tipress
MENDRISIO
07.08.19 - 09:400
Aggiornamento : 12:38

La baby-gang momò: «Botte e sballo, ci divertivamo così»

Dal limbo al branco. Un'inchiesta giudiziaria fotografa il disagio adolescenziale. Ne parliamo con il Magistrato dei minorenni e un ex membro del "branco"

MENDRISIO - «Mi alzavo la mattina, se mi alzavo, e non sapevo cosa fare. Iniziavo a bere. Ero disperato». A parlare è un 20enne del Mendrisiotto, ex membro della "banda" momò oggetto di un'inchiesta annunciata settimana scorsa dalla Procura. In manette sono finiti cinque giovani, altri quaranta sono stati denunciati.   

«Manipolati» dal capobranco - La banda di teppisti era dedita a spaccio, piccole estorsioni e furti con scasso. Delle accuse più gravi si occuperà il Ministero pubblico. Al centro dell'inchiesta un 23enne della regione, il "capobranco" descritto come un «leader manipolatore» da chi l'ha conosciuto. «Era molto bravo ad acchiapparti, ad entrare in sintonia» racconta l'ex gregario, minorenne all'epoca dei fatti. 

Botte e sballo - «Si serviva di me e altri quando c'era da menare le mani, da picchiare qualcuno che gli aveva fatto uno sgarro. Oppure ci chiedeva soldi, con delle scuse, e non li rivedevi più» ha raccontato il giovane a tio/20minuti. I collanti del gruppo erano «fare palestra per diventare "grossi", il gioco d'azzardo e poi lo sballo». Oggi il 20enne ritiene di essere stato «usato» dal branco. Assicura di avere messo "la testa a posto" dopo l'incontro con la giustizia. «Ho trovato un lavoro e sono uscito dal limbo». 

Nove minori coinvolti - L'inchiesta ha coinvolto in tutto 9 ragazzi minorenni all'epoca dei fatti. L'obiettivo degli inquirenti è «soprattutto riagganciare questi giovani alla società». Per il magistrato Reto Medici, il procedimento «offre uno spaccato interessante su un problema più generale». 

Boom di procedimenti - Gli incarti aperti a carico di minori sono esplosi in Ticino negli ultimi due anni. Da 874 nuovi procedimenti nel 2016 si è passati a 1222 nel 2017, a 1200 l'anno successivo. «I casi di quest'anno sono sostanzialmente stabili, la tendenza è purtroppo confermata» spiega il magistrato. «A preoccupare è soprattutto la diffusione degli stupefacenti e la difficoltà a inserirsi nel mondo del lavoro». 

«Ragazzi di ogni estrazione» - La recente inchiesta ne è la prova. I ragazzi coinvolti, tutti del Mendirisiotto, sono «un gruppo eterogeneo dal punto di vista sociale» spiega Medici. «Ad accomunarli non è la situazione economica ma piuttosto delle abitudini di vita». Ad esempio «quella di uscire la notte e dormire a lungo di giorno, in assenza di un'attività scolastica o lavorativa» spiega il magistrato. Un limbo in cui, secondo le statistiche, si trovano sempre più giovani ticinesi. «Il consumo di stupefacenti e alcolici diventa per molti un diversivo, ma anche un modo di realizzarsi e ottenere un riconoscimento». 

Dinamiche di gruppo - La banda, appunto. «Le dinamiche di emulazione e di gruppo rivestono un ruolo importante» nell'inchiesta, come anche la figura del capobranco maggiorenne e manipolatore. «Non parliamo comunque di un'organizzazione stabile, ma di giovani che condividevano luoghi di aggregazione, le stazioni e alcuni bar». Qui, spesso sotto l'effetto di sostanze, i "ragazzacci" concepivano piccoli furti con scasso o altre imprese notturne.

«Fiduciosi sugli interventi» - Pestaggi, minacce e ricatti verbali – di qui l'accusa di estorsione – completano il quadro poco edificante. «Non è stato un lavoro facile. In diversi casi abbiamo attivato degli educatori e persino il collocamento in strutture rieducative» racconta Medici. «Con il tempo però abbiamo iniziato a vedere risultati positivi. Sulla possibilità di recidiva, sono fiducioso».   

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LOCARNO
7 ore
Nevicate che sanno di beffa per Cardada
Vista la meteo di questi giorni, qualche rimpianto per la chiusura degli impianti c’è. «Ma un anno in più non avrebbe fatto la differenza», spiega il locale Sci Club
SONDAGGIO
CANTONE
9 ore
Acquisti online tabù: «I regali comprateli in Ticino»
L’appello della Federcommercio in vista del Natale. La presidente Lorenza Sommaruga: «Non vogliamo demonizzare nessuno. Però tanti piccoli negozi sono a rischio chiusura»
CANTONE
11 ore
Vent’anni di prigione, e l’espulsione dalla Svizzera
È la pena esemplare proposta dalla Procura per il 56enne che, due anni fa, uccise la moglie all’autosilo di Ascona
CANTONE / CONFINE
12 ore
Ticinesi nei boschi per la droga, fermato l'ennesimo traffico
Un anno di pedinamenti, mezzi aerei e diverse auto per porre un freno allo spaccio in quel del Parco Pineta
CANTONE
13 ore
In aula va in scena il video dell'uccisione, e scoppia il dolore
Nella requisitoria, il Pp Moreno Capella ha ricostruito il «calvario» della donna uccisa all’autosilo di Ascona. Critiche dalla Procura alla polizia
CANTONE
14 ore
Ballottaggio per gli Stati: «La RSI non c’era»
La critica del Consiglio del pubblico della CORSI: «C'era voglia di informazione». Quindi le scuse: «Terremo conto delle osservazioni per migliorare»
CANTONE
15 ore
«Mikron? La loro è irresponsabilità sociale»
L'MPS punta il dito contro il Cantone definendolo complice dei licenziamenti «con la sua politica di sgravi fiscali»
CANTONE
17 ore
La "prova" del tradimento? «Un herpes sulle labbra»
Emergono nuovi particolari dal processo al 56enne che, nel giugno 2017, uccise a colpi di pistola la moglie in un autosilo ad Ascona
CANTONE
17 ore
«Non è possibile quantificare esattamente i tagli»
Il responsabile delle finanze di Mikron ha commentato la notizia dei 25 licenziamenti annunciati ad Agno. Senza sbilanciarsi: «Dipenderà dall'evoluzione delle commesse nei prossimi mesi»
CANTONE
18 ore
«Io la amavo, signor giudice, la amavo»
A processo il 56enne che uccise la moglie in un autosilo di Ascona, nel 2017. Tra lacrime in aula e accuse di tradimenti
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile