Archivio Tipress
BELLINZONA
23.07.19 - 07:140

Caso Carpinteri: i retroscena legali

All’ex finto cuoco di Belusconi non è stato rilasciato il permesso. Il deputato MPS Matteo Pronzini se la prende col Governo. Ma il Cantone reagisce: «Siamo stati efficaci»

BELLINZONA – «Questa risposta è inaccettabile». Matteo Pronzini, deputato del Movimento per il Socialismo (MPS) ce l’ha col Governo. E con la replica alla sua interrogazione in merito alla presenza in Ticino di Salvatore Carpinteri, 48enne italiano. L’ex finto cuoco di Berlusconi, protagonista di una lunga lista di reati in Italia, non può più entrare in Svizzera. Lo conferma la segreteria di Stato della migrazione. «Le autorità – tuona Pronzini – ci hanno messo troppo a capire chi fosse questa persona. Assurdo». «Questo caso – replica in maniera assertiva Silvia Gada, capo della Sezione della Popolazione – è un esempio dell’efficacia dei controlli che fanno emergere le situazioni critiche. Non il contrario».

Il campanile al centro del villaggio – Gada rimette il campanile al centro del villaggio. «Per chiarezza, preciso che non si tratta di un’espulsione, ma di un mancato rilascio del permesso di soggiorno dopo le verifiche delle autorità cantonali. Inoltre, nei confronti del signor Carpinteri, le autorità federali hanno disposto un divieto di entrata contro il quale è stato inoltrato un ricorso».

Un grosso punto di domanda – Ricorso che solleva qualche domanda. «Quindi – si chiede Pronzini – significa che qualsiasi delinquente può entrare in Svizzera, opporsi al rifiuto della richiesta di permesso e poi fare ciò che vuole per due anni? Io capisco che ci siano degli iter burocratici. Ma serve anche del buonsenso in casi particolari». Gada è trasparente: «Ogni persona che riceve una decisione da un’autorità cantonale o federale ha il diritto di impugnarla».

Su Google si parlava molto di lui – Due anni per chiarire la situazione, nonostante il nome (con relativo curriculum) dell’ex finto cuoco di Berlusconi fosse reperibile facilmente sul web. «I tempi – riprende Gada – sono dettati dalle garanzie procedurali di diritto di tutte le persone e dal tipo di decisione presa».

La moglie resta in Svizzera – Interrogativi anche sul fatto che la moglie dell’ex finto cuoco di Berlusconi continuerà a vivere in Ticino, con i figli. «Soprattutto nei casi dei cittadini comunitari – evidenzia Gada – i coniugi possono avere un diritto autonomo a un permesso di soggiorno. Questo può quindi comportare che sebbene uno dei due coniugi sia colpito da una determinata misura l'altro non lo sia».

Non esistono permessi B provvisori – Carpinteri, quando ci aveva ospitati nella sua casa di Locarno, ci aveva parlato di un permesso B provvisorio. «Non esistono permessi B provvisori – sottolinea Gada – ma l’Ufficio su richiesta rilascia una dichiarazione sostitutiva che attesta che la persona ha pendente una domanda di rilascio di un permesso o che è pendente un ricorso».

La curiosità
Il cittadino che, per primo, ha segnalato la situazione di Carpinteri è un dipendente statale. Il Cantone gli sta facendo storie perché avrebbe scritto alcune email sulla vicenda in tempo di lavoro. Affaire à suivre.

2 mesi fa Denuncia penale per l’“ex cuoco di Berlusconi”
3 mesi fa «Io, bersaglio facile: Berlusconi mi suggerì di andarmene»
3 mesi fa Finto cuoco di Berlusconi: «Con quale permesso si è stabilito in Ticino?»
3 mesi fa Il finto ex cuoco di Berlusconi (ancora) nei guai in Ticino
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
VIDEO
LOCARNO
3 ore

Rotonda tranquilla... tranne un fermo da action movie

Un ragazzo bloccato al suolo da quattro agenti della sicurezza. Il video del fermo solleva interrogativi sulla proporzionalità dell'intervento

FOTO E VIDEO
LUGANO
5 ore

Grande successo per la nuotata popolare nel lago

I primi a tagliare il traguardo dopo avere attraversato i 2'500 metri che separano Caprino dal Lido sono stati Pierandrea Titta e Maria Fernanda Stornetta

CANTONE
6 ore

Dalla canicola alla neve, quando l’allerta corre sul filo dei social

La bacheca degli Amici di MeteoLocarno è seguita da oltre 17mila persone. La pagina ora cambia nome. Ma cambierà anche il resto? Lo abbiamo chiesto a Nicola Gobbi

FOTO
MINUSIO
7 ore

La barca va giù, sei giorni dopo il recupero

Sono state laboriose le operazioni effettuate dai pompieri di Locarno in collaborazione con un cantiere nautico della zona

GRAVESANO
10 ore

Operazioni fasulle, la prima segnalazione in febbraio

Il medico cantonale aveva scritto alla magistratura di un «possibile pericolo per la salute pubblica». Ma all’Ars Medica la procura aveva assicurato: «Nessun pericolo per i pazienti»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile