mette in quarantena
Parla uno degli avventori del Woodstock, presente la stessa sera della recluta positiva al Covid.
LUGANO
6 ore
Colpirono il radar con una molotov, fermati due ventenni
Il gesto era stato portato a termine da uno dei due a marzo del 2019 per salvare l'amico da una multa.
CANTONE
6 ore
Studio sul Covid, 8'000 lettere dirette ai ticinesi
L'esperto di salute pubblica Emiliano Albanese: «Non possiamo più farci cogliere impreparati»
BELLINZONA
6 ore
«Un ragazzo normale, che più non si può»
Strage progettata alla Commercio di Bellinzona: è iniziata l'arringa della difesa
CANTONE / SVIZZERA
7 ore
Un'estate un po' diversa per il Gottardo
Gli svizzeri, ma anche i cittadini europei, quest'estate si sposteranno meno per le vacanze.
CANTONE
7 ore
I casi aumentano anche in Ticino
Dopo un mese di giugno molto positivo, oggi il nostro cantone è confrontato con una crescita della curva epidemiologica.
CHIASSO
11 ore
Aggredito dal capo, resta senza disoccupazione
È successo a un aiuto-cuoco in un ristorante del Sottoceneri. I sindacati: «Fatti gravi, da denunciare»
CANTONE / SVIZZERA
11 ore
«Le FFS continuano a viaggiare su binari sbagliati»
L'ex regia federale ha deciso di rimuovere dalla propria offerta l’abbonamento generale per studenti.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile