Archivio Tipress
CANTONE
04.08.19 - 10:590
Aggiornamento : 14:50

Il collegamento Lugano-Zurigo sotto la lente di Swiss

Un'eventuale interruzione del volo metterebbe a rischio il futuro dell’aeroporto di Agno

AGNO - L’aeroporto di Agno rischia di doversi confrontare con ulteriori difficoltà: Swiss intende infatti mettere sotto la lente il volo Lugano-Zurigo, come afferma il CEO Thomas Klühr in un’intervista pubblicata oggi dalla SonntagsZeitung. «Come compagnia aerea della Svizzera, colleghiamo anche il Ticino con il mondo via Zurigo - afferma - ma se la ferrovia dovesse diventare un’alternativa valida e veloce al volo interno, a tempo debito ne terremo conto».

L’attrattività del collegamento con Zurigo dipende infatti dal tunnel di base del Ceneri, che entrerà in esercizio nel dicembre 2020. A partire da allora ci vorranno meno di due ore per raggiungere in treno lo scalo di Kloten. Oggi con il volo interno, considerando anche i tempi d’attesa, il viaggio dura poco meno. Swiss potrebbe quindi in futuro optare per la ferrovia. Una soluzione analoga esiste già tra Basilea e Zurigo, dove si sale in carrozza con il biglietto aereo.

«Sarebbe un duro colpo» - Per l’aeroporto di Agno, che dall’autunno del 2017 sta già facendo i conti con l’interruzione del collegamento con Ginevra a causa del fallimento di Darwin Airline, il ritiro di Swiss rappresenterebbe un altro duro colpo. E metterebbe a serio rischio il futuro dello scalo, come sottolinea anche l’ex membro del Cda Emilio Bianchi, interpellato dal domenicale. «Siamo in contatto con Swiss e sappiamo che non c’è ancora una decisione definitiva».

Da Malpensa... con altre compagnie - Secondo Bianchi l’interruzione del collegamento con Zurigo peserebbe comunque anche sull’attività di Swiss: «La maggior parte dei passeggeri dal Ticino ripiegherebbe sull’aeroporto di Milano Malpensa da dove volerebbe con altre compagnie». Dallo scalo luganese, lo ricordiamo, nel 2018 quasi novantamila persone hanno scelto Swiss per arrivare a Zurigo. E per la stragrande maggioranza di loro si trattava soltanto di uno scalo per poi raggiungere un’altra destinazione della rete Swiss.

Ne risentirebbe anche l'economia - Si teme anche per l’economia ticinese, come sottolinea il consigliere di Stato Christian Vitta dalle colonne del domenicale. «La rinuncia al collegamento con Zurigo non metterebbe a rischio soltanto il traffico di linea, ma anche tutte le attività ad essere collegate». Uno studio dell’Università di San Gallo, commissionato dalla Città di Lugano e presentato di recente, ha infatti mostrato che nel 2017 l’aeroporto ha garantito quasi 1’600 posti di lavoro e ha avuto un impatto economico di quasi duecento milioni di franchi.

La politica e i voli interni - Con il dibattito sempre più acceso sulla questione climatica, l'aviazione viene presa di mira. Klühr si dice stupito di come i politici cambino rapidamente opinione. Quelli che fino a poco tempo fa chiedevano a Swiss di impegnarsi di più a Ginevra o Lugano, oppure di operare a Berna, ora sono quelli «che vogliono abolire i voli interni». Sul fronte dei voli a lungo raggio, la compagnia annuncia invece l'introduzione di due nuovi collegamenti da Zurigo: Washington D.C. e Osaka.

Si continua a volare - Nonostante il dibattito sul clima, si continua comunque a volare, come rileva anche Swiss. Klühr sottolinea, infatti, che nel primo semestre di quest'anno il numero dei passeggeri è cresciuto di oltre il 3% rispetto al 2018, che è stata un'annata record. «E la richiesta resta alta».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
«Senza misure niente deroga»
L’OCST controllerà l’applicazione rigorosa delle norme a protezione della salute dei lavoratori
CANTONE
1 ora
Disinfettanti prodotti “in casa” e gratis
Paolo Rezzonico utilizza il suo birrificio per produrre etanolo a partire da tre semplici ingredienti
CANTONE
3 ore
Le reclute di Losone «pronte per un'eventuale chiamata»
I neoformati del corso di sanitari d'unità «potranno entrare in servizio se necessario» a partire dal prossimo 3 aprile
CANTONE
4 ore
Tutto chiuso fino al 5 aprile
Il presidente del Consiglio di Stato chiarisce l'ok arrivato da Berna allo stop delle attività commerciali e produttive.
BERNA
7 ore
Limitazioni o cessazione delle attività, arriva l'ok da Berna
L'autorizzazione può essere prorogata fino al 5 aprile
CANTONE
9 ore
Pronzini: «Aziende che lavorano... grazie agli amici?»
Il deputato Mps solleva ulteriori interrogativi sui trasporti di ghiaia in Val Bavona
CANTONE
9 ore
I contagi aumentano ancora, ma un po' meno: altri 39 casi
Nelle ultime ventiquattro ore i malati sono arrivati a quota 1'727. E i morti complessivi legati al Covid-19 sono 87
CANTONE
10 ore
Colpo di coda dell'inverno
Sono stati giorni con temperature che normalmente si registrano a fine gennaio.
GRIGIONI
19 ore
Cantieri ancora aperti nel Moesano: «Ora basta, governo grigionese!»
Per Nicoletta Noi-Togni, è il «paradosso di essere praticamente ticinesi»: «Dovremo interrogarci e fare una scelta».
SONDAGGIO
CANTONE
21 ore
Quarantena: arriva il consultorio per la coppia ticinese che scoppia
Risponderà da Locarno e Mendrisio e promette un aiuto per affrontare la convivenza forzata.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile