foto tio.ch/20minuti
CANTONE
02.08.19 - 08:350
Aggiornamento : 28.08.19 - 08:07

Ecco la casa degli orrori: così i “mostri” l’hanno fatta franca per anni

Un’abitazione nel verde, con cani da guardia, in un luogo discosto. Qui una coppia avrebbe abusato sessualmente dei figli, filmandoli e fotografandoli. In paese, regnano amarezza e senso di colpa

BELLINZONA – «Siamo amareggiati. A volte vorremmo incontrare quei due ragazzi e chiedere loro scusa per non esserci accorti di quello che stavano vivendo». A sussurrarlo è un abitante della piccola frazione del comune del Bellinzonese, in cui abitava la coppia di “mostri” che per anni avrebbe abusato dei figli. Centinaia di volte. Filmando e fotografando le scene. Tio/20minuti si è recato davanti alla casa degli orrori. Sul cancello, una scritta: “Area protetta da cani da guardia addestrati”. «Anche questo – dice il nostro testimone – ci teneva un po’ lontani da quel luogo».

Fatti non immaginabili – Marito e moglie, cittadini italiani, 50 anni lui, 45 lei, sono stati arrestati nel 2016. Grazie alla segnalazione di una ragazzina. Forse, ma il dato non è confermato, si tratta della figlia. La notizia è emersa solo di recente, quando il Ministero pubblico ha annunciato pubblicamente il rinvio a giudizio della coppia. «Sapevamo pochissimo di queste persone – racconta un’altra residente – li vedevamo passare con il loro camper, o con la loro macchinona. Non parlavano con noi. Qui in paese ci sentiamo tutti un po’ in colpa. Ma chi poteva immaginarsi una cosa del genere?»

Un’oasi verde – Recandosi sul posto (di cui, per proteggere le vittime, non riveleremo il nome), si capisce come la coppia abbia potuto farla franca per così tanto tempo. La loro ex casa è situata in una zona discosta. Per raggiungerla, occorre fare diverse curve. I vicini sono pochi. E il giardino è molto grande. Dispersivo. Un’oasi verde in cui spicca un capanno di legno. Forse è (anche) lì che avvenivano quelle mostruosità?

L’idilliaca fontanella – L’abitazione, finita sul Foglio Ufficiale, sarebbe ora “in svendita”. Messa all’incanto, come dicono gli abitanti del posto. A guardarla, vengono i brividi. Lo stato è di totale abbandono. Nemmeno l’idilliaca fontanella, con tanto di dondolo accanto, che si intravede (proprio a malapena) sbirciando tra le assi del cancello di legno, allontana determinati fantasmi dalla mente di chi osserva.

Lusso e debiti – Si mormora che la coppia, nel corso degli anni, avrebbe accumulato una lunga serie di debiti. Dovuta probabilmente anche a uno stile di vita “sopra le righe”. L’uomo faceva il commesso in un supermercato. Eppure, nonostante uno stipendio normale, si concedeva lussi particolari.

Una lunga serie di accuse – Attualmente, dopo avere ammesso parzialmente i fatti, marito e moglie si trovano in stato di espiazione anticipata della pena. I due sono accusati di incesto, violenza carnale, coazione sessuale e pornografia dura. Dalle perizie psichiatriche non è emersa alcuna scemata imputabilità. L’inchiesta è portata avanti dalla procuratrice pubblica Marisa Alfier, che, stando a fonti ufficiali, dovrebbe chiedere per la coppia una pena di almeno cinque anni di detenzione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile